Follow by Email

venerdì 15 gennaio 2010

Ingrassare è slow: è tempo di reagire

Le feste di Natale, Capodanno e Befana, hanno perso molto della spiritualità di un tempo e sono divenute sempre più occasione di pantagrueliche abbuffate in famiglia e al ristorante.
Negozi alimentari scintillanti, macellerie succulente, gioiellerie del cioccolato che aggiungono nuove fantasie ai dolci tradizionali: nordisti, Panettone e Pandoro e sudisti, Strufoli, Babà e Cassata.
Anche da noi molte pasticcerie e forni hanno imparato a fare ottimi Panettoni artigianali in aggiunta alla storica Befana di Barga, ai Befanotti del Compitese, ai Befanini del Giannotti.
Senti questo, assaggia quell'altro, questo l'ho fatto io, le devi sentire se no mi offendo, ieri ero ospite tuo oggi devi essere ospite mio.
Natale con la suocerà, Befana con i nipotini, l'ultimo dell'anno con ...Colombini, Capodanno con ...Puccini.
E quando giungono gli "innocentini" recita un detto lucchese "finite le feste, finiti i quaini" (così la tradizione) ma si va oltre. Per Sant'Innocenzo vai sulla bilancia e ti viene uno "stranguglione" lucchese.
La bilancia è impietosa, cerchi di "barare", di trovare che deve essere tarata male, ma ....tira tutto, le camice, i pantaloni, .... ti senti goffo, gonfio, impallato e questo.... salva la bilancia dal calcio vendicativo.
Bisogna reagire: oggi sono andato alla Master, una modernissima palestra a due passi da casa ed ho iniziato a .....sudare. I cortesi ed afficienti istruttori ti seguono, ti insegnano, ti incitano: ma .....che fatica!!!
Devo perdere almeno dieci kili, per tornare appena "normale". Ce la devo fare!!
Poi a fine mese inizia Carnevale e non puoi "esimerti" da degustare i "Tordelli lucchesi" un Cult della nostra enogastronomia, nella versione Lucchese, Capannorotta, Garfagnina.
Una delizia, un'arte direi, che le nostre nonne hanno tramandato con successo e che è divenuto uno dei piatti "turisticamente" più famosi e diffuso sul nostro territorio.
E se non ne mangi almeno cinquanta per volta, come fai a giudicare i migliori.
Sarebbe giusto fare un Concorso del Miglior Tordello del nostro territorio:
Ma poi si incomincerà a riprendere peso e bisognerà ...tornare in Palestra. La vita è tutto un "anda e rianda"..
A proposito di Carnevale voglio ricordare quello di Marlia che inizia una settimana prima degli altri:
Il 24 Gennaio 2010 infatti prenderà il via "CarnevalMarlia 2010", che continuerà ogni domenica fino al 21 Febbraio.
Un Carnevale specializzato ed eccezionale per i Bimbi, che si divertono da matti.
Saranno ben cinque le uscite dei carri e delle sfilate in maschera (24, 31 Gennaio, 7, 14, 21 febbraio) con inizio alle ore 14.30.
Il CarnevalMarlia ha inizio dai primi anni del '900 e negli ultimi anni si è specializzato come il Carnevale dei Bambini (non l'assessore...)  I Bimbi sono i veri protagonisti di questo Carnevale, l'altro protagonista è il Patron Paoli, (questo si assessore....) che lavora come un matto, ma che.... si diverte più di tutti.
Un Carnevale che ha iniziato ad essere un punto di riferimento anche per il turismo, perchè ha una formula indovinata, ed anno dopo anno, i suoi frequentatori cominciano ad arrivare anche da lontano.
Bravo Paoli. (...ho detto bravo, perchè in Carri sono realizzati dal Paoli stesso e da altri Marliesi DOC, manualmente ed artigianalmente, colla e vecchi giornali, nelle serate d'inverno, a veglia, come si faceva una volta, raccontando fole (ora si chiamano gossip) e bevendo un bicchiere di "striscino" dell'amico Giuliano.
Salvare e valorizzare le tradizioni della nostra terra, utilizzarle per migliorare l'accoglienza turistica, il commercio, produrre ricchezza, perpetuando per i nipoti, anche il nostro antico patrimonio culturale è certamente bello, anzi.......E' ROCK.