Follow by Email

sabato 25 dicembre 2010

IL PRIMO NATALE SENZA SAURO...

Ai primi di dicembre dello scorso anno è morto volontariamente Sauro Brunicardi, un amico, un grande dell'enogastronomia lucchese.
Un uomo che molto ha fatto per la cucina lucchese, per l'arte dell'accoglienza, per la crescita della sua Lucca.
Aveva tanti amici, tanto apprezzamento nel mondo, per il suo locale che era la sua vita.
La Mora era Lui, finito lui finita la Mora .......forse è giusto così.......
E' un Natale senza di lui, anche senza molti altri amici.....impossibile ricordarli tutti.
Ricordando Sauro voglio ricordare tutti loro, gli amici....che non possono festeggiare con noi il Natale 2010.....ma certamente loro..... ne sono certo...... festeggieranno in cielo.......

ciao Sauro......

AUGURIIIIIIIIIII.........A TUTTI..... ANCHE QUELLI CHE NON MI AMANO......

AUGURI A TUTTI!!!!!!

a quelli belli e quelli brutti

ai buoni e ai cattivi

ai bianchi, ai neri, ai gialli e a quelli.... misti....

a quelli che mi amano e quelli che NON mi amano

a quelli che mi aiutano e quelli che NON mi aiutano

agli amici veri e agli amici finti..

INSOMMA...... A TUTTI......

AUGURI E UN ANNO 2011 ALLA GRANDE!!!!!

francesco colucci

martedì 21 dicembre 2010

SALVIAMO LE MURA DI LUCCA

Insieme al Sindaco abbiamo presentato ieri i due Progetti per tentare di salvare le Mura di Lucca, che i consiglieri dell'Opera hanno preparato in due mesi di attento lavoro.
Il primo progetto "Uno sponsor per le Mura" è uno studio approfondito di tutte le opere che sono necessarie per la salvaguardia e la valorizzazione delle Mura di Lucca, con la stima dei lavori da fare, per ricercare sponsor che ci aiutino a farlo.
Il secondo "ioamolemuradilucca" è il tentativo di ricercare di legare opere di manutenzione e valorizzazione delle Mura ai cittadini lucchesi e del mondo, che amano le Mura e che desiderino partecipare alla sua conservazione.
Un Tessera di "ioamolemuradilucca"   costerà ad un privato 100 euro e a una impresa 1.000 e darà diritto a molti bonus: ingresso libero alle Torri, all'Orto Botanico, a Murabilia a Verde Mura ed altre facilitazioni che si ggiungeranno nel corso dell'anno (stiamo trattando uno sconto su Comics e su altre cose).
Un modo di dare un aiuto concreto alle Mura di Lucca, di esserne parte attiva, di conoscere dove e come verranno spesi i soldi raccolti e nello stesso tempo di avereuna serie di benefit legati alle attività sulle Mura, sulle Torri e sull'Orto Botanico.
Vi allego i due Progetti, prima "ioamolemuradilucca" e poi l'altro:


“ioamolemuradilucca”


CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE PER
LA CONSERVAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DELLE
MURA DI LUCCA,
L’Opera delle Mura di Lucca, Istituzione del Comune di Lucca, preposta alla conservazione e valorizzazione delle Mura Urbane, delle Torri Medievali e dell’Orto Botanico, al fine rendere attivamente partecipe il “Popolo delle Mura” alla vita del Monumento, promuove una Campagna di Adesioni volontarie, di cittadini e aziende, ad un Albo di Sostenitori denominato “ioamolemuradilucca” al fine di contribuire alla conservazione e alla valorizzazione delle Mura di Lucca.

Sono compresi in questo importante programma di conservazione e valorizzazione anche l’Orto Botanico, Torre Guinigi e Torre delle Ore, per quanto di competenza dell’Opera delle Mura.

Gli interventi in programma prevedono:

CAPITOLO I°
Restauro conservativo dei parati in mattoni delle Mura e loro pulizia: porzioni importanti dei parati in mattoni, soprattutto a Nord, necessitano di interventi di sostituzione e restauro dei mattoni e dei cordoli in pietra, oltre alla pulizia dagli arbusti infestanti

CAPITOLO II°
Nuove essenze arboree sulle Mura: Piantagione di alberi nelle parti mancanti delle Mura, della Circonvallazione e dell’Orto Botanico

CAPITOLO III°
Restauro manufatti di marmo, legno, ferro, presenti sulle Mura e all’Orto Botanico: Statue, panchine, tavoli, marciapiedi….

CAPITOLO IV°
Interventi di Restauro e manutenzioni delle Torri e dei manufatti dell’Orto Botanico: La Torre Guinigi e la Torre delle Ore e l’Orto Botanico sono amministrare dall’Opera delle Mura a cui compete la loro manutenzione e la loro valorizzazione.

CAPITOLO V°
Realizzazione delle attività di promozione e valorizzazione delle Mura: comunicazione, eventi, convegni, studi, ricerche, fiere e manifestazioni: L’attività di valorizzazione delle Mura, dell’Orto Botanico e delle Torri: Guinigi e delle Ore è compito specifico dell’Opera delle Mura e servizio indispensabile per una loro conoscenza e per il loro aiuto alla crescita turistica e quindi economica delle città.
Ogni spesa effettuata con i fondi raccolti sarà rendicontata sul sito web e la documentazione relativa sarà a disposizione di tutti nella sede dell’Opera delle Mura, accanto all’Albo dei Sostenitori.
Saranno realizzati due Albi:

• L’Albo dei Sostenitori delle Mura di Lucca

• L’Albo delle Aziende Sostenitrici delle Mura di Lucca

Albo dei Sostenitori  “ioamolemuradilucca”

Creazione di un Albo annuale degli amanti delle Mura, dell’Orto e delle Torri.

Ogni iscritto all’Albo, avrà una tessera di riconoscimento “ioamolemuradi lucca” personalizzata, ogni anno, con una suggestiva foto delle Mura.

La Tessera 2011 dà diritto a:

1. Ingresso gratuito a VerdeMura
2. Ingresso gratuito a Murabilia
3. Ingresso gratuito a Orto Botanico
4. Ingresso gratuito alle due Torri, Guinigi e delle Ore
5. Invito personalizzato a tutti gli eventi che si svolgeranno sulle Mura, realizzati dall’Opera
6. Ricevere per e.mail la news letter “Lucca: Le Mura, l’Orto e le Torri, raccontano
7. Partecipare, almeno una volta all’anno, alla Assemblea Annuale degli “Amanti delle Mura, dell’Orto e delle Torri di Lucca”.

La tessera per l’anno 2011 di “io amo le muradilucca” costa euro 100,00 e potrà essere rinnovata ogni anno, solo con decisione esplicita e volontaria.

Per i giovani al di sotto dei 20 anni il costo sarà ridotto ad euro 50,00
Per i ragazzi sotto i 14 anni, figli di aderenti all’Albo dei Sostenitori, sarà rilasciata, a richiesta, una Tessera Junior gratuita.

La tesserà 2011 darà diritto a tutte le gratuità sopra citate e alle altre promozioni che si aggiungeranno nel corso dell’anno.
La tessera è nominativa, personale e non cedibile.

L’Albo degli aderenti di ogni anno sarà tenuto presso la sede dell’Opera delle Mura e sarà visibile sul Sito: www.lemuradilucca.it. Salvo richiesta contraria.
L’Opera delle Mura informerà con la news letter “Lucca, Le Mura, L’Orto e le Torri, raccontano” delle attività realizzate con i proventi dell’Albo.


Albo delle Aziende Sostenitrici “ioamolemuradilucca”

E’ istituito un Albo “io amo le Mura di Lucca” riservato alle aziende pubbliche e private, sostenitrici delle Mura, dell’Orto e delle Torri di Lucca.
La Tessera 2011, riservata alle aziende, dà diritto a:

1. Utilizzare le Mura (Baluardi, sotterranei, cannoniere, casermette) e/o l’Orto Botanico, per riunioni o eventi aziendali, compatibili con il valore artistico del monumento, gratuitamente, per una volta all’anno, previo assenso dell’Opera delle Mura
2. Utilizzare le Mura (Baluardi, sotterranei, cannoniere, casermette) più volte nell’anno, al 50% del costo stabilito dal Regolamento, per riunioni o eventi aziendali, previo assenso dell’Opera delle Mura.

3. Venti ingressi gratuiti a Verde Mura e Murabilia,

4. Pass annuale per due persone intestato all’azienda per l’ingresso all’Orto Botanico, alle Torri, Guinigi e delle Ore, per gli ospiti delle Aziende,

5. Ricevere, per e.mail, la news letter “Lucca: Le Mura, l’Orto e le Torri raccontano”

6. Essere autorizzate ad un link reciproco sui rispettivi Siti.

7. Partecipare, almeno una volta all’anno, alla Assemblea Annuale degli “Amanti delle Mura e dell’Orto Botanico di Lucca”.

La tessera per l’anno 2011 “ioamolemuradilucca” riservata alle Aziende, pubbliche e private, costa 1.000 euro e potrà rinnovata ogni anno, solo con decisione aziendale, volontaria ed esplicita.

Le aziende possono acquistare più di una tessera.

Ogni tesserà 2011 darà diritto a tutte le gratuità sopra citate e alle altre promozioni che si aggiungeranno nel corso dell’anno.

L’Albo dei Sostenitori Aziendali sarà tenuto presso l’Opera delle Mura e sarà visibile sul Sito www.lemuradilucca.it. Salvo richiesta contraria.

L’Opera delle Mura informerà con la news letter “Lucca, Le Mura, L’Orto e le Torri, raccontano” delle attività in corso di realizzazione con i proventi dell’Albo.


L’Opera delle Mura, ringrazierà pubblicamente le singole persone e le aziende aderenti all’Albo 2011 di “ioamolemuradilucca”, quali benefattori e sostenitori delle Mura di Lucca, dell’Orto Botanico e delle Torri, Guinigi e delle Ore, anche nel corso di una riunione conviviale, a costo, e ricercherà sempre la collaborazione di ogni aderente, curandone l’informazione, su ogni atto qualificante la valorizzazione delle Mura, dell’Orto e delle Torri.


AVVISO PUBBLICO PER LA RICERCA DI SPONSOR


PER LA CONSERVAZIONE, IL RESTAURO E LA VALORIZZAZIONE
DELLE MURA URBANE DI LUCCA,

DELLE TORRI MEDIEVALI E DELL’ORTO BOTANICO


L'Opera delle Mura è l’Istituzione del Comune di Lucca, delegata alla conservazione e alla valorizzazione delle Mura Urbane, delle Torri Medievali e dell’Orto Botanico.

In occasione delle Celebrazioni dei 500 anni dalla edificazione delle Mura di Lucca,


L’OPERA DELLE MURA DI LUCCA

VISTO l’art. 43 della L. 27 dicembre 1997, n. 449;

VISTO l’art. 119 del D. lgs 18 agosto 2000, n. 267;

VISTO l’art. 120 del D lgs 42 del 22 gennaio 2004 e ss. mm. e ii. (Codice dei beni culturali e del paesaggio);

VISTO l’art. 26, c. 1, del D. lgs 12 aprile 2006, n. 163 e ss. mm. e ii (Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture), con cui si rimanda all’applicazione dei principi del Trattato dell’Unione Europea per la scelta dello sponsor e quindi al rispetto dei principi di non discriminazione, parità di trattamento, economicità, efficacia, proporzionalità e trasparenza a garanzia della concorrenza del mercato;

VISTO l’art. 27 del predetto Codice dei contratti pubblici;
AVVISA

che intende sollecitare, con il presente atto, l’interesse di SPONSOR per il finanziamento e la realizzazione dei sottoelencati interventi di restauro e valorizzazione, secondo quanto di seguito indicato.

CAPITOLO A)

A1) Illuminazione delle Mura dagli spalti

A2) Realizzazione di pista ciclabile intorno alle Mura Urbane

A3) Recupero dei sotterranei dei Baluardi, per la loro fruizione


CAPITOLO B)

B1) Sostituzione dell'asfalto sulla passeggiata con asfalto "natura"

B2) Restauro e riutilizzo della CASA DEL CANE

B3) Restauro e riutilizzo della CASA DEL BOIA

B4) Restauro della Porta e del Castello S.DONATO NUOVA

B5) Sistemazione spalti, ripristino opere di difesa e regimentazione acque e fossi

B6) Restauro e parziale ristrutturazione degli immobili dell’Orto Botanico

B7) Ampliamento dell’Orto Botanico


CAPITOLO C)

C1) Realizzazione NUOVA SEGNALETICA sulle Mura

C2) Completamento ILLUMINAZIONE dei baluardi, cannoniere, casermette e sortite

C3) Realizzazione dell’impianto di telecamere di video-sorveglianza sulle Mura e nelle sortite

C4) Realizzazione dell’impianto di copertura RETE WI-FI sulle Mura

Con il presente Avviso prende avvio soltanto la procedura di individuazione dello/degli sponsor per gli interventi ricompresi sotto Il Capitolo A, mentre per gli altri interventi, come indicato di seguito, saranno previste singole Manifestazione di Interesse che verranno attuate con singole Convenzioni predisposte dall’Opera delle Mura, da firmare da parte dei soggetti proponenti.


PROCEDURE REGOLAMENTARI

1. Soggetto promotore

L'Opera delle Mura, nella qualità di soggetto responsabile del conseguimento

dei predetti obiettivi, assume il ruolo di soggetto promotore della procedura di

sponsorizzazione.

I rapporti tra il soggetto promotore lo sponsor saranno

disciplinati da un contratto di sponsorizzazione stipulato ai sensi della normativa

vigente.

2. Soggetti ai quali è rivolto l’Avviso
Il presente Avviso è rivolto a enti, società, associazioni, imprese ed altri soggetti italiani ed esteri, che intendano promuovere la propria immagine secondo le modalità previste ai punti seguenti, concorrendo nella realizzazione delle opere ed il cui messaggio pubblicitario, a giudizio insindacabile del soggetto promotore, risulti compatibile con il decoro di un monumento di valore storico unico delle Mura di Lucca

I soggetti interessati possono presentare proposta di sponsorizzazione anche

organizzandosi in raggruppamento temporaneo con mandato di rappresentanza, in qualità di capogruppo mandatario, a uno dei soggetti temporaneamente associati, denominato main-sponsor

3. Attività e spesa prevista

CAPITOLO A)

A1) Illuminazione delle Mura dagli spalti

LOTTO 1 - Euro 500.000,00

LOTTO 2 - Euro 500.000,00

LOTTO 3 - Euro 500.000,00

Importo TOTALE Euro 1.500.000,00

A2) Realizzazione di pista ciclabile intorno alle Mura Urbane

LOTTO 1 - Euro 200.000,00

LOTTO 2 - Euro 200.000,00

LOTTO 3 - Euro 200.000,00

Importo TOTALE Euro 600.000,00

A3) Recupero dei sotterranei per la loro fruizione

Baluardo S.Martino Euro 30.000,00

Baluardo S.Paolino Euro 30.000,00

Baluardo S.Croce Euro 90.000,00

Importo TOTALE Euro 150.000,00

TOTALE CAPITOLO A Euro 2.250.000,00


CAPITOLO B)
B1) Sostituzione dell'asfalto sulla passeggiata con asfalto "natura"

LOTTO UNICO Euro 1.000.000,00

B2) Restauro e riutilizzo della CASA DEL CANE

LOTTO UNICO Euro 340.000,00

B3) Restauro e riutilizzo della CASA DEL BOIA

LOTTO UNICO Euro 1.500.000,00

B4) Restauro della Porta e Castello di S.DONATO Nuova

LOTTO UNICO Euro 160.000,00

B5) Sistemazione degi spalti, ripristino opere esterne di difesa,

regimentazione delle acque e dei fossi

LOTTO UNICO Euro 1.000.000,00

B6) Restauro e parziale ristrutturazione immobili dell’ Orto Botanico

LOTTO UNICO Euro 400.000,00

B7) Ampliamento dell’Orto Botanico

LOTTO UNICO Euro 400.000,00
TOTALE CAPITOLO B Euro 4.800.000,00


CAPITOLO C)
C1) Realizzazione NUOVA SEGNALETICA sulle Mura

LOTTO UNICO Euro 50.000,00

C2) Completamento ILLUMINAZIONE dei baluardi, cannoniere, casermette e sortite

LOTTO UNICO Euro 250.000,00

C3) Realizzazione dell’impianto di telecamere di video-sorveglianza per le Mura.

LOTTO UNICO Euro 350.000,00

C4) Realizzazione dell’impianto di copertura RETE WI-FI sulle Mura

LOTTO UNICO Euro 50.000,00

TOTALE CAPITOLO C Euro 700.000,00


 L'Avvico completo di regolamento e procedure è consultabile presso il sito dell'Opera delle Mura www.lemuradilucca.it oppure è possibile averne copia all'Opera delle Mura o scrivendo a colucci.lu@alice.it

venerdì 17 dicembre 2010

TELECRONACA DI UNA NOTTE PAZZA........PER ILLUMINARE IL NATALE

Dopo la sperimentazione dei giorni passati nel vestire le Mura e i palazzi della città di luci e immagini natalizie, al posto delle orrende pendane luminose, sperimemtazione realizzata da Ascom e Opera delle Mura, in colloborazione con Comune, CRLucca ed altri sponsor privati, si è posto il problema che si poteva fare di più e meglio.
Si sa l'appetito vien mangiando: quando ci siamo battuti nei mesi scorsi per fare questa innovativa illuminazione natalizia, Margherita Giorgi dell'Opera e Federico Lanza, dell'Ascom, su tutti, ci vieniva chiesto prudenza, piccole cose......si sa come è Lucca......non esageriamo con le novità.....
Una volta apparse le prime illuminazioni .....tutti a dire........come mai così poche??
Trovare la ditta disponibile all'ultimo tuffo per fare importanti implementazioni era difficile, ci hanno dato la disponibilità di un solo tecnico, per una notte.
E allora siamo partiti....così.....una squadra improvvisata ed eterogenea: Federico Lanza, Margherita Giorgi, io, Francesco Colucci ed il tecnico della ditta.
Sull'ampia auto di Margherita abbiamo caricato prioettori, zoom, vetrini di immagini, scalei e borsoni di ferri di lavoro.
Un freddo boia dalle 18 alle 4 del mattino (io alle due mi sono arreso...sono anzianetto).
Abbiamo iniziato da Porta S.Maria: una nuova scritta in più lingue di auguri sul palazzo di fornte alla Porta, il grande platano lo abbiamo lasciato immutato era troppo bello così, ma sulla porta abbiamo messo dei nuovi putti. Si è aggiunto anche il Direttore dell'Opera Ing. Antonella Giannini, ma esce ora di Comune e fare cena ala figlia, la esentiamo ....dal lavoro è veramente molto stanca.
Il lavoro va avanti lentamente, una discussione accesa su ogni vetrino, con i passanti sulle Mura ed in Piazza spettatori attivi e partecipanti. Vogliamo il meglio e non pensiamo al tempo.
Siamo passati poi in piazza S.Frediano ed a discutere con noi, su cosa mettere sulla facciata della Chiesa e dei palazzi anche il Priore, imbacuccato da neve ed il Vice di Lanza, fotografo Alcide.
Il più appassionato, prodigo di consigli è stato Don MIchelangelo che alla fine ci ha "strappato" un secondo proiettore che entrerà in funzione solo stasera.
I passanti si fermano a parlare, danno consigli, dicono la loro, ci danno una mano: serve una scala più lunga,  la dà la Farmacia d'angolo e gliela riporteremo solo domani....è una scala molto professionale, prima ce l'aveva data il Poli biciclettaio, poi Margherita, ma era di casa, da armadio...trabballante e corta e per i pesi leggeri come Lei.
Di la siamo andati in Piazza Anfietatro, in casa del Lanza che ha fornito spazi e energia elettrica per puntare meglio le stelle sul pavimento della Piazza e ......magiare un pezzo di pizza strafogata.
Sono ormai le 22, siamo giunti in Piazza Grande, dove abbiamo molto lavoro e dove usciremo solo dopo mezzanotte.
Si è aggiunto a noi infreddolito il consorte di Margherita, Gabriele Nencini, particolarmente utile a pagare e portare ponch al mandarino, che acquista nell'unico bar aperto nel centro, quello all'interno della libreria in via Cenami (Sic)
D'apprima il Giglio, dove particolarmente laborioso è stata la scelta delle neve e l'inquadratura del giovane Puccini, poi l'albero in Piazza 20 settembre, era già molto bello. ora lo è di più perchè abbiamo messo una turnazione di più colori, che cambiano ogni 15 secondi.
Infine il muro delle scuola Passaglia, una bella slitta, che si muove, con Babbo Natale, se no che Natale è: mentre lavoriamo escono i partecipanti alle cena del Rotary in Provincia, molti si fermano a vedere e commentare, i gradi sono scesi a meno 2, un freddo boia, a turno ci infiliamo nella mia macchina, che tengo accesa per scaldarci. Ci manca solo che passino i Vigli Urbani a farci la multa, la prima mel l'hanno fatta alle 18, se passano ora mi....arrestano....sono in piazza Grande a motere acceso.
Dobbiamo andare alle Mura, l'impegno più grande....i cento metri del Baluardo San Paolino, sei priettori da cambiare e indirizzare.
Ma ci attendono due regali: il primo proviamo una bozza della Cavalcata dei Re Magi, un affresco della Cappella dei Magi a Firenze.....è magnifico rimaniamo a bozza aperta.
Decidiamo che occorre andare avanti a fare questi nuovi vetrini e dovremo obbligare il tecnico a tornare in settimana per metterli, intando cambiamo la carta celeste con le stelle, provando altri disegni e colori.
Non è da credersi: alle 1 e mezza di notte con meno cinque gradi arrivano fotografi per fotografare il nostro lavoro in corso.
Dapprima uno, poi due, tre, quattro, cinque fotografi con i cavalletti, stanno aspettando le varie prove che facciamo sul parato del San Paolino per fotografarle.
La secondo sorpresa, suona il cellulare sono le una e trenta, chi è: è il dotto. Francesco Minotti, l'amministratore delegato della Cassa di Risparmio Lucca Pisa Livorno, nostro sponsor, che ci ha visto rincasando sulla circonvallazione a meno 5 gradiche e ci invita a casa sua a prendere un rum caldo.
Andiamo ovviamente anche per scaldarci e troviamo una accoglienza entusiasta, vi sono anche il dott. Paolino Donnarumma alto dirigenti del gruppo e le relative elegantissime signore, che si complimentano del lavoro, ci offron ciocolatini e rum per scalardi.
Una buona cosa, se al nostro principale sponsor queste proiezioni piacciono molto e ci invitano alle due di notte a rifocillarci a casa loro. diventiamo ottimisti per i prossimi programnmi, che l'Opera delle Mura ha gia annunciato: fare delle Mura, in occasione dei 150 anni dell'Unità d'Italia, un Museo virtuale a cielo aperto, proiettando sulle cortine, a marzo, i qrandi quadri delle eroiche battaglie del risorgimento e i ritratti dei grandi Italiani.
Torniamo al lavoro sono le due di notte e meno cinque di temperatura, terminiamo il Baluardo San Paolino, con nuovi disegni e nuovi colori, con l'impegno mercoledì prossimo di mettere l'affresco di Benezzo Gozzoli La cavalcata dei Magi, ha una resa stupenda: sembra che l'affrescco Benozzo l'abbia dipinto sulla coritna del San Paolino. Sarà il regalo di Natale per gli appassionati.
Sono le due e venti, decido di mollare ho troppo freddo sono troppo stanco ....i giovani vanno avanti, è gente in gamba....bravi....finiranno alle 4.

sabato 11 dicembre 2010

FRANCESCO COLUCCI CAMBIA E.MAIL

ATTENZIONE

a seguito di un problema tecnico la mia vecchia e.mail colucci.lu@tin.it è stata chiusa

la mia nuova e.mail è

colucci.lu@alice.it

mi scuso dell'inconveniente non dipendente da me

cordiali saluti

francesco colucci

martedì 7 dicembre 2010

Le Mura....da Natale a.....l'Unità.....d'Italia

La prossima settimana le Mura di Lucca, in vari punti e fra questi: S.Anna, Porta S.Maria, Porta Elisa, si illumineranno con figure d'arte e di Natale, che faranno diventare i paramenti delle Mura uno schermo su cui si alterneranno immagini natalizie.
Credo che sarà veramente una cosa molto suggestiva ed innovativa per le Mura.
Si è giunti a questo grazie l'accordo fra Comune, ASCOM e l'Opera delle Mura.
Per la prima volta le Mura diventeranno veicolo di trasmissione di immagini, in questo caso legate al Natale, ma domani lo potranno essere per altre cose.
Infatti è allo studio del CdA delle Mura e di Margherita Giorgi che per l'Opera segue questo tipo di comunicazione un Progetto di fare delle Mura, attraverso le immagini proiettate, un Museo interattivo all'aperto, per ricordare i 150 anni dell'Unità d'Italia.
Sulle cortine delle Mura, in successione le immagini più importanti dei protagonisti (Vittorio Emanuele II, Cavour, Garibaldi,) e degli eventi (Curtatone e Montanara, lo sbarco in Sicilia, Bezzecca, ecc.)
Questa proposta dell'Opera delle Mura è in corso di trasmissione alle massime autorità preposte alla commemorazione di questa grande ricorrenza dell'Unità d'Italia

domenica 28 novembre 2010

PILLOLE.........comportamentali

PILLOLA 1: Il Comune di Torino, con una ordinanza, ha stabilto che i cani e gli altri animali domestici, in regola con le norme di sicurezza, possono seguire il proprietario ovunque. Solo Ospedali e luoghi di culto sono vietati.
Una norma di civiltà, a mio parere, che andrebbe estesa anche a Lucca.
L'amico Marco mi dice che a Lucca questa ordinanza esiste già da molti anni. Bravo chi lo ha fatto, con il solo peccato veniale di non averla fatta meglio conoscere pubblicamente.
Il Comune di Torino ne ha fatto una grande occasione di comunicazione, ma si sa che la comunicazione nele nostre zone è un'arte.... poco conosciuta e soprattutto poco......utilizzata.....
PILLOLA 2: I varchi telematici sono in funzione in via sperimentale. Dicono che durante questa sperimentazione i vigili urbani non faranno contravvenzioni.
Ma non appare veriterio. I Vigili continuano a fare contravvenzioni e la fanno a colpo sicuro.
Possono "vedete con le telecamere" quante auto hanno "violato" la zona sperimentale, vedono il tipo di auto, la targa e si recano sul posto a fare la multa a colpo sicuro...non hanno bisogno di camminare a piedi.
Certo non la fanno direttamente dalla telecamera..... ma è la stessa cosa....o no?
PILLOLA 3: Dicono che i varchi telematici sono cosa utile e giusta, anche se i cittadini della periferia (che sono la stragande maggioranza del Comune)  li vedono solo come una nuova occasione di fare soldi a loro spese ed impedire loro l'ingresso anche di cinque minuti in una zona vietata.
Certo che sarebbe forse più opportuno che per una decisione così importante e drastica ci fosse stata una maggiore condivisione, equità e si fosse scelto la strada del buon esempio.
Che cosa volgio dire, semplice, che tutto il "Palazzo" avesse rinunciato ai propri "permessi in deroga"
Su quale diritto si fonda il fatto che di fronte a l'introduzione di una norma così limitativa per l'ingresso temporaneo nel centro storico, Consiglieri Comunali, Assessori, debbono continuare ad avere permessi in deroga per entrare e parcheggiare nella ZTL?? Perchè?
Chi lavora nel centro storico: commesse, impiegati, commercialisti, avvocati, ingegnere fanno un lavoro meno nobile di quello di un Consigliere Comunale?? 
PILLOLA 4: Sempre sul tema dei permessi in deroga alla ZTL perchè alcune categorie di lavoratori privilegiati continuano ad avere non solo il "permesso in deroga" ma anche stalli gialli a loro dedicati? Forestali, Magistrati, Viabus, Polizia carceraria, e molti altri hanno stalli gialli dedicati nel centro storico.
Se vi parcheggiano auto di servizio, chiaramente visibili per auto di servizio, si potrebbe anche discutere, ma quando si vedono parcheggiate auto, senza insegne, vuol dire che sono persone che hanno "permessi in deroga" dati alla persona e non al servizio ed allora che differenza passa fra una commessa ed un autista del Viabus, fra un ingegnere civile e una ufficiale della Forestale e così via??
Meditiamo ...gente....

sabato 27 novembre 2010

INFO...... DELL'OPERA DELLE MURA

In attesa che parta la nuova Newsletter dell'Opera delle Mura (Le Mura, le Torri e l'Orto raccontano....)  appena la Commissione Croci-Giannini avrà terminato l'esame delle molte domande pervenute per il Bando  per il nuovo Sito dell'Opera (tante donande e moltissime belle proposte, che hanno rallentato i tempi per la scelta del vincitore), ho deciso di ospitare nel mio Blog in via provvisoria, le Info sull'attività dell'Opera, in maniera che tutti possano essere informati e l'attività svolta abbia la necessaria trasparenza.
Appena aggiudicata la gara per i Sito, sarà costruita, oltre la nuova News letter, il sito su Facebook e su twitter, nonchè un autonomo Blog dell'Opera che affiancherà il nuovo Sito.
Ecco le info sull'attività di queste ultime settinane dell'Opera delle Mura, che come noto ha competenza sulla conservazione e valorizzazione delle Mura Urbane, delle Torri medievali Guinigi e delle Ore, sull'Orto Botanico.

Partiranno a giorni, lavori sulle Mura e nell’Orto Botanico, da molto attesi.
Una nuova tinteggiatura di tutte le panchine di ferro, ora in tre colori, con il nuovo colore marrone ruggine scelto con la supervisione dei Consiglieri Croci e Giorgi. E’ visibile in anteprima sulla panchina di sinistra del Castello di Porta S.Donato Nuova.

Sarà anche collocata una nuova fontana, accanto alla Casermetta del CISCU, per coprire un tratto delle Mura in cui era mancante e da tempo richiesta.

Con la collaborazione del Gruppo Speleologico Lucchese, sotto la supervisione del Consigliere Bruciati, inizieranno a breve alcune esplorazione nel sottosuolo delle Mura e delle Torri, per una conoscenza approfondita, ma anche per verificare l’accessibilità a nuovi percorsi visitabili a tutti.

Stanno per avere il via i lavori di tinteggiatura interna della Porta S.Maria, cancellando tutte le brutture di adesso.

L’Opera delle Mura sotto la direzione dell’Ing.Giannini ha stabilito un proficuo rapporto di lavoro con la Soprintendenza, ha affermato il Presidente Colucci e i lavori sono stati autorizzati in tempi rapidi e altre richieste sono in fase avanzata di istruttoria: l’amore e la dedizione che l’Ing. Cecati ha per le Mura ci assicura una massima collaborazione condivisa, che sarà foriera di molti interventi di conservazione e valorizzazione nei prossimi mesi.

Ho anche avuto la disponibilità della dott.ssa Roberta Martinelli, una delle massime autorità culturali in materia, ad assistermi quale Consulente Culturale e la ringrazio di cuore, perché è senza alcun costo per l’Opera.

La Provincia di Lucca, grazie anche all’interessamento del Consigliere Landucci, ci ha comunicato di aver stanziato 5.000 euro per il contrasto alle scritte che degradano il monumento e il CdA dell’Opera sta valutando le iniziative da prendere.

Intanto sulla Torre Guinigi, per la prima volta, splendono le luci di Natale, realizzate grazie ad ASCOM.

Stanno partendo anche i lavori delle due nuove aiuole all’Orto Botanico, grazie anche al contributo della Fondazione Banca del Monte. Un lavoro importante che riqualificherà una parte considerevole dell’Orto reintroducendo specie botaniche di Camelie e Rododendri che erano pressoché scomparse.

Sempre per l’Orto siano in attesa di definire con la Fondazione CRLucca che ha dato la sua disponibilità di massima, il trasferimento nei loro adiacenti locali, degli antichi libri, dei preziosi acquerelli, delle collezioni dei semi dell’antico Orto Botanico, per una più adeguata conservazione

giovedì 25 novembre 2010

IL PIANETA VERDE E LA COMUNICAZIONE

L’Opera delle Mura è l’Istituzione del Comune di Lucca dedicata alla conservazione e la valorizzazione delle Mura, dell’Orto Botanico e delle Torri della Città: Guinigi e delle Ore


L’Opera delle Mura organizza insieme al Comune di Lucca, anche alcuni eventi culturali importanti che si svolgono sulle Mura stesse.

Fra questi eventi, due, Verde Mura e Murabilia, hanno scalato le vette delle Manifestazioni del Verde in Italia e anche in Europa.

Verde Mura, Mostra Mercato dedicata alla vita all’aria aperta, si svolge sulle Mura di Lucca, nell’ultimo week end di marzo di ogni anno e la terza edizione nel 2010 ha registrato oltre cento espositori e circa 10.000 biglietti d’ingresso venduti.

Murabilia-Mura in Fiore, Mostra delle Piante e del Fiore, giunta alla decima edizione, è assurta ormai a Mostra Italiana Botanica d’eccellenza europea e si svolge su un altro percorso delle Mura, nel primo week end di settembre di ogni anno, avendo raggiunto circa 250 espositori e 24.000 biglietti d’ingresso venduti.

Ogni anno l’Opera organizza un Seminario per approfondire i temi del Pianeta Verde e della Comunicazione, per un rapporto continuo fra produttori, espositori e comunicatori.

Quest’anno il Seminario si terrà Venerdì 26 novembre con inizio alle ore 15 nella Sala dell’Oro della Camera di Commercio, con i seguente programma

Introduzione e saluti:

Claudio Guerrieri, Presidente della Camera di Commercio

Mauro Favilla, Sindaco di Lucca

Roberto Camisi, Segretario Generale della Camera di Commercio

Relazioni:

Francesco Mati, Esperto progettazione Vivai Piante Mati

“I cataloghi vivaistici: passato presente e futuro”

Alberto Locatelli, Giornalista Edizioni L’informatore Agrario

“Le riviste e la diffusione della cultura ortoflorofrutticola”

Giuseppe Mascambruno, Direttore del Giornale La Nazione

“I grandi Quotidiani e il Pianeta Verde”

Donna Vittoria Colonna di Stigliano, Presidente Ville e Palazzi Lucchesi

“I Giardini storici e la comunicazione”

Nicola Lencioni, AD di Anteprimaadv

“L’Arte della comunicazione grafica”

Marcello Petrozziello, Giornalista

“L’informazione commerciale e il giornalista”

Interventi programmati:

Giorgio del Ghingaro, Sindaco di Capannori, il Comune della Camelia

Francesco Poggi, Sindaco di Borgo a Mozzano, il Comune della Azalea

Coordinamento del Seminario:

Moreno Bruni, Assessore al Comune di Lucca al Turismo e all’Opera delle Mura

Francesco Colucci, Presidente dell’Opera delle Mura.

Antonella Giannini, Direttore dell’Opera delle Mura

lunedì 22 novembre 2010

La rotonda del Giannotti.......diventerà quadrata??

Le polemiche infuriano sulla riduzione della rotonda del "Giannotti" per far posto ad una manciata di parcheggi.
Sono fra quelli che sono stati contrari a questa soluzione, anche come Opera delle Mura, perchè temo che si peggiori la visibilità di una delle più belle Porte rinascimentali delle nostre Mura.
Una contrarietà "culturale" a pelle, perchè fin che non si è visto il risultato finale non è possibile valutare se vi è stato e in che misura un danno di immagine al Monumento.
Per cui mi sembrano anche esagerate le polemiche sui lavori, la richiesta di intervento della Magistratura, della Soprintendenza, ....Lucca non cambia mai, qualunque cosa tocchi....vien fuori un putiferio.
Mi sembrano più gravi altre cose: la costruzione di centinaia di appartamenti, distruggendo una Villa quattrocentesca sul Viale Luporini, il tutto in un silenzio assordante; la costruzione di interi "villaggi" a San Concordio (ex filanda) senza che il quartiere sia dotato di infrastrutture di collegamento con la città, anzi sopprimendo l'unica comoda che c'era; l'assenza di soluzioni contro il traffico pesante sulla circonvallazione, (perchè non proibire l'accesso alla circonvallazione dei mezzi pesanti, come fatto da Altopascio?) visto che i progetti di nuova circonvallazione ancora allo stato embrionale e quindi ci vorrà anora almeno un lustro per vavere la nuova??
Per i parcheggi non posso che confermare le miei idee, solo mie personalissime idee, non posizioni politiche. Idee che ho diritto di esprimere sul mio blog, anche se sono invise a tutti o quasi:
1- Vanno fatti parcheggi sotterranei in città e sulla circonvallazione, cosi si è fatto in tutte le città storiche: Roma, Milano, Verona, ecc. anche li, scavando si sono trovato reperti storici, con i quali si sono fatti Musei, per valorizzare i ritrovamenti, che altrimenti rimarrebbero sotto terra, mettendo i reperti a fruizione di tutti con vantaggi anche economici, per la città in termini culturali e anche del turismo.
2- Non si può continuare a considerare "un diritto" dei residenti che sono una minoranza del Comune a "insozzare" permanentemente vie e piazza del centro storico con le loro auto. Le auto dei residenti debbono trovare posto a pagamento nei parcheggi sotterranei come quello pressochè vuoto di via dei Bacchettoni oppure all'aperto sulla circonvallazione, liberando le Piazze e le vie di pregio dalla auto permanentemente in sosta.
3- Per le zone periferiche del centrostorico quelle di minor pregio, i parcheggi debbono essere a disposizione a orario e a pagamento di tutti i residenti del comune, dei visitatori e dei turisti, che hanno diritto a vivere il centro storico, che non può essere appannaggio solo di chi ha acquistato un monolocale in centro.
4- E' una questione direi di giustizia sociale, di uguali diritti di tutti i cittadini. Chi da agli abitanti di San Cassiano, di Sant'Anna, di Santa Maria del Giudice e così via il posto macchina gratuito e vicino casa, come diritto??
5- Il problema dei parcheggi a Lucca non può essere risolto con interventi spot: pochi posti qui, altri pochi la: vanno fatti i parcheggi sotterranei, in più punti del centro storico, vicino alle porte. L'idea di tanti anni bloccata dai soliti "non si tocca nulla" era giusta: fare un grande parcheggio sotterraneo davanti porta a Vapore, dove è asfalto e sotto il Cavallo che non ce la fa più a stare in piedi.
6- a proposito del Cavallo e del suo Cavaliere, Vittorio Emanuele II, Re dell'Unità d'Italia che festeggeremo nel 2011, non si potrebbe togliere tutto per portarlo al restauro, da fare magari con i fondi della ricorrenza anzichè fare inutili feste e mostre? Così si toglierebbe quella orrenda transenna, quella muraglia, questa sì gia deturpante da anni (sei) una bellissma porta rinascimentale e si festeggerebbe in maniera costruttiva l'Unità d'Italia.
7. Finisco con una domanda: ma la terza corsia dell'autostrada Lucca Firenze che fine ha fatto? come mai non se ne parla più? avete provato ad andare a Firenze?  Questa autostrada fu costruita da Mussolini negli anni trenta, è stata una delle prime d'Italia. Ora mi sembra una delle ultime..........

mercoledì 17 novembre 2010

IL MONDO VERDE E LA COMUNICAZIONE - Seminario a Lucca

Seminario
Pagine verdi: CARTA, etere, rete
Venerdì 26 novembre ore 15
Camera di Commercio di Lucca - Sala dell’Oro

Introduzione e saluti:

Claudio Guerrieri, Presidente della Camera di Commercio

Mauro Favilla, Sindaco di Lucca

Relazioni:

Francesco Mati, Esperto progettazione Vivai Piante Mati
“I cataloghi vivaistici: passato presente e futuro”

Alberto Locatelli, Giornalista Edizioni L’informatore Agrario
“Le riviste e la diffusione della cultura ortoflorofrutticola”

Giuseppe Mascambruno, Direttore del Giornale La Nazione
“I grandi Quotidiani e il Pianeta Verde”

Donna Vittoria Colonna di Stigliano, Presidente Ville e Palazzi Lucchesi
“I Giardini storici e la comunicazione”

Nicola Lencioni, AD di Anteprimaadv
“L’Arte della comunicazione grafica”

Marcello Petrozziello, Giornalista
“L’informazione commerciale e il giornalista”

Interventi programmati:

Giorgio del Ghingaro, Sindaco di Capannori, il Comune della Camelia

Francesco Poggi, Sindaco di Borgo a Mozzano, il Comune della Azalea


Coordinamento del Seminario:

Moreno Bruni, Assessore al Comune di Lucca al Turismo e all’Opera delle Mura
Francesco Colucci, Presidente dell’Opera delle Mura.
Antonella Giannini, Direttore dell’Opera delle Mura

lunedì 15 novembre 2010

DIRITTI E.....STORTI: facciamo..... una rivoluzione.......pacifica!

Voglio affrontare un tema scomodissimo ma di grande attualità.
Un argomento che molti danno per scontato ma che per me non lo è ed il solo affrontarlo sono certo mi procurerà rampogne e derisione.
Mi sono sempre imposto nel mio Blog di dire quello che penso, al di là di quanto pensi la "gente comune" o faccia parte del "vivere in tranquillità"....di chi dice... non voglio rogne e ... mi limito a.... vegetare.
Voglio provare a fare una rivoluzione.....pacifica, una rivoluzione di ....idee innovative.... uscendo da banale e dallo scontato.
La questio: Diritti dei cittadini tutti del Comune di Lucca, in tema di centro storico e di parcheggio ovvero gli pseudo "diritti" di chi risiede nel centro storico e gli "storti" di chi risiede in periferia.
Da molte parti si afferma che i residenti del centro-storico hanno diritto ad avere stalli di parcheggio riservato, sotto casa, per le loro auto, per quelle dei parenti e presto anche per quelle dei loro ospiti. Come se tutto il centro storico sia solo loro, per diritto di.... acquisto di una casa.
Due i risultati negativi di questa concezione:
1-Le vie e le piazze del bellissimo centro storico di Lucca, sempre intasate di auto di giorno e di notte.
2-I residenti della periferia per entrare nel centro storico debbono parcheggiare lontani e essere tassati da pagamenti a ore.
E' questo dei residenti un diritto o uno storto??
Innanzi tutto i numeri: i residenti non arrivano a 10.000 gli altri....i derelitti della periferia.... a oltre 70.000, nel Comune di Lucca e tutti i cittadini sono, anzi dovrebbero, essere uguali nei diritti e nei doveri.
Il centro storico è (sempre meno a causa di questa situazione) il punto di incontro culturale, economico, finanziario, mercantile di una città, di tutta la sua popolazione.
L'antico Foro Romano, il mercato medievale e rinascimentale, il luogo delle Fiere e degli spettacoli, della vita associativa, del passeggio a Lucca detto "struscio".
Nel passato si andava in centro a Lucca per fare una "vasca o due" che voleva dire un passeggio per le vie ed una visita alle vetrine del centro.
Negli anni sessanta sono state decise giustamente le principali pedonalizzazioni delle strade del centro (quasi le stesse da oltre un trentennio, non ci sono più stati ampliamenti significativi) sono state liberate dal traffico e dalla sosta alcune delle più belle vie del centro (Fillungo, Roma, S.Croce, Cenami, Buia, S.Lucia) e piazze (S.Michele, S.Giusto, S.Frediano anche se la più eclatante pedonalizzazione è stata fatta di recente, Piazza Grande, Fazzi docet).
Tutte le altre piazze e le vie di grande valore artistico continuano invece ad essere ingombre di strisce gialle e di auto di residenti.
E' giusto?? Io che abito in periferia, che già ho dovuto affrontare il problema del parcheggio dell'auto nella mia zona di residenza, che leggi vigenti vorrebbero risolto in fase di edificazione, non solo non posso entrare in città neppure dopo le 19,30 per parcheggiare un paio d'ore, per andare al ristorante o al cinema, e devo anche continuare a subire l'oltraggio al bellissimo centro storico, per parcheggi sotto casa dei residenti.
Perchè deve esistere un diritto ad avere il parcheggio sotto casa gratuito e riservato, 24 ore su 24, per una minoranza che ha acquistato volontariamente una appartamento nel centro storico, a spese del decoro della città, dell'ingresso al centro dei residenti della periferia, dell'utilizzo del centro commerciale naturale più antico del Comune, da parte della straganze maggioranza dei cittadini lucchesi.
Facciamo una rivoluzione pacifica, rovesciamo la questione: diamo ai residenti del centro, il posto auto nei parcheggi esterni alle Mura, con posto riservato e ad abbonamento annuale (creando se occorre altri parcheggi sotterranei come quello di via dei Bacchettoni, che pressochè rimane vuoto la notte).
In questa maniera si potrebbe:
1) Pedonalizzare alcune delle più belle Piazze: Antelminelli, Bernardini, Carmine ed alcuna delle Vie più storiche, liberandole da parcheggi ed auto.
2) Mettere a pagamento i parcheggi nella parte marginale del centro storico, fuori dal perimetro delle antiche mura romane, ora dipinti in giallo, per consentire l'ingresso a ore nel centro storico, favorendo l'introduzione di una carta Gratta e Sosta, in parte sponsorizzata dai Commercianti del Centro.
3)Affittare in alta stagione, parte di questi stalli a alberghi e B & B per i loro clienti.
4) Liberalizzare l'accesso ed il parcheggio, in questa area marginale del Centro Storico per tutti dalle 18,30 in avanti, per favorire le attività dell'enogastronomia e della cultura nel centro.
Una rivoluzione.....pacifica, ma una rivoluzione.... popolare che quardi agli interessi legittimi della maggioranza dei cittadini di Lucca (oltre settantamila) che hanno diritto a fare commercio, cultura, passeggio, insomma a vivere il centro storico ora appaltato ad una minoranza, certamente di ceto medio alto, visti i costi degli appartamenti in centro.
Otterremmo anche l'effetto secondario, ma interessante di far diminuire i costi degli appartamenti in centro avendo tolto un privilegio gabellato per "diritto".
E' una ipotesi fantasiosa? rivoluzionaria certamente, ma fondata su i diritti di tanti che sono divenuti "Storti" per salvaguardiare pseudo diritti di pochi eletti e è giusto porvi rimedio.
Certo che una rivoluzione come questa sarebbe un punto qualificante per un programma elettorale innovativo, che mi porterebbe ad appoggiare con passione e senza steccati, il candidato Sindaco che la facesse propria.
Fantasia?? Forse........

domenica 14 novembre 2010

Associazione o ....anonimato

Una volta c'era il diario, che molti tenevano nel comodino e aggiornavano la sera prima di dormire.
Ora c'è il Blog e molti, come me,si divertono a scrivere le le loro impressioni sulla vita, su quello che succedere, sul futuro.
Un modo per fare ogni sera una riflessione sui problemi affrontati nel giorno, quelli di tutti i giorni, le proprie idee, le proprie speranze.
Il mio Blog è aperto a tutti, tutti possono vederlo, se vogliono,possono abbonarsi gratuitamente, possono rispondere, dare giudizi, tutto pubblico: non ho timore di far leggere a chicchessia quello che penso e che scrivo ogni tanto.
A volte comunico i miei nuovi spot del blog ai miei siti su Facebook e su Twitter o ad amici e conoscenti, per e.mail.
A volte anche qualche giornalista riprende qualche mia nota, scritta solo per il Blog, per riempire dei vuoti di pagina o perchè interessato a qualche "chicca" che mi è venutta particolarmente bene.
Mi sta bene, tutti possono leggere il mio Blog, tutti possono liberamente attingere a quello che scrivo, pubblicarlo se vogliono, discuterlo con gli amici, metterlo a capo del letto.
Se fossi depositario di segreti di Stato non li scriverei sul Blog: è solo un passatempo, un modo di partecipare alla vita della mia città, di dare il mio contributo di idee, esprimendo pareri e scelte che TUTTE LE VOLTE SONO FIRMATE E IN CHIARO.
E' il Blog di francesco colucci, quello che scrivo sia pure per diletto personale, è certificato come mio.
Succede ora un fatto strano, quando qualche giornalista riprende in tutto o in parte o rielabora liberamente un commento, una notizia trovata sul mio Blog, alcuni rispondono, non al mio Blog, dove è sempre possibile farlo liberamente a tutti, ma sul giornale, spesso in polemica com me, come se io avessi aperto una discussione pubblica sul giornale o avessi fatto delle proposte "politiche".
E quello che più strano è che spesso si tratta di un meglio non conosciuto "Comitato" assorto a nume tutelare dei "diritti" dei residenti e che così ad occhio e croce, mi sembra solo pseudo privilegi dell'estensore degli articoli.
Rispetto tutte le posizioni, tutti i pareri, anche i più critici, quello che non mi sembra etico che uno non si firmi mai, ma si nasconda sempre dietro un Comitato che nessuno sa chi rappresenti ne se esista davvero.
Un Comitato che parla e straparlo su tutto, a nome, dice lui, dei residenti in centro, ma di fatto solo una lettera anonima permanente.
Un Comitato, Una Associazione devono avere dei soci, uno statuto, degli organi sociali ed altri incombenze previste dalle normi vigenti.
Che scopi ha questo Comitato? Quanti soci sono? Perchè non si firmamo mai?
Così rimane il forte sospetto che il Comitato sia solo la copertura anonima di un singolo, fortemente e personalmente interssato a mantere qualche privilegio, qualche "esclusiva", coprendo le sue esternazioni anomime, con una sigla, in cui si parla di "vivere" e si persegue invece "morire" Lucca

domenica 7 novembre 2010

Firenze si.....Lucca no.....

L'altra sera sono stato a Firenze per un appuntamento di lavoro alle 19, proseguito mangiando una bruschetta e una pappa al pomodoro in una delle tradizionali Vineria del Centro. (con un ottimo vino, invero)
Ho potuto constatare alcune cose che a Firezne ormai sono acquisite e che a Lucca, il solo parlarne, crea mal di pancia e polemiche.
La prima:La zona ZTL.
Quando mi è stato detto che si sarebbe continuato la riunione in una piccola Vineria del Centro, ho subito detto: non ho l'autorizzzazione ad entrare nel centro storico di Firenze, con la mia auto.
Mi è stato risposto che essendo passate le ore 19,30 TUTTI possono entrare nel Centro, nell'isola ZTL, salvo che nelle zona strettamente pedonale.
E' così è stato, ho potuto entrare nel centro storico, dove normalmente possono accedere i possessori dei permessi, perchè erano passate le 19,30.
Mi sembra una misura ineccepibile, da copiare: se vuoi andare a cena in centro, dopo le 19,30 puoi entrare nell'Isola, parcheggiare e dopo ceno tornare via.
Firenze si....Lucca no...
Seconda cosa: I Gazebo.
Prima di entrare nella Vineria abbiamo bevuto un "crodino" al celebre Bar Pascoschi (come si legge e non come si scrive) sulla Piazza della Repubblica, in pieno centro, in un comodissimo Gazebo, con le pareti trasparenti in PVC che si abbassano e si alzano elettricamente, con copertura e con riscaldamento elettrico e a gas.
Una delizia stare al centro, vedere la bellissima piazza, sorseggiare un "crodino" al calduccio e se si alza il vento, un premuroso cameriere abbassata, azionando un bottone, le pareti trasparenti del Gazebo.
Penso a Lucca e a tutti i problemi dei nostri Bar e Ristoranti:
E' vero che Lucca è sempre stata nei secoli una repubblica indipendente da Firenze....ma da qualche decennio siamo tutti Italiani......forse....
Firenze si......Lucca no...

Piazze e.... piazzette.....

Fa discutere la proposta dell'Ass.Chiari di modificare l'accoglienza delle Piazze di Lucca per le festività di Natale, con le solite lamentazione di chi non appena qualcuno propone qualcosa di nuovo sente avvicinarsi l'Apocalisse.
Credo che la proposta del nostro Chiari abbia indubbie valide motivazioni: spostare la pista di pattinaggio, da Piazza Grande a Piazza S.Francesco è certamente una scelta coraggiosa, ma intelligente: non ha senso parlare da anni di valorizzare quartieri meno centrali se non lo facciamo mai e la pista del ghiaccio si presta ottimamente per far rivivere almeno durante le feste natalizie una piazza restaurata (non il massimo) che giustamente deve essere pedonalizzata per essere utilizzata anche per eventi nel corso degli anni e che ha nelle vicinanza un grande parcheggio, che deve essere utilizzato.
Bene quindi la pista a Piazza S.Francesco e a chi lamenta la mancanza di una cabina elettrica sufficiente, va detto che anche in Piazza Grande tale cabina non è stata costruita da Elisa Baciocchi, ma dopo assai e quindi si può realizzare uguale anche in San Francesco.
La stessa cosa anche per la illuminazione natalizia: perchè concentrare tutto su Piazza Grande quando possiamo, con gli stessi denari, illuminare una buona parte delle città?
Quest'anno saranno illuminati gli alberi della Torre Guingi, forse vedremo delle proiezioni natalizie sulle cortine delle Mura, forse avremo uno stilizzato albero illuminato all'uscita della Autostrada insomma finalmente alcune cose nuove, diverse per le feste di Natale....speriamo che tutti coloro che fanno dell'immobilismo, del non cambiamento la loro professione siano illuminati dalla discesa in terra di nostro Signore e capiscano che questa bellissima nostra città ha bisogno di crescere, nel rispetto delle tradizioni, ma di crescere, cambiare, valorizzarsi meglio, con più professionalità e non sempre quello che era giusto ieri oggi lo sia sempre.

giovedì 28 ottobre 2010

L'Unità d'Italia e il cavallo di Vittorio

Grandi festeggiamenti previsti nel 2011 per l'Unità d'Italia.
Mi sembra di ricordare che uno degli artefici e non certo l'ultimo fu Vittorio Emanuele II Re d'Italia.
A Lucca forse si farà una grande Mostra al Real Collegio ed altri celebrazioni importanti.
Ma Re Vittorio mi sembra messo male.....
Infatti la Statua di Vittorio Emanuele II è da anni pericolante, transennata in maniera ignobile da oltre sei anni ed è caduta nell'oblio: nessuno ne parla più.
Mi sembra ipocrita spendere per i festeggiamenti per l'Unità d'Italia a Lucca quando il ricordo di uno degli attori principali di questa unità è dimenticato da anni.
Una timida, rispettosa proposta:
Perchè non si provvede per i festeggiamenti del 2011 a togliere cavallo e cavaliere, pericolanti, dal piedistallo per essere portati in un luogo sicuro prima ed essere avviati al restauro poi?
I denari?? Riduciamo le spese per le Feste, per Le Mostre, per le Vetrine ed avvviamo il giusto Restauro, anche perchè mi sembra il 2011 l'occasione giusta per chiedere i fondi che mancano per il Restauro della Statua di uno dei Padri dell'Unità.
Se il Cavallo e il Cavaliere vanno al giusto restauro possiamo togliere l'indicorosa palizzata che da oltre sei anni deturpa la Piazza davanti ad una delle più belle Porte cinquecentesche delle Mura, rinnovare l'aiuola, renderla decorosa e sul piedistallo mettere un cartello che spieghi ai visitatori che l'Opera è in Restauro.
Si potrà fare??? Ognuno faccia la sua parte........forse si potrà......

venerdì 22 ottobre 2010

Le Mura di Lucca al Consiglio Comunale

Pubblico la mia relazione sullo stato delle Mura di Lucca, al Consiglio Comunale di ieri, 21 ottobre 2010

Il nuovo C.d.A. delle Mura si è insediato circa 60 giorni orsono con la nomina anche del sottoscritto, quale nuovo Presidente.
Devo dar atto al Sindaco Prof. Mauro Favilla, di aver composto un Consiglio di persone appassionate e dedicate alle Mura, al là delle loro indubbie capacità che non è mio compito illustrare e con loro ho definito una comune valutazione della situazione esistente e le linee da approfondire nei prossimi mesi, per definire quel Piano Programmatico annuale, che l’art. 5 del Regolamento Istitutivo delle Mura, prescrive.
Non abbiamo la presunzione in 60 giorni di lavoro di poter dare risposte esaustive sugli annosi problemi delle Mura.
Questa relazione è solo il tentativo di fare una fotografia dell’esistente e di alcuni nostri punti di vista, sulle priorità da affrontare.
Il tutto dovrà essere riconsiderato alla luce delle indicazioni che l’Amministrazione Comunale vorrà darci con questa discussione e con le future indicazioni del Sindaco, così come previsto all’art. 4 del Regolamento Istitutivo dell’Istituzione Opera delle Mura,
Proverò a descrivere in punti, volutamente sintetici, la situazione in essere e le nostre valutazioni, per agevolare la discussione consiliare, con la premessa che tutti gli interventi ed in particolare quelli sui manufatti, che debbono trovare la condivisione dell’Amministrazione Comunale, unica proprietaria delle Mura, e della Soprintendenza.

RESTAURI

La situazione attuale vede, a mio parere, necessari e indispensabili alcuni interventi di recupero, che indico per ordine di priorità:

1. Porta S.Donato Nuova
2. Casa del Cane
3. Casa del Boia

La situazione di questi manufatti è estremamente degradata e richiede interventi importanti e costosi.
Abbiamo iniziato come O.d.M. la ricerca di sponsor pubblici e privati per realizzare questi importanti recuperi, per i quali è stimato un intervento complessivo di oltre 2 milioni di euro.
Abbiamo alcune prospettive aperte su cui stiamo lavorando per cui diventa prioritario definire i Progetti di recupero in accordo con la Soprintendenza, su cui andare a definire le possibili sponsorizzazioni, dopo il via libera del Sindaco.


RECUPERO SPAZI

Vi sono alcuni Sotterranei e Cannoniere che potrebbero essere resi nuovamente fruibili, attraverso un lavoro di recupero che richiede interventi più modesti, nei lavori e negli importi, per essere resi nuovamente fruibili dal “Popolo delle Mura”.
Premesso che il sotterraneo del Baluardo S.Colombano è in fase di completamento nel suo recupero, per interventi diretti del Comune e di alcuni sponsor, la nostra priorità vede, in ordine, il recupero dei sotterranei del:

1. San Martino
2. San Paolino
3. Santa Croce

Il sotterraneo del Baluardo S.Martino, le sue Cannoniere e la riapertura delle uscite “traditore” dovrebbe essere recuperato con interventi di pulitura dalla scritte, nuovo impianto di illuminazione, assestamento del suolo, ripulitura delle inferriate, con intervento diretto dell’Opera con l’occasione della quarta edizione di Verde Mura a fine di Marzo 2011, che ha la sede, confermata, in questo Baluardo.
Il CdA Mura, per questo sotterraneo ha deciso la chiusura nelle ore notturne, insieme al passaggio pedonale del sotterraneo del San Salvatore, per un’opera di prevenzione di possibili reati.
Per gli altri due Sotterranei, San Paolino e Santa Croce, di diversa entità di intervento di recupero, si procederà non appena trovati i finanziamenti necessari, possibilmente entro la prossima estate.
Per il miglior utilizzo del sotterraneo del baluardo San Paolino sarebbe indispensabile la chiusura al traffico di via del Pallone, come già chiesto all’Assessore al Ramo, anche in considerazione della richiesta preannunciata da parte della Società Metro di riaprire l’uscita “traditora” che dà sul Campo Balilla, per agevolare l’ingresso in città dei clienti del parcheggio “Carducci”.
Per il San Paolino si tratta di lavori più leggeri, di pulizia, messa a norma dell’impianto elettrico e poco altro, per il Santa Croce i lavori sono assai più impegnativi.


PULIZIA CONSERVATIVA DEI PARATI DEL PARAMENTO MURARIO

La questione è annosa ed abbiamo trovato esperienze fatte, tentativi di sperimentazione, pareri tecnici completamente diversi.
Abbiamo già avviato con la Soprintendenza un percorso per arrivare ad una scelta tecnica condivisa, che risolva il problema della crescita disordinata di alberelli e erbe infestanti, senza intervenire pesantemente sul manufatto.
Devo dire che la Soprintendenza e soprattutto l’Ing. Francesco Cecati, ci ha dato la massima disponibilità ad effettuare un percorso comune, approfondito ma rapido, per una valida risoluzione tecnica del problema.
Ho anche incontrato importanti aziende nazionali che ci hanno offerto soluzioni innovative con la disponibilità a finanziare l’intera operazione di pulizia, con una campagna pubblicitaria di sponsorizzazione.
Particolarmente interessante è la proposta operativa di collaborazione offerta dall’Associazione Industriali di Lucca, con il Presidente Guidi e il Direttore Generale Armani, che indubbiamente coniugherebbe la risoluzione del problema attivando imprese locali, cosa che per me è certamente prioritaria, stante anche la difficile situazione economica locale.


ARREDI E PICCOLI MANUFATTI

Il restauro ed il recupero di arredi e piccoli manufatti delle Mura è certamente impegno minore rispetto ai precedenti, ma è però costante, ripetitivo nel tempo e per i suoi effetti visivi, oggetto di molte attenzioni da parte del “Popolo delle Mura”.
Il C.d.A ha provveduto ad una prima ripulitura delle scritte su baluardi e cortine, ripulitura che è purtroppo una gara infinita fra chi pulisce e gli scriteriati che imbrattano.
La pulitura sul mattone antico è difficile e costosa.
E’ all’attenzione del CdA una campagna di informazione nelle scuole, sui danni che le scritte possono apportare alle Mura e sulla possibile realizzazione di spazi ad hoc per gli appassionati della scrittura murale per favorire la concentrazione in essi delle loro velleità artistiche (sic).
E’ indispensabile anche rafforzare le misure preventive di sorveglianza attiva del circuito delle Mura per questo problema, ma anche per altri.
Per i piccoli manufatti in legno abbiamo provveduto alla loro ritinteggiatura, ma l’intenzione del C.d.A. è di trovare altri materiali, meno “alpini” per sostituire ed integrare tavoli e sedute, quanto mai necessari.
Per le panchine in ferro è già in atto una sperimentazione di nuova tinteggiatura coloro ruggine scuro, che dovrebbe a regime, dare un aspetto più opportuno e uniforme a questi indispensabili arredi e soprattutto più duraturo nel tempo.
La completa ritinteggiatura con il nuovo colore, che uniformerà nel marrone ruggine, le esistenti panchine verdi, marroni e piombaggine, avverrà nelle prossime settimane.
Le antiche panchine in marmo, storiche ma scomode, sono oggetto di continui vandalismi di colorazione ma anche di danneggiamento: non è nostra intenzione procedere alla loro sostituzione …. andremo a esaurimento.
Le Statue esistenti sulle Mura necessitano di pulizia e restauro, ma non appaiono in questo momento una priorità.
L’illuminazione e i lampioni esistenti necessitano di cure e di una rivisitazione completa, ma anche questa non pare oggi una priorità.
E’ invece una priorità a breve termine la posizionatura di salvavita in ferro, già presenti sulle Mura, per evitare , in alcuni già individuati punti, possibili cadute dalla scarpata interna delle Mura, che appaiono particolarmente a rischio, anche su segnalazione della Soprintendenza.
E’ in fase di collocazione una nuova fontana, richiesta anche dal Popolo delle Mura, vicino alla Casermetta del CISCU, in una zona notoriamente mancante della salubre acqua di Lucca.
Il problema dei W.C. è molto presente all’attenzione del C.d.A., anche per le continue richieste che abbiamo, ma non è facile trovare la sua soluzione.
Per servizi stabili occorre impegnare una Casermetta, cosa non semplice da trovare libera, per Servizi Chimici, troviamo forti opposizioni di opportunità e di decoro.
Dobbiamo trovare, in tutte le maniere, una soluzione, la più condivisa possibile, ma entro la prossima primavera.


PERCORSO SULLE MURA

L’intero percorso delle Mura, così frequentato da cittadini e visitatori, è asfaltato in maniera difforme, negli oltre quattro kilometri del tracciato.
Una parte è realizzato in asfalto natura, ridotto nella dimensione, avendo opportunamente ampliato la parte in terra. In alcuni casi l’antica cordonatura delimitante un marciapiede contiguo alla sponda esterna, è stato riattivato in altri è completamente sparito o è assente. Così come i muretti di contenimento.
In buona parte è invece tuttora presente il vecchio asfalto realizzato molti anni fa, coprente l’intera fascia stradale ed in molti casi, fatiscente e pieno di buche.
Il C.d.A. ha già richiesto alla Soprintendenza la possibilità di effettuare una sperimentazione sul tratto di asfalto presente nella parte interna del Baluardo San Paolino, in maniera da non interrompere il passeggio delle Mura.
La sperimentazione consisterà nel togliere un decina di mq. del vecchio asfalto per sostituirlo con tratti di asfalto natura, di diverse pezzature di pietrisco e di colore, per valutarne l’impatto visivo, anche realizzando un breve tratto in “terra stabilizzata” già utilizzata all’estero, in prossimità di Monumenti di pregio, per valutarne la consistenza e la resistenza durante un periodo invernale.
Questa sperimentazione consentirà al C.d.A., alla Soprintendenza, al Comune, ma anche al Popolo delle Mura, di valutate i diversi stabilizzati e scegliere il migliore per la sostituzione del vecchio asfalto.
La prima occasione di questa scelta sarà data dal piazzale antistante il rinnovato Caffè delle Mura che dovrà essere rinnovato nei prossimi mesi.
Per quanto riguarda i vialetti di accesso alle Mura, si procederà come indicato dalla Soprintendenza, dopo la nota polemica su uno di essi.
Per quanto riguarda le sponde di cortine e baluardi verso l’esterno si proseguirà nell’opera già iniziata di rendere sempre più evidente il parapetto, perché si capisca che esso non deve essere scavalcato per giochi o sedute, stante il pericolo di cadute dalle Mura.
Liberemo in questi giorni la cortina delle Mura davanti al quartiere di Pelleria dal cantiere ove da molti anni si effettuava il restauro della parte medievale delle mura, che minacciava di cadere.
Il restauro ben fatto è realizzato su tre quarti di quanto necessario. Per l’ultimo tratto rimarrà un piccolo cantiere, perchè il lavoro residuo non è in questo momento attivabile, stante l’alto costo, per ora non finanziabile.


ALBERATURA E VERDE

L’attuazione dell’Accordo di Programma con la Regione sta continuando a produrre risultati positivi nell’abbattimento delle piante malate e nella loro sostituzione. Anche nel 2011 avremo questo intervento di cui si sta valutando l’ampiezza in questi giorni, ma che è destinato a terminare a breve e deve essere rinegoziato per un eventuale rinnovo.
Al di là di questo, sarà curata la messa a dimora di essenze compatibili, in alcuni punti rimasti in parte scoperti, ad iniziare dal Baluardo San Pietro, ove esiste anche un problema di bonifica ambientale di alcuni manufatti esistenti.
Lo sfalcio continuo delle erbe, particolarmente costoso, è comunque obiettivo prioritario per dare al Monumento quella linearità visiva, che è indice di cura e rispetto.
Stiamo valutando il possibile utilizzo di piccole macchine falciatrici radiocomandate per risolvere il problema delle discese a verde nel lato interno delle Mura, che è il più complicato e costoso, dovendosi ora fare a mano con il “frullino”.
Il Verde sulle Mura e sugli Spalti è attualmente in via generale ben tenuto ed è prioritario curarlo e migliorarlo mese dopo mese.
In particolare per gli Spalti necessita anche la regimentazione dei piccoli corsi d’acqua esistenti ed anche, a mio parere, del restauro degli antichi lavatoi, pochi i rimasti, testimoni delle nostre tradizioni.
ILLUMINAZIONE DELLE MURA

Fra le priorità massime degli interventi sulle Mura vi è il problema del completamento dell’illuminazione esterna delle Mura.
Questa priorità è rafforzata dalla volontà del Sindaco Favilla di arrivare al più presto al completamento dell’anello di fari che illuminano già le Mura nel tratto Porta S.Anna-Porta S.Pietro-Porta Elisa.
L’impegno economico è notevole, siamo alla ricerca di uno sponsor che voglia accollarsi buona parte della spesa in cambio di pubblicità.


LE PISTE CICLABILI

Il completamento della Pista Ciclabile intorno agli spalti delle Mura è anche questa una priorità che il Sindaco ha assegnato all’Opera.
Siamo ancora indietro nell’individuazione dei percorsi e negli attraversamenti, delle vie di accesso alla città.
Ho saputo che su questo obiettivo si sta concentrando anche l’Assessore competente alle piste ciclabili, con una sovrapposizione che sarà bene evitare e che noi certamente eviteremo.
L’obiettivo programmatico più generale vede da parte nostra la definizione preliminare di un percorso culturale naturalistico da poter fare a piedi ed in bici che vada “Dalle sorgenti al fiume” e cioè colleghi il cerchio delle Mura da un lato con le Parole d’Oro lungo il parco dell’Acquedotto del Nottolini e dall’altro al Parco Fluviale.
Una via dell’acqua, bene importante della Lucchesia, che abbia al centro le Mura e che valorizzi tutti i connotati culturali del percorso, dalle Sorgenti alle opere idrauliche, ai panorami suggestivi della Gallonzora, all’attraversamento del Rogio e dell’Ozzeri, fino al Tempietto (di cui urge il restauro) alla galleria che attraversa la Stazione e le Mura (stiamo cercando di poter controllare il percorso sotterraneo, con l’aiuto dell’Associazione speleologa lucchese, per verificare lo stato di conservazione e se possibile una sua visita, senza pericoli).
Un percorso poi che dalle Mura e dagli Spalti arrivi al Parco Fluviale, da dove potrà diramarsi in varie direzioni, in sponda destra e sinistra del Serchio.
Stiamo valutando queste cose perché la manutenzione del Parco dell’ Acquedotto e del Serchio, come del verde delle aiuole, sono affidate all’Opera e quindi la loro valorizzazione è certamente da ricercare attivamente, ovviamente in stretto rapporto con l’Amministrazione Comunale e l’Assessore al Ramo.

LE CASERMETTE

La situazione che abbiamo trovato nelle Convenzioni per le Casermette è stata desolante.
Buona parte delle Convenzioni erano scadute da tempo, quasi nessuno dei Concessionari rispetta gli obblighi previsti in Convenzione.
Il C.d.A delle Mura ha deciso di prorogare indistintamente tutte le Convezioni esistenti e le occupazioni di fatto fino al 31 dicembre 2010, onde consentire un riordino complessivo di tutta la materia.
Abbiamo comunicato alla città che, come previsto dall’art.9 del Regolamento d’uso delle Mura, chiunque può richiedere di poter essere Concessionario di Casermette sulle Mura facendo una motivata istanza all’Opera entro il 31 ottobre di ogni anno.
Abbiamo anche comunicato, per iscritto, agli attuali occupanti le Casermette che è richiesto anche a loro di rinnovare la richiesta di Concessione all’Opera, impegnandosi nuovamente a rispettare quanto previsto dal Regolamento d’Uso e fornendo ex novo tutta la documentazione prevista ed aggiornata, per una Concessione sulle Mura.
Pensiamo così di rimettere tutto in ordine per quanto riguarda la parte formale, che è anche sostanza, per poi trasmettere tutte le domande in regola con i requisiti del Regolamento, al Sindaco, per la scelta dei Concessionari, che come noto, compete al Comune, proprietario delle Mura.

CISCU

Il valore e l’esperienza positiva del CISCU nei molti anni della sua vita, sono riconosciuti dal C.d.A delle Mura, che intende collaborare e incoraggiare l’attività del CISCU.
Il C.d.A. in accordo con il Sindaco Favilla ha deciso di dedicare una lapide commemorativa sul muro esterno della Casermetta sede del CISCU, al Sindaco Giovanni Martinelli, che con grande preveggenza ha ridato alla città e al Mondo l’uso delle Mura e fondato il CISCU stesso.
La lapide sarà scoperta nel gennaio 2011, mese di ricorrenza della Fondazione del CISCU.
Ho incontrato nei giorni passati il Presidente del CISCU al quale ho assicurato la massima disponibilità a sostenere le iniziative dell’Associazione e la disponibilità a realizzarne di nuove, insieme con l’Opera.

ATTIVITA’ SULLE MURA

Le Mura sono luogo tradizionale, per lucchesi e forestieri, di passeggio, di riflessione, di gioco, di sport ed altro ancora.
L’intenzione del C.d.A delle Mura è di assecondare questa naturale, secolare, utilizzazione delle Mura, senza stravolgerne la sostanza, aggiungendo, man mano, arredi e attività soft per accrescere l’utilizzazione delle Mura.
Per questo:
• Abbiamo già dato vita ad una gara di idee per la realizzazione di una rinnovata cartellonistica turistica sulle Mura, che faccia capire dove siamo, cosa vediamo, cosa vi è da sapere, in un tratto di Mura. Questa nuova cartellonistica, che vogliamo poco invasiva, dovrà consentire ai lucchesi e ai turisti di avere una informazione di massima su ogni settore delle Mura, dei suoi Baluardi, dei Sotterranei, delle Cannoniere e delle Sortite, ma anche di che cosa si vede della Città storica da quel punto di Mura. Il tutto anche in Inglese, ovviamente.
• Pensiamo a un rinnovo graduale degli arredi destinati alla seduta: panchine, tavoli, appoggi, luoghi di riposo, per renderli più armonici ma anche più comodi per il riposo del Popolo delle Mura.
• Abbiamo già chiesto alla Soprintendenza il gradimento per inserire nella parte alta del Baluardo San Paolino, ai lati del Monumento a Catalani, alcune panchine per una degustazione di arie musicali dei maggiori musicisti lucchesi. Musica di sottofondo udibile solo intorno al Monumento a Catalani, irradiata da terra, in Wi-Fi.
• Abbiamo in animo di creare in un lato di un Baluardo un centro di lettura, una piccola biblioteca, soprattutto libri per ragazzi, che potranno essere affittati da mamme e nonni, ad ore e a prezzi modesti.
• Abbiamo in animo di creare all’interno di un Baluardo o di una Casermetta un centro audiovisivo in ciclo continuo dove si possa vedere filmati su Lucca e su tutta la nostra provincia, per la valorizzazione delle opere d’arte, di quelle paesaggistiche e l’illustrazione di itinerari d’autore.
• Stiamo approfondendo la possibilità di creare in una Casermetta (Casa del Cane) un “Centro assistenza al Passeggio sulle Mura” in cui ci si possa cambiare, indossare tute e scarpe adatte, con armadietti per la sicurezza degli abiti dismessi, docce attrezzate, ed un piccolo centro di prima assistenza medica, con personale del volontariato, per misurazione pressione, elettrocardiogramma, piccoli strappi muscolari ecc.
• Messa a punto di un itinerario turistico con passaggi attraverso luoghi “inediti” (sotterranei, cannoniere ecc…) per chi voglia approfondire la visita al monumento.
• Stiamo valutando la possibilità di avere una copertura Wi-Fi di una parte dei baluardi (da estendere in futuro) per permettere la connessione gratuita alla rete internet.

Una serie di piccole cose, non invadenti e non stravolgenti i secolari
tradizionali usi delle Mura, che però diano il senso di una cura, una assistenza, una dedizione al “cliente”, indigeno o foresto, che usa le Mura e che servano a valorizzarne la fruizione delle stesse, ma anche a creare un effetto positivo di “passaparola” che è l’essenza della Promozione turistica.

EVENTI

E’ certo che anche Eventi di grande valore possono creare un effetto forte di “passaparola”, ma essi hanno un alto costo, che non è facile coprire in questi momenti di risparmio sulla spesa pubblica.
Trovare sponsor per questi eventi non è facile, soprattutto perché daremo la precedenza a sponsorizzazioni per lavori di restauro e recupero del Monumento.
Il C.d.A si impegnerà a ricercare in tutte le direzioni possibili finanziamenti per uno o due eventi di grande impatto culturale e di grande valorizzazione delle Mura.
Il più gettonato, per la possibilità di realizzarlo all’aria aperta, in qualsiasi stagione dell’anno, è certamente quello di legare le Mura a un grande evento di arte contemporanea di scultura, in un rapporto attivo e non occasionale con gli studi professionali dei grandi artisti mondiali di Pietrasanta.

Esiste poi il problema della continuazione di eventi che già hanno un successo da anni sulle Mura:
• Murabilia, che quest’anno ha superato i 24.000 paganti e che è ormai da anni una delle Manifestazioni botaniche di grande livello europeo. Due sono i problemi principali: la soluzione dell’enigma del nome e una diversa “comunicazione” degli stand presenti, per una migliore visibilità complessiva dell’esposizione, più curata, più armonica, più professionale.
• Verde Mura, Fiera Mercato all’aria aperta, di più spiccato tenore commerciale, che, per il periodo più opportuno in cui viene svolta (Marzo), ha maggiori potenzialità espansive in termini di stand e di visitatori. Per l’edizione 2011 stiamo procedendo a trovare spazi nuovi e significativi per un raddoppio della parte espositiva e per una crescita esponenziale della Manifestazione, integrandola sempre più nel tessuto complessivo delle Mura: Baluardo, Casermetta, Sotterraneo, Cannoniere, Spalti e quindi anche un’occasione di visitazione di spazi delle Mura, non sempre aperti.

ORTO BOTANICO

In simbiosi con le Mura, l’Opera amministra anche l’Orto Botanico, un grande patrimonio museale, poco conosciuto e poco pubblicizzato.
Il C.d.A è già intervenuto per migliorare gli spazi espositivi delle aiuole in parte deperite dall’usura del tempo con la reintroduzione a giorni di specie botaniche della tradizione lucchese e per la salvaguardia del notevole patrimonio librario e dell’Erbario, con il contributo determinante della Fondazione Cassa di Risparmio e della Fondazione Banca del Monte, entrambe di Lucca.
Sull’Orto avremo altre occasioni di riflessione, in un futuro prossimo, perché è senz’altro uno dei temi prioritari all’attenzione del C.d.A che crede nel valori scientifico di questo Museo e nelle possibilità di attrazione, se ben organizzato.


SICUREZZA SULLE MURA

E’ di questi giorni la decisione del C.d.A della chiusura notturna degli ingressi in città attraverso le sortite dei Baluardi San Martino e San Salvatore.
Non era più sostenibile continuare a rischiare qualche “incidente” increscioso dopo i “segnali” che ci giungevano da più parti.
Esiste un problema analogo per i sottopassi davanti alla Stazione, ai lati del Baluardo San Colombano. Cercheremo di evitare la chiusura notturna se troveremo la disponibilità economica per istaurare telecamere e fari, azionati al passaggio.
Il problema più grande è comunque quello di garantire una sicurezza di notte e di giorno, sulle Mura e soprattutto di dare una immagine certa di questa sicurezza.
Una sicurezza per chi passeggia, ma anche per chi colpevolmente si espone a rischi di cadute dalle Mura.
Non appena sarà giunto il nuovo Prefetto, richiederò un incontro perché sia esaminata la possibilità di un maggior coordinamento del servizio che carabinieri, polizia, forestale, finanza, fanno sulle Mura, con un aumento dello stesso nelle ore notturne.
Anche il servizio dei Vigili Urbani dovrà vedere nuovi turni di presenza sulle Mura, soprattutto per garantire il rispetto del divieto di sosta sui parapetti di Baluardi e Cortine, stabilito dal Comune stesso.
Il C.d.A. ha all’ordine del giorno lo studio dell’opportunità di favorire la costituzione di una associazione di volontariato “Amanti delle Mura” con il compito, assolutamente privo di qualsiasi potere coercitivo, di segnalare via cellulare situazioni di pericolo e soprattutto di manomissione, con vernici ed altro, del complesso monumentale, passeggiando sulle Mura con segni distinti chiaramente visibili (bracciali o maglietta) anche al fine di prevenire e scoraggiare, con la sola presenza, le solite “bravate”.

PROMOZIONE E COMUNICAZIONE

Fra i principali compiti Istituzionali dell’Opera vi è la valorizzazione e promozione delle Mura, anche attraverso eventi che valorizzino il Monumento.
E’ forse su questo che il C.d.A. ha dovuto registrare, in questa fase d’avvio, i maggiori ritardi dell’Opera.
Manca personale specializzato, in parte sostituito da parzialissimi incarichi esterni, personale che andrà invece recepito nell’organico del Comune o da altri enti, al fine di poter seguire con continuità e professionalità una promozione del Monumento, delle sue iniziative, con educational specifici e con i moderni mezzi di comunicazione, anche in preparazione degli eventi per i 500 anni delle Mura.
I Siti ora in funzione sono visibilmente arretrati, non aggiornati, asfittici.
Il C.d.A. ha provveduto a registrare alcuni nuovi domini: uno centrale www.lemuradilucca.it, che sarà la casa madre degli altri Siti in corso di preparazione e dedicati all’Orto Botanico, alle Torri, ai Parchi, a Verde Mura e a le Mura in Fiore (Murabilia) ed ad un nuovo Blog interattivo.
Questo nuovo Sito, già in fase di costruzione, e per il quale abbiamo attivato un pubblico concorso di idee, conterrà a regime migliaia di foto, anche estendibili a 360 gradi, delle Mura e anche della città, nuovi filmati e informazioni in più lingue.
Dall’Homepage di questo Sito si potrà andare su tutti gli altri Siti dell’Opera, del Comune, di altri Comuni interessati, della Provincia, della Regione, dell’ENIT.
Con il Blog di questo nuovo Sito si potrà interagire per intervenire con proposte, segnalazioni e critiche sulle Mura, anche attraverso specifiche caselle di posta e.mail., ma anche scaricare foto delle Mura ed informazioni.
Una News letter “ La voce delle Mura di Lucca” (titolo ancora da definire) sarà collegata con il Sito per inviare periodicamente informazioni sulle Mura ed i suoi eventi ad una costituenda Banca dati di giornalisti, tour operator e a qualsiasi persona si voglia iscrivere ad essa.
Il C.d.A ha effettuato una consultazione a 360 gradi di tutti i maggiori Siti del mondo relativi a monumenti di alto valore culturale, tutti con domini nella lingua madre, per confrontare le altre esperienze internazionali fatte e per cercare di realizzare un Sito di grande immagine e di grande effetto.
I singoli componenti del C.d.A. ci stanno lavorando da settimane, con passione e dedizione: la nostra speranza è di riuscire a dotare le Mura di uno strumento modernissimo e di grande prestigio, che ci faccia fare un salto di qualità.
Sarà realizzato un DVD contenente un video di alta qualità per promuovere le mura sia nelle Sedi Istituzionali: Enti, Ministeri, Comunità Europea sia sul web.
Sarà curata con particolare attenzione l’invito e l’accoglienza a giornalisti, tour operatori della cultura e del turismo, VIP, con una assistenza curata alle loro visite sulle Mura e alle Manifestazioni ad esse collegate, con l’aiuto delle categorie turistiche e della ristorazione di Ascom e Confesercenti.
Cercheremo di riprendere, in collaborazione con il CISCU, i rapporti con le città Murate del Mondo, con Associazioni e Fondazioni internazionali, con le Associazioni dei Lucchesi nel Mondo, sparse per il globo.
Saranno ricercati incentive, meeting, piccoli Congressi da realizzare anche nelle strutture delle Mura e dell’Orto Botanico.
Tutta questa materia, pressoché inesistente adesso, dovrà essere pian piano messa a punto nell’organizzazione dell’Opera, diventando la punta di diamante della valorizzazione delle Mura, in previsione dei festeggiamenti dei 500 anni.
Di qui al 2013 vi deve essere una continua esposizione mediatica delle Mura, con un lavoro continuo e professionale, di comunicazione e promozione.
Per questo ho chiesto al Comune l’acquisizione di persone professionalmente idoneo a sostenere questo difficile compito, in maniera continuativa e spero che ciò avvenga al più presto.

FINANZIAMENTI

L’Opera delle Mura vive attualmente quasi esclusivamente con i finanziamenti assegnati dal Comune, che sono appena sufficienti a garantire la normalissima attività di salvaguardia del Monumento, soprattutto del Verde.
Il C.d.A. non si fa illusioni su incrementi significativi del gettito comunale, conoscendo la situazione generale degli enti locali.
Sappiamo che dovremo trovare nuovi finanziamenti sul mercato, con contribuzioni volontarie e soprattutto con sponsorizzazioni ad hoc per effettuare alcuni restauri indifferibili, per aprire nuovi spazi delle Mura alla città, per realizzare significative esperienze culturali e di immagine sulle Mura.
Da un lato quindi il C.d.A rivolge un accorato appello alle Fondazioni Bancarie, alle Banche cittadine, alla Camera di Commercio, alle Associazioni di categorie con in testa l’Associazione Industriali, alle prestigiose Associazioni culturali della città, per un sostegno al recupero delle Mura e alle attività di valorizzazione delle stesse.
A questi soggetti, sempre nel passato molti disponibili a sostenere lo sviluppo economico e culturale della città, offriremo la prima scelta di ogni restauro, di ogni recupero, di ogni evento delle Mura.
Dopo questa prioritaria offerta è nostro dovere ampliare la ricerca, sul mercato internazionale di sponsor a 360 gradi, per ricercare i finanziamenti per le Mura.
So che molti arricciano il nasino allo sfruttamento pubblicitario dei grandi Monumenti. Ma non vi sono alternative credibili.
Cercheremo di fare attenzione alla qualità delle sponsorizzazioni, ma senza di esse è difficile fare grandi interventi, in periodi così difficili per la finanza pubblica.
Il C.d.A. sta anche riflettendo, visto il grande amore che cittadini e forestieri mostrano per le Mura, sull’ipotesi, più volte ventilata in passato, di lanciare una forma di finanziamento popolare mirata all’attività di conservazione del Monumento.
Una “tassa volontaria” , anche attraverso l’adozione virtuale di un albero delle Mura, per una singola persona o di una parte del Monumento (un Baluardo, un Sotterraneo, una Casermetta) per un Ente o associazione o società.
Il C.d.A. sta prendendo decisioni per incrementare le entrate dell’Opera su quei Monumenti: Le Torri e l’Orto Botanico, che costituiscono entrare espandibili per l’Opera stessa.
Abbiamo recentemente istituito un nuovo biglietto cumulativo in aggiunta agli esistenti, che consenta la visita alle due Torri e all’Orto, con la formula, commercialmente affermata, compra tre e paga due.
Stiamo ora riflettendo come valorizzare al meglio questo Biglietto Unico aggiungendo un benefit particolare legato alle Mura, che spinga sul mercato questa nuova tariffa.
Ci auguriamo che questo nuovo “Unico” possa estendersi in futuro a altre emergenze culturali presenti sul territorio, come Ilaria, il Museo della Cattedrale, il Museo del Fumetto, Casa Puccini, ecc.
Crediamo fermamente che il trinomio Mura, Torri ed Orto possa essere vincente sul mercato del turismo, se opportunamente promozionato e venduto in unico pacchetto. (Lucca-Murtort)
Per i finanziamenti più cospicui, a medio e lungo termine, ricercheremo di:
• Inserirci nei finanziamenti regionali, ricercando anche una nuova rinegoziazione dell’Accordo di Programma per il Verde, ormai in fase conclusiva, che molto ha inciso negli ultimi anni, per la salvaguardia del patrimonio verde delle Mura, ricercando una rinnovata collaborazione con la Regione Toscana.
• Inserirci nei Bandi Europei del settore
• Inserirci nel Mondo sconosciuto, ma variegato, della ripartizione dell’8 per mille.
• Ricercare una ricollocazione mondiale al Monumento Mura nell’ambito degli interventi nazionali del Ministero dei Beni Culturali.
• Attivare rapporti con le grandi Fondazioni Americane ed Europee per finanziamenti legati alla valorizzazione e recupero del Monumento.
• Acquisire sul mercato nazionale ed europeo possibili sponsor privati interessati a interagire pubblicitariamente, con un Monumento così prestigioso.

IL POPOLO DELLE MURA

Ho proposto questo nuovo termine per indicare tutti quei cittadini lucchesi, italiani e del mondo, che amano le Mura di Lucca, che le frequentano abitualmente o occasionalmente, che devono trovare una loro “rappresentazione fisica”.
Il famoso popolo attivo ma silente in contrapposizione ai pochi ipercritici di professione.
Queste persone debbono essere considerate per il loro affetto alle Mura e ricordarle con il nome di “Popolo delle Mura” è un omaggio e un riconoscimento all’amore che portano al nostro Monumento, unico al Mondo.
Credo che dovremmo Istituire un Riconoscimento annuale da dare a chi, nel corso di ogni anno, più ha fatto per le Mura di Lucca. Un simbolo delle Mura che andrà creato e valorizzato.

I 500 ANNI

Nel presentare questa importante iniziativa del Comune di Lucca, il Sindaco Mauro Favilla ha affermato che i 500 anni che si festeggeranno nel 2013 saranno la conclusione di una serie di iniziative ed eventi che inizieranno nel 2011.
Un crescendo di manifestazioni così come fu per i 150 anni di Giacomo Puccini, che creino in due anni preparatori, il substrato per una nuova grande valorizzazione delle Mura, a livello internazionale.
L’aver scelto, da parte del Sindaco, il Prof. Romano Silva, quale consulente per i 500 anni delle Mura è garanzia di successo dell’evento commemorativo.
Il C.d.A delle Mura darà la massima collaborazione alla Amministrazione Comunale ed al Prof. Silva anche per tutte quelle iniziative che saranno affidate all’organizzazione e valorizzazione dell’Opera.
La necessità di un restauro del Monumento, di un recupero di spazi delle Mura, di una loro utilizzazione in attività attinenti che qualifichino le Mura stesse, sono priorità che l’Opera perseguirà seguendo le indicazioni programmatorie dell’Amministrazione comunale e del Sindaco.
Il C.d.A delle Mura elaborerà anche alcune proposte per eventi e manifestazioni da fare nel triennio 2011/2013 che sottoporrà al Sindaco e al Prof. Romano Silva, prima di darne attuazione concreta.
Questo 500° è una occasione così importante per le Mura e per la città che gli sforzi di tutti debbono essere concentrati e concertati per un suo grande successo.
Questa è l’occasione di una nuova valorizzazione internazionale delle Mura, a 360 gradi, come fatto a suo tempo dal Sindaco Martinelli.
L’aver aperto questa gestione dell’Opera nel ricordo del dott. Martinelli è di sprone a onorare la sua attività, facendo ancor più e meglio, del tanto fatto allora.
Una sfida a fare delle Mura e del suo Popolo il tema centrale dei prossimi anni.
VALUTAZIONI FINALI

Il Sindaco Mauro Favilla nell’insediare questo nuovo C.d.A. delle Mura ha parlato di un mix di esperienza e intraprendenza e di un Presidente “casinista”.
Devo dire che questi primi due mesi di lavoro mi hanno in parte spaventato per la mole dei problemi aperti, per la necessità della ricerca di finanziamenti cospicui (oltre 7 milioni di euro, nel globale), per la scarsezza numerica dello staff tecnico e per la mancanza di alcune figure professionali, ma la voglia di fare e fare bene è presente in me come in tutti i componenti il C.d.A delle Mura.
Il Consigliere anziano, Giulio Landucci, i consiglieri Graziano Bruciati, Alessandro Croci e Margherita Giorgi sono persone competenti, esperte e fortemente vogliose di impegnarsi in un continuo lavoro, pressoché volontaristico, nell’interesse delle Mura, di cui tutti siamo pazzamente innamorati.
Ringrazio tutti loro per la proficua attività che stanno dando, giorno per giorno, ed anche per la collaborazione alla stesura di questa relazione.
Sta a me forgiare una squadra che abbia, oltre le intrinseche capacità dei singoli, la volontà di operare insieme, con continuità ed innovazione, con coraggio e prudenza, con fantasia e professionalità, in piena collaborazione con l’Assessore al Ramo ed con il Direttore dell’Opera, Ing. Antonella Giannini.
Direttore, che seppur oberato da molti altri incarichi di lavoro in Comune, è persona molto preparata, di grande valore tecnico e di enorme dedizione, agli interessi della Amministrazione comunale e soprattutto alle Mura.
Di tutto questo prendo oggi, personale impegno, nei confronti di tutto il Consiglio Comunale di Lucca.

francesco colucci

martedì 19 ottobre 2010

Aldo Spinelli presenta l'ultimo suo libro

Venerdì 22 ottobre alle ore 17.00
presso la sala delle conferenze della Banca del Monte
in piazza S.Martinio n° 7 a Lucca,

l'0n Gennaro Acquaviva,
Presidente della fondazione Socialismo

presenta il libro di Aldo Spinelli

"1977 e dintorni fino a.....tangentopoli"

Introduce l'avv.Alberto del Carlo
Presidente Fondazione Banca del Monte

Sarà presente l'autore


Aldo Spinelli, classe 1923, quindi 87 anni ben portati è stato il Leader riconosciuto di tutti i Socialisti Lucchesi per molti decenni, dagli anni bui del dopoguerra agli anni novanta.

Segretario del PSI dagli anni '50 è stato Deputato e Segretario del Gruppo PSI alla Camera dei Deputati
Consigliere Comunale a Lucca per molti mandati, Presidente della Fondazione Banca del Monte.

Ha scritto e pubblicato diversi libri sul Socialismo a Lucca.

Il libro che viene presentato Venerdì è la sua ultima fatica a 87 anni e credo sia dare un riconoscimento ad uno dei Politici Lucchesi più genuini e spontanei, venire a presenziare alla presentazione del suo ultimo libro.

Vi aspetto per salutare insieme uno dei Leader storici della Città di Lucca che, nonostante l'età avanzata, continua a lavorare per portare la sua testimonianza su eventi storici ancora molto discussi.

cordiali saluti

francesco colucci

lunedì 18 ottobre 2010

La Terza Domenica in città

Domenica pomeriggio sono andato in città, era la terza domenica del mese....
Trovare un parcheggio è stato arduo......ho girovagato per più di mezzora: prima in città....caserma mazzini e cittadella...coda smisurate....porta s.anna completo....ho trovato un posticino....lontano....alle tagliate.
Una passeggiata fino a San Frediano e poi un...tuffo in via Fillungo.
Tanta gente, tantissima direi soprattutto in quella parte del Fillungo che molti anni fa era considerata....non nobile....per capirsi quella che dall'incrocio di via s.giorgio va a porta di borghi.
Il motivo è semplice in quel tratto di via Fillungo tutti i negozi sono aperti...e fanno vendite...... bravi e coraggiosi.
Veramente un bella passeggiata, non era freddo, le vetrine attraenti, la gente allegra e conversativa.
Sono arrivato fino a Porta di Borgo, con le nuove aiuole......mah...che dire...ma il peggio.... è venuto dopo, una via dei borghi con pochissimi negozi e tante bancherella a un euro.....quale lo scopo di questo mercatino da un euro a colpo???
Al buio, in una strada con pochissimi negozi, queste bancarelline.....fermamoci qui... se no mi danno del......razzista......
Un mercatino da cambiare....modificare......insomma non mi sembra decoroso ne opportuno ne in linea con il carattere del centro storico.
Questi mercatini vanno bene, per carità, avranno il loro scopo, il loro pubblico, ma perchè farli in centro??? c'è tanto spazio nei quartieri fuori le mura. O se devono essere in centro debbono essere decorosi, carini, utili, adeguati, opportuni, insomma in linea con un centro storico elegante, artistico, bello.
Ho fatto acquisti in via Fillungo....piccole cose....ma è piacevole fare acquisti la Domenica in città, passeggiando in mezzo a tanta gente....
Nel tornare all'auto alle tagliate la brutta sorpresa: il passaggio sotto la piattaforma di San Frediano non è illuminato.....male....molto male....e poi.... ancor peggio...anche la strada pedonale dalla posterula di San Frediano alla Circonvallazione ...tutta buia....nessun lampione acceso.
Buio e pericoloso tutto il percorso.....così non va bene...queste cose....non debbono succedere.......lunedì cercherò di sapere cosa è successo....ma così.... non va bene......non va bene tutti i giorni ma soprattutto non va bene la terza domenica... con la città affollata di visitatori, che lasciano l'auto nel parcheggio più grande, alle tagliate e devono transitare per questa strada pedonale.
Ci vuole più controllo....più sensibilità.....più amore per questa nostra città.

Parcheggio o non parcheggio: questo il problema!

Le recenti polemiche sui i progetti in corso su Piazzale Verdi, mi convincono sempre di più che la mia idea iniziale, sulla risoluzione del problema parcheggi nel centro storico di Lucca, sia da rilanciare.
Ho sempre detto, da molti anni, che per risolvere il problema della sosta, nel centro storico, che è vitale per il turismo, il commercio e per i residenti, occorrono interventi complessivi.
Non è pensabile risolvere questo annoso problema ritagliando 15 posti qui, 10 là, spostandone 7 da una parte e 30 da un'altra.
Tingendo oggi le strisce dei parcheggi di bianco, domani di celeste poi di giallo, in un rincorrersi di colori all'insegna dell'arcobaleno.
Se il problema della sosta nel centro storico è vitale e prioritario occorre sacrificare qualcosa.
E qualcosa di sacrificabile, senza grandi costi di immagine per la città, c'è: la vecchia Manifattita Tabacchi.
Destiniamo parte della ex Manifattura a parcheggio pluripiano, senza toccare l'esterno del palazzo, che comunque è di scarsissimo valore, stante le ristrutturazioni industriali effettuate negli anni, dall'antico convento.
Creiamo così, in un sol colpo 1.000 posti auto nel centro, con uno scarsissimo impatto sull'entrata (Porta S.Anna) e sull'uscita (Porta a Vapore) delle auto.
Risolviamo in un sol colpo il problema. Con soddisfazioni di tutti.
Vuol dire che il cacciucco di interventi previsti su quell'immobile saranno compressi in spazi più ristretti.

mercoledì 29 settembre 2010

GUINIGI: Il Palazzo, la Torre e......la Loggia??

Palazzo Guinigi: si stanno ultimando i lavori, un restauro ben fatto che darà alla città l'utilizzo di una dei più bei palazzi medievali. Forse un Museo, forse altro e comunque l'opportunità di visitare il bellissimo Palazzo ed anche di usufruire dell'ascensore realizzato per portare i visitatori, diversamente abili o anziani, al secondo piano della Torre Guinigi, che è collegata da sempre con un portone già agibile.
La Torre: è una ricchezza per la città ed il suo turismo, sono molte decine di migliaia, un numero incredibile, i visitatori paganti della Torre. Se nell'ultimo tratto, quello più ripido vi fosse un ascensore, potremmo moltiplicare queste visite.
Pensiamo solo a quante persone di una certa età oltre ai diversamente abili non possono avere l'opportunità di visitare la Torre, per l'impossibilità a salire così tanti scalini, molto ripidi nel tratto finale.
La Loggia: non tutti forse sanno che accanto al Palazzo principale dei Guinigi, (altri sono presenti nella via) esiste una pregevole Loggia medievale, che è celata da muri sbrenciolati, perchè qualche secolo dopo è stata adibita a negozio e nel secolo scorso a magazzino, per la vendita del carbone.
La Loggia, che sta pesantemente decadendo perchè abbandonata da anni anche dal carbonaio è uno dei simboli più evidenti, dell'importanza della famiglia Guinigi nel medioevo (l'altra Loggia visibile a Lucca e quella dei Mercanti in Piazza S.Michele) e deve essere restaurata perbacco.
Esiste il probleama della struttura a T dell'antico negozio (come la bottega di Prospero) ma con i moderni sistemi di restauro, anche utilizziando il cristallo, potrebbe essere restituita alla città, una testimonianza importante della nostra storia, salvaguardando anche la struttura a T dell'antico negozio e consentire anzi di vedere la straigrafia del posto: La Loggia medievale originale e le modificazioni apportate nei secoli per apire l'antico negozio.
Spero che questo appello sia ripreso dalle associazioni culturali, dalla stampa, dai cittadini, perchè è veramente assurdo che nessuno si ponga il problema di questo restauro, neppure molto dispendioso, di un immobile che è pubblico e che ha un così alto valore storico e che sta distruggendosi con il trascorrere degli anni, in stato di abbandono.