Follow by Email

domenica 5 agosto 2012

SPILUCCANDO N.2 - Locanda Castelvecchio - Verona

  

 Altro cult della mia cucina è il Bollito......mi piace cucinarlo...scegliendo accuratamente i tagli di carne e le relative cotture..... ma anche degustarlo in uno delle tante trattorie italiane, ognuno con la sua ricetta.
Sono cinque, a mio parere, le Regioni Italiane che si fanno apprezzare per il Bollito, realizzato con piccole ma sostanziali differenze: Emilia, Veneto, Trentino, Lombardia e Piemonte, anche se il Bollito è piatto tipico invernale di altre.....un po' in tutta Italia....perfino alla Vucciria di Palermo ho trovato un bollito eccezionale.
In ognuna di queste cinque Regioni ho trovato una Trattoria veramente valida e una volta l'anno per lo più vado a gustare questo piatto "povero" ma eccezionale: il Bollito.

Questa sera parlo di una Trattoria Veneta, Veronese, talmente specializzata in Bolliti che vi si mangia pressoché solo questo, ovvero, vi troverai solo il carrello dei Bolliti e quello degli Arrosti al taglio.
La Trattoria di chiama Locanda Castelvecchio, a Verona, vicino all'omonimo Castello in città.....una città splendida...forse la sola appassionante e romantica come Lucca...una città con una cucina tipica eccezionale con Ristoranti di grande livello internazionale....ma di questi parlerò in altra occasione.....
Locanda Castelvecchio dunque, indicatami anni fa, dall'amico Pietro a conoscenza della mia passione per il Bollito...tappa obbligata quando vai alla Fiera Cavalli o al Vinitaly o quella Agricola.....quante belle Fiere a Verona…. e Lucca?? 
Un trattoria vecchia maniera....un ambiente storico.....era una antica Farmacia....pochi tavoli, mise in place di livello, una bomboniera di antiquariato ben assortita e armoniosa....ti senti a casa della vecchia zia....sperando che non siano quelle ….dei vecchi merletti
Limitati gli antipasti.....Consumè o Brodo con fegatini di pollo alla veneta o con tortellini per primi, con poco altro e poi i grandi immensi, carrelli....di bolliti e arrosti ...a volontà.
E’ il Paron in persona che viene a tagliare, consigliare, i vari pezzi da degustare….senza economia puoi assaggiare tutto…..
Eccezionali le salse servite....dalla classica e stupenda salva verde, alle Mostarde fatte in casa, alla Pearà veneta, a base di midollo di bue e brodo.... particolare e molto gustosa.
Il mondo del Bollito Veneto...una esperienza a chi piace il genere...veramente cult.
Il prezzo...direi incredibilmente Cip..... se pensiamo alla Versilia di agosto.
Buon Bollito a voi..... in uno dei prossimi post, vi parlerò dei bolliti delle trattorie delle altre regioni, Emila in testa.....che non sono certamente da meno.....con in più.... un buon Lambrusco....che gli antichi successori del console Marco Emilio Lepido, usavano anche per allungare ed insaporire il Brodo. 
Coteghini, Cappello del Prete, Zamponi, testina..... nei bolliti emiliani sovrastano i tagli di manzo....ma di questo parleremo in un altra occasione, ce ne sarà certamente modo ed occasione.
Dopo aver ingurgitato cibi così calorosi e bollenti si impone una passeggiata digestiva ….non ci sono problemi un bel giro del Castello e siamo pronti anche a ricominciare…..