Follow by Email

sabato 18 agosto 2012

SPILUCCANDO 25 - Casa Zanni - Verrucchio


Venivo a Casa Zanni, nell’entroterra riminese quando la piccola trattoria era poche stanze con un grande fuoco….sulla brace.... rosticciana, carne rossa e bianca.
Il meglio era la signora romagnola che rigorosamente vestita di bianco lavorava farina ed acqua per sfornare a ritmo continuo grande piadine che venivano servite calde con i migliori affettati della zona ed formaggi più molli dello Squacquerone.
Una delle prime volte che sono arrivato quassù ho trovato un Walter Chiari giovanissimo, in tournèe penso sulla costa…..allegro e felice…assai…per il buon vino e le meravigliose piadine

Negli anni all’antica sede si è affiancato un modernissimo ristorante, con veranda e giardino, una macelleria e salumeria con i migliori salumi e le carni locali, la gelateria, la steakhouse, una cantina con botti e migliaia di bottiglie e per finire una attrezzata Tenuta Agricola, sulle adiacenti colline, per uve e vini della tradizione locale, olivi e frutta.
Un impero dell’enogastronomia, uscito da molti lustri di duro lavoro nella botteguccia di paese.
Come si mangia ora?? 
Bella domanda, certo c’è tanta gente, tanti gruppi, ma nelle vecchie salette, se trovi posto, si sta bene …come sempre.
La Piadina è sempre fatta espressa…. ora da più donne… sempre vestite di bianco,… sempre calda, perche sostituita di continuo…..

i salumi sono garantiti dalla casa, come la carne ed i vini, molte cose sono prodotte da loro stessi….altro che Kilometro zero.
Insomma non si sta male anzi la tradizione è rimasta: piadina, affettati, squacquarone, carne sulla brace. 
Ora se vuoi puoi trovare molto di più….il menù si è allargato e molte altre cose si possono assaggiare a cominciare dai tradizionali passatelli…ma io preferisco stare sul classico: vengo quassù per un abbuffata di piadina fatta come si deve… calda….affogata in un squaquerone che si scioglie in bocca.
Il conto non è lievitato come le stanze del locale….ci siamo sempre con il rapporto prezzo qualità.
Se vuoi dare un senso culturale a questa digressione kilometrica nell’interno romagnolo, puoi andare a visitare l’abbastanza vicino l’antico castello di San Leo, con i segreti di Cagliostro.....la digestione è assicurata.