Follow by Email

domenica 16 agosto 2015

Immigrati clandestini e buon senso

Torno sull'immigrazione clandestina per alcune considerazioni di buon senso, che mi sembra manchi molto su questa questione.
Che vi sia un problema umanitario verso questi disgraziati che rischiano la vita per cercare un rifugio da guerre, pestilenze, massacri tribali o semplice povertà estrema, è certamente vero.
Che dare loro assistenza e aiuto è dovere morale e civile.
Che l'Italia da sola non possa risolvere questo problema è lapalissiano
Che una immigrazione clandestina diffusa, non controllata e senza alcun futuro lavorativo, sta creando e sempre più creerà nel nostro paese, insicurezza e turbolenza sociale è sotto gli occhi di tutti.
Il problema è riuscire a coniugare la doverosa assistenza umanitaria con le possibilità di accoglienza dell'Italia e riuscire ad allargare il cerchio dei paesi che diano accoglienza.
E' di tutta evidenza che rimanendo il problema dei profughi solo Italiano non è risolvibile e che man mano che peggiorerà la situazione già esplosiva in alcune città sarà la rivolta popolare a drammatizzare la soluzione.
L'errore del Governo Renzi è di non aver saputo convincere l'Europa di una soluzione complessiva europea, prima di aver dato il via a questa immigrazione clandestina diffusa e totale. Ora è sempre più difficile far tornare l'Europa indietro dalle sue posizioni, Europa che ci incolpa di aver creato questa situazione senza prima aver trovato un accordo: avete fatto da voi.... ora arrangiatevi.
L'unica soluzione è l'intervento in Libia per ripristinare un libero Stato arabo con cui definire e finanziare campi di accoglienza per valutare le situazioni di reale necessità di accoglienza in Europa e definire in loco le altre forme di assistenza.
Grandi torti ha anche la Chiesa che sponsorizza l'accoglienza clandestina senza regole e senza soluzioni predefinite, con pesanti intromissione nelle scelte politiche del'Italia, senza che questo Papa populista senta il bisogno di un tour per l'Europa a fare opera di convincimento sugli altri paesi per trovare una soluzione europea, unica che possa avere un futuro. Troppo facile dire solo all'Italia accogliete e lavarsene le mani.
Siamo vicini a uno scontro sociale totale che deve essere scongiurato da tutte le forze politiche italiane e se è vero che l'intransigenza di Salvini non aiuta, le maggiori responsabilità sono del Governo Renzi che ci ha cacciato con superficialità in questa situazione e non accenna a ricercare una soluzione possibile, lasciando tutto ad una deriva spontaneista.
Non è da salvare neppure il Papa, che è capace di fare la voce grossa solo in Italia e fa la pecora negli altri Stati Europei, dove sa che non si scherza con il dogma: Libera Chiesa in Libero Stato.
francesco colucci