Follow by Email

domenica 9 ottobre 2011

MURA DI LUCCA: l'ora della verità.

Le importanti parole del Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca che annuncia che la Fondazione si appresta a deliberare un cospicuo intervento per la conservazione e valorizzazione delle Mura di Lucca, chiudono in bellezza una stagione di comunicazione che Opera delle Mura e Comune di Lucca hanno portato avanti in questo ultimo anno per sensibilizzare Istituzioni, Fondazioni, Banche, Aziende private e cittadini, sulla necessità di porre il recupero conservativo delle Mura al centro degli interventi pubblici e privati nei prossimi quattro anni, in occasione del 500° anniversario della costruzione di un cinta muraria unica al mondo.
Il lavoro di questi mesi è stato intenso, a volte aggressivo nella comunicazione, ma teso a dare la giusta immagine di urgenza degli interventi conservativi, di opportunità "morale" per questi interventi, di estrema necessità degli stessi, di missione culturale di altissimo livello ma anche di possibile e giusto ritorno di immagine.
L'interesse già dimostrato da alcune prestigiose Aziende lucchesi, dai Presidenti delle prestigiose Associazioni, Rotary e dei due Lions lucchesi, alla Fondazione e alla Spa Banca del Monte, a grandi imprese locali, per concludere appunto alla Fondazione Cassa di Risparmio, ci fa fondatamente sperare che la ricerca dei finanziamenti necessari ai lavori, sia ormai in retta di arrivo.
Devo dare atto al Sindaco Favilla per l'impegno e la determinazione messa, ma ringraziare anche due personaggi importanti, ma schivi a mostrarsi, Claudio Guerrieri, Presidente delle Camera di Commercio e  Alberto Varetti, Presidente della Cassa di Risparmio di Lucca, per l'aiuto e il sostegno dato all'Opera delle Mura.
Certo che la decisione di Arturo Lattanzi è di quelle che rimarranno nella storia, almeno della nostra città: è la prima volta che la Fondazione CRLucca fa un investimento così decisivo e di questa valenza, sul Patrimonio culturale e artistico della città con una grande svolta culturale, che privilegia le grandi scelte, all'ordinaria amministrazione.
Governo, Regione e Provincia, non si sono dimenticati delle Mura di Lucca, ed è stata sempre attiva, la loro presenza.
La complessità attuale dei finanziamenti pubblici, può far sembrare distanti i loro interventi, ma non è così, la loro presenza sul problema Mura è continua e con i tempi necessari sono certo che anch'essi saranno primi attori in quel grande progetto di recupero e valorizzazione, che ruoterà intorno al 500° compleanno delle Mura.
Il CdA dell'Opera delle Mura, con il suo Direttore ha cercato in questo anno di individuare e progettare tutti i singoli interventi necessari, dando ad ognuno un valore economico, in maniera di essere pronti ad iniziare i lavori man mano che arriveranno al traguardo i finanziamenti. Il tutto è visibile sul sito dell'Opera www.lemuradilucca.it, anche se sono pressochè pronti nuovi aggiornamenti e implementazioni.
Una programmazione di lavori imponenti, per oltre 16 milioni di euro, da realizzare possibilmente in quattro anni, con la partecipazione di diversi attori.
Un grande puzzle di lavori, un grande quadro, da "dipingere" a più mani, in più anni, con un tavolozza di colori diversi: Governo, Regione, Provincia, Fondazioni, Banche, Aziende Private e singoli cittadini, sotto l'attenta regia del Comune di Lucca e del suo Sindaco, Mauro Favilla.
L'Opera delle Mura è pronta per partire, ma non credo che dobbiamo essere noi a fare tutti i lavori, sarebbe sbagliato, inopportuno e allungherebbe i tempi di intervento.
 L'Opera metterà a disposizione i Progetti e il Direttore Tecnico, ma i singoli finanziatori, siano essi privati o enti pubblici, dovranno fare direttamente i lavori, una volta scelte le priorità insieme al Comune, per garantire sveltezza burocratica, appalti alle imprese locali e giusto ritorno di immagine ad ognuno.
Proprio lo spogliarsi da parte dell'Opera degli interventi di recupero più corposi e lasciarli gestire direttamente agli sponsor, darà ancora più motivazioni ad intervenire per essere ognuno in prima persona artefice di questo grande progetto di recupero delle Mura di Lucca.