Follow by Email

lunedì 6 agosto 2012

SPILUCCANDO 5 - Malvina - Pioppe (Grizzana Morandi)


In un angolo dell’Emila ai confini con la Garfagnana e la Montagna Pistoiese imperano le Crescenti ne e le Tigelle, mangiari antichi e sopraffini......se ben preparati.

Diverse le trattorie specializzate da leccarsi i baffi, che avevo con la barba, tanti anni fa……poi è diventata “bionda” e ho dovuto togliere tutto…..
Oggi parlo di una trattoria sulla via che da Porretta porta a Bologna e che faccio spesso, quando l’autostrada del valico di Roccobilaccio è rallentata da cavallette di Tir impazzi di velocità, in discesa.
La trattoria si chiama Malvina, è gestita da una piacevole e brava signora, con il dono dell’accoglienza…anche se in Emila è dono di molti.
Si trova a Pioppe anzi a Fabbriche di Pioppe, piccole borgate sulla riva destra del fiume, mentre la via maestra è sulla sinistra del Reno e non è facile vedere il cartello che indica il piccolo ponte che ti fa attraversare. Lungo i fiumi destra e sinistra si interpretano con le ipotetiche spalle alla sorgente.
In estate si mangia in terrazza, se no all’interno di una unica sala, calda e accogliente.
L’esterno poi è molto curato, piacevole alle sguardo, siamo in piena campagna anzi collina, lungo il corso del fiume Reno che da vicino San Marcello finisce in Adriatico, correndo all’inizio fra scoscesi dirupi montani.
Da vedere, nel tratto pistoiese, le antiche ghiacciaie, in parte restaurate, dove si produceva in inverno ghiaccio e si conservava per venderlo l’estate per il refrigerio e la conservazione dei cibi dei signori e le granitine delle nobildonne, vere ghiottoneria da ricchi…. di allora.

Torniamo a Malvina e alle Crescentine e alle Tigelle.... meglio per me le Crescentine, che sono fritte con amore e servite con i migliori affettati emiliani, i formaggi molli, le marmellate fatte in casa, le casalinghe cipolline in agrodolce.
Una delizia e poi…. dimostrando che la classe dell’accoglienza non è acqua……le Crescentine sono ritirate dalla tavola appena intiepidite e sostituite di continuo con altre calde bollenti-
Il tutto accompagnato da un Lambrusco……. da rischiare il palloncino.
Se sei in compagnia di persone che non voglio esagerare con i carboidrati consiglio gli Gnudi, ravioli senza pasta, deliziosi, conditi con grana e burro antico o spremuta di pomodoro fresco. Per finire..... dolci fatti in casa da …..ritornare……
Prezzi equilibrati verso il Cip. Una sosta da ricercare, un viaggio da fare appositamente.