Follow by Email

domenica 18 maggio 2014

PIO alla Brilla con Slow Food e Città Infinite

Siamo stati con l’OsteriaPIO all’evento realizzato da Slow Food Versilia e Città Infinite alla Brilla di Massaciuccoli.
La Brilla antica Riseria dei Conti Minutoli è stata recentemente restaurata dal Parco Migliarino San Rossore per farne una delle “Porte del Parco” e luogo per eventi legati al territorio. Un pregevole restauro di archeologia industriale, sede opportuna di questo evento che ha visto la partecipazione di molteplici produttori legati al territorio. PIO ha partecipato con un piccolo stand presentando il Tonno del Serchio, di sua produzione, come gli Sformatini di Spinaci della Fattoria Biagini di San Cassiano di Moriano, il Piatto Forte Lucchese realizzata dalla nostra Erika rivisitando l’antica ricetta di Pellegrino Artusi, Il Pastrami che solo da PIO si trova e la Coscia della Maiala Garfagnina accarezzata con amore nella sua lenta cottura da Nicola. Gabriele ha presentato con la consueta professionalità questi prodotti che hanno riscontrato un ottimo successo e il Tonno del Serchio è stato forse il prodotto più “assaggiato” in tutta la Fiera.
Ottima l’organizzazione di Città Infinite e di Slow Food Versilia, una condotta giovane ma attiva e preparata e non dormiente con la Condotta Lucchese. Dibattiti interessanti e presentazioni di prodotti curati dal duo Fantoni, padre e figlia, della Trattoria Buonumore di Viareggio. Amelio Fantoni che ho ritrovato dopo molti anni è il padre del Pesce povero e dimenticato che con lui abbiamo esaltato in molte manifestazioni anni fa, quando si parlava solo di ostriche e aragoste. E’ stata l’occasione con Amelio di rinsaldare la collaborazione e presto ci sarà un evento all’Osteria PIO insieme alla Trattoria del Buonumore e alle grandi specialità di mare del duo Fantoni, a base di pesce povero e….non le solite acciughe, ma tutta l’ampia gamma dei pesce azzurro ormai quasi sconosciuto ai più, ma tanto saporito quanto utile alla salute.
Ai tanti visitatori dello Stand di PIO abbiamo dato appuntamento all’Osteria per mangiare i nostri prodotti a km zero alla riscoperta delle nostre tradizioni.