Follow by Email

mercoledì 11 ottobre 2017

San Concordio: sull'orlo del baratro


Che l’apertura del sottopasso di via Ingrellini avrebbe causato molti gravi problemi al quartiere di San Concordio era prevedibile ma con faciloneria ignorato. Via Consani e via della Formica attraversano un quartiere di migliaia di abitanti, separando buona parte di San Concordio dalla Stazione, dalle Mura e dal centro. Le due vie sono divenute la circonvallazione sud, incanalando tutto il traffico che dalla piana vuole andare a Pisa, Viareggio, Autostrada e ai quartieri sud ovest della città. A questo si aggiunge il traffico pesante dei Tir che transitano dalla zona artigianale di Mugnano verso l’autostrada. Urgono soluzioni a breve, medio e lungo termine per risolvere il problema prima che eventi disastrosi ci piombino addosso. Una valida soluzione a lungo periodo la Giunta Tambellini l’ha prospettata: un nuovo casello autostradale a Mugnano, con transito libero fino ai caselli i Lucca, per abbattere il traffico pesante e salvaguardare l’acquedotto del Nottolini. In attesa che il nuovo casello vada avanti occorre un intervento tampone, apponendo sulle due vie di scorrimento cartelli stradali di velocità 30 e di controllo velocità, più un paio di semafori a chiamata per rallentare la velocità dei mezzi e consentire l’attraversamento dei residenti.. Su via Squaglia è indispensabile realizzare il proseguimento della Pista Ciclabile e pedonale di via Ingrellini, ristrutturando anche quella di via Consani e via della Formica. Per via Nottolini si deve prevedere un intervento per preservare l’utilizzo del sottopasso ferroviario a bici e pedoni, indispensabile scorciatoia per la città dei Sanconcordini.


martedì 3 ottobre 2017

Il Rinascimento di Lucca passa da Cultura e Turismo

Accolgo l’intelligente invito dell’assessore Ragghianti ad una discussione serena sul futuro della cultura e del turismo a Lucca, che non può che discendere dal modello di sviluppo della città.  A Lucca negli ultimi trenta anni è collassato il manifatturiero (cucirino e tabacco) per le spietate leggi dell’economia. Altri settori industriali certamente di eccellenza, cartario, meccanico su tutti, danno forte sostegno all’economia ma scarsa risposta all’occupazione. Il turismo è divenuto il principale veicolo di lavoro e di ricchezza della città, sostenendo commercio e artigianato.
Per una città d’arte come Lucca, importante ma “minore” per attrezzature e posti letto, il Turismo deve vedere una attenta politica culturale, che esaltando le peculiarità della città, sappia coniugare le giuste aspirazioni locali con le esigenze di una efficace promozione turistica.
Dico da sempre che gli eventi culturali sono tutti importanti e tutti da sostenere, ve ne sono alcuni che per la loro dimensione europea e mondiale costituiscono di per se una grande promozione internazionale: Comics e Summer. Vi sono brand che ne avrebbero le potenzialità mai bene espresse: Puccini e Mura. Vi sono poi decine e decine di valide iniziative culturali che hanno il pregio di arricchire oltre che la nostra cultura, l’accoglienza ai turisti, per interessarli e appassionarli e che rappresentano la più grande promozione turistica, il Passaparola: “…sono stato a Lucca, città magnifica con una miriade di pregevoli iniziative culturali….” Per cui non vi può essere contrasto fra i grandi eventi internazionali e una valida politica di sostengo e valorizzazione delle iniziative culturali locali.
Nel mezzo rimangono due grandi questioni: Puccini e Mura, con molti eventi ma mai di grande impatto. Su Puccini concordo con Ragghianti: basta visioni elitarie ed aristocratiche, vi sono iniziative private di grande valore che non si possono più ignorare. Ugualmente per le Mura vi sono professionalità culturali che vanno tolte dal congelatore in nome della conoscenza e dell’intelligenza.
Su queste cose la politica deve saper fare un passo indietro.





sabato 16 settembre 2017

Le occasioni perse per il bello di Lucca

Ho scritto di recente delle occasioni perse a Lucca per mettere in mostra vestigia del passato rinvenute durante gli scavi in città. Vicolo San Carlo ove è presente nel sottosuolo, emersa durante i lavori, una domus romana quasi intatta e che poteva essere lasciata a vista con una pavimentazione in acciaio e vetro o gli scavi attorno l’anfiteatro ugualmente interessanti se lasciati visibili. Diversi sono stati i casi di rinvenimenti di vestigia medievali e romane negli scavi di scantinati e ristrutturazione di palazzi nel centro che potevano vedere una loro possibile valorizzazione, anziché ricoprire il tutto a futura memoria. In questi casi occorreva trovare accordi con le proprietà private per possibili utilizzi anche pubblici. Per  non parlare delle necessità che Palazzo Guinigi ospiti in alcune delle innumeri sue sale i reperti degli scavi archeologici sepolti in qualche sottoscala della Soprintendenza.
Offrire al turista più impegnato la possibilità di vedere antiche vestige storiche in più punti della centro storico, liberamente, migliorerebbe l’interesse per vedere e soprattutto tornare a Lucca e per una accoglienza più articolata sulle bellezze della città. Certo occorrerebbe una Soprintendenza più “moderna” e disponibile al di la della mera conservazione sotto terra.
Ci sono esempi di Soprintendenze più attive in questi casi, basta ricordare quella di Roma, audace nel introdurre una conservazione attiva e soprattutto aperta al pubblico.

Per gli scettici ricordo uno degli ultimi interventi della Soprintendenza Romana in accordo con i privati, ripubblicando un articolo di Alberto Custodero apparso su Repubblica.it del 16 settembre 2017, sul ritrovamento e la valorizzazione dell’antica Acqua Virgo.


Eccezionale ritrovamento in via del Tritone Sotto la Rinascente scorreva l'Aqua Virgo. Domus, tabernae, terme e acquedotto, così era Roma. All'interno di uno spazio pubblico, aperto e senza biglietto - annuncia il soprintendente Prosperetti - verrà offerto qualcosa di unico al mondo
Le arcate dell'Aqua Virgo erano accanto a noi, nascoste dalla storia. E sono riemerse dal passato quasi per caso, durante i lavori di edificazione del nuovo complesso della Rinascente tra via Due Macelli e via del Tritone inaugurato il prossimo 12 ottobre. Un tempo in quell’angolo di città tra Palazzo Chigi, Piazza di Spagna e Fontana di Trevi c’erano gallerie commerciali e uffici. Per costruire il nuovo edificio dell’azienda di grandi magazzini (una volta della famiglia Agnelli oggi del thailandese Group of Companies), è stata buttata giù la palazzina risalente agli anni Cinquanta e ne è stata costruita una ex novo. Scavando per il consolidamento delle fondamenta, tuttavia, sono spuntate tracce di antichi insediamenti che hanno richiamato l’attenzione degli archeologi della Soprintendenza. Sono bastati alcuni carotaggi sulle pareti perimetrali per svelare la presenza di una antichissima ‘opera reticolata’.
Per gli appassionati di storia è stata una eccezionale notizia, per la Rinascente un po’ meno, visto che s’è dovuta sobbarcare il 100 per cento delle spese di recupero. E ha dovuto mettere a bilancio i costi di due anni di ritardo dei lavori. Per Francesco Prosperetti, Soprintendente di Roma, «la scoperta di ben 15 arcate dell’Acqua Vergine, tra i più cospicui pezzi di acquedotto romano all’interno della città, grazie alla collaborazione tra pubblico e privato, ha permesso la creazione di una nuova e preziosa area archeologica all’interno di Rinascente.

 Una valorizzazione che è il frutto di una visione coraggiosa e innovativa dei Beni Culturali della Soprintendenza Speciale di Roma». All'interno di uno spazio pubblico, aperto e senza biglietto - spiega ancora Prosperetti, verrà offerto qualcosa di unico al mondo: le arcate dell’Aqua Virgo, accompagnate da un racconto filologico con la suggestione delle ricostruzioni in realtà virtuale, che aiutano a conoscere l’acquedotto e la storia di quella parte della Roma barocca topograficamente così significativa sin dall’età antica. L’area scavata sotto la direzione degli archeologi ha restituito una porzione di tessuto urbano quasi intatto che ha consentito di ricostruire l’evoluzione storica del settore della Capitale compreso tra il Pincio e il Quirinale. Sono così spuntati i resti di due acquedotti e della Salaria Vetus con dei sepolcri monumentali che vi si affacciavano (I a.C). Di insulae e tabernae di prima e media età imperiale. Di una domus signorile impreziosita di uno stibadium, una sorta di divano triclinare dove i ricchi signori si mettevano a mangiare (il secondo noto a Roma dopo quello del Palatino). E di un piccolo impianto termale ( balneum) del IV d.c. Tutto decorato con mosaici e pavimenti in marmi policromi.

lunedì 28 agosto 2017

Sogno una notte bianca con Giacomo Puccini

La notte bianca è stata un innegabile successo commerciale e turistico con qualche piccola pecca organizzativa facile da correggere. Vorrei proporre una estensione: Confermiamo per fine agosto questa notte bianca, comune a molte città italiane, ma valutiamo la possibilità di aggiungerne un’altra notte, in giugno, che valorizzi più specificatamente la lucchesità, per farne una attrazione maggiormente turistica. Una notte bianca legata a Giacomo Puccini e ai compositori lucchesi del passato e dell’attualità. Una festa come questa di agosto ma che veda in città attività musicali e non nella varie Piazze legate a Puccini, Catalani, Gemignani ma anche ad altri, meno noti al grande pubblico, figli del nostro Conservatorio e non solo. Potrebbe essere l’occasione di presentare al pubblico internazionale una cosa diversa, culturale e popolare, legando le varie realtà della nostra Terra: Fondazioni Puccini, Festival Puccini di Torre del Lago, Puccini e la sua Lucca, Teatro del Giglio, le tante Associazioni Musicali lucchesi che ogni anno producono iniziative importanti e che dovrebbero essere tutte presenti per un città che diventa per una notte un grande palcoscenico di musiche ed artisti lucchesi. Una Lucca orgogliosa della sua tradizione musicale che presenta al mondo sotto il nome del suo artista più famoso, Giacomo Puccini, una notte Bianca completamente diversa, nella parte musicale, ma ugualmente popolare: con folclore, musei e negozi aperti.
“Una notte a Lucca, con Giacomo Puccini e non solo.”



mercoledì 14 giugno 2017

La Lista "Rinascimento sia" democraticamente, domani, sceglierà l'apparentamento sul ballottaggio.

Il solito anonimo vomita veleno sulle nostre future scelte di apparentamento. Normalmente non si risponde a coloro che dietro il vile anonimato sputano offese gratuite, perché spesso questi non sono altro che gli interessati di turno che nascondono oscuri ma concreti interessi personali o di gruppo. Rispondiamo questa volta perché l’argomento sarà il best seller della campagna elettorale di ballottaggio: Quale coerenza nella lista di “Rinascimento sia” presentata da Colucci e Poggi in un possibile apparentamento con il Sindaco Tambellini, attaccato duramente in questi anni sulla politica culturale, turistica-commerciale, del rispetto del territorio e del centro storico? Facile la risposta, noi supporter della Lista di Vittorio Sgarbi abbiamo sostenuto per Sindaco Donatella Buonrisposi, con un parziale successo per una lista improvvisata e neppure completa: più di 400 voti e oltre 1,18%. Confermiamo che per noi il Sindaco migliore sarebbe stato Donatella Buonriposi, per competenza, cultura, professionalità. Gli elettori sotto la spinta dei vecchi partiti hanno deciso diversamente: al ballottaggio sono andati Tambellini e Santini e la legge prescrive che si debba votare di nuovo scegliendo solo uno di questi due. Noi riteniamo che il voto sia un diritto-dovere sacrosanto da esercitarsi sempre e in ogni caso: l’astensione o  il voto in bianco ci ricordano solo i falsi farisei della Bibbia. Quindi dobbiamo e vogliamo votare scegliendo fra Tambellini e Santini. Su Santini la nostra posizione è sempre stata chiara, ci siamo sempre opposti alla sua candidatura fin dal primo suo incontro con Marcello Pera e la delegazione di LiberaLucca. Non lo ritenevamo e ancor più oggi, dopo la sua fastosa ma squallida campagna elettorale, non lo riteniamo il Sindaco giusto per Lucca. Per la sua impreparazione, incompetenza e debolezza. Santini Sindaco vorrebbe dire far tornare in Comune, tronfi e potenti, gruppi di potere, pericolosi, vecchi logori apparati di partito, giovani irruenti un tantinello estremisti a cui piace giocare a riesumare un passato che è meglio lasciare nell’oblio. Tambellini ha per noi peccato molto nei settori della cultura, del turismo, del commercio, trascurando centro e periferie. Tutte competenze che invece sono alla base della nostra scelta politica, che guarda alla cultura e al turismo come volano della nostra economia. Quindi le personalità che sono in Rinascimento sia, sotto la guida di Vittorio, sono le più titolate per correggere ed integrare il programma politico di Tambellini, che non è il nostro massimo, la nostra prima scelta ma è una persona onesta, culturalmente preparata, con una lunga tradizione democratica e pluralista. Poi in compagnia di Tambellini troviamo una componente Renziana che stimiamo e che può essere di sostegno e supporto delle nostre priorità. Non ci sembrano che ci siano grandi alternative, ma comunque andremo a discutere e verificare democraticamente, tutti insieme, i candidati della Lista Rinascimento sia, perché la scelta di apparentamento la legge l’affida alle singole liste e non ai candidati Sindaco.
Domani, votando se occorrerà, la nostra Lista farà la sua scelta, ma qualunque sia, sarà una scelta chiara, senza alcun sotterfugio furbesco. Accetteremo solo un apparentamento giuridico e politico, da chi ce lo chiede, con un ingresso a pieno titolo e pari dignità, nella futura maggioranza in cambio di una campagna elettorale fattiva e impegnata.


Francesco colucci, presentatore Lista Rinascimento sia.


lunedì 12 giugno 2017

Una onesta analisi del voto a Lucca

Una onesta analisi del voto al Comune di Lucca, non può che partire dalla stupefacente bassa percentuale dei votanti, meno del 50% in controtendenza con gli altri comuni sopra i 15.000 abitanti in cui si è votato.
Si discuterà all’infinito ed ognuno avrà la sia spiegazione: il fatto rimane, eleggeremo un Sindaco “di minoranza”.
Sui risultati a scrutinio non ancora terminato si deve osservare che il Sindaco uscente perde circa 8 punti dalla elezione precedente e li perde quasi tutti nelle sue Liste civiche, che dimezzano i voti rispetto a cinque anni fa. Il PD mantiene nella sostanza i suoi voti. Il primo posto e quasi il 38% non è dato totalmente negativo, sia per la cattiva stampa che aveva Tambellini che per il fatto che i Sindaci uscenti, salvo eccezioni, quasi mai confermano in toto il consenso precedente, Favilla docet.
Nel centro destra emerge il successo delle Liste di ispirazione fascista, sia militante con Casa Pound che in doppiopetto con Fratelli d’Italia. Invece i movimenti sovranisti, populisti, marcano una vistosa battuta d’arresto. Non sfondano anzi perdono voti dalle elezioni precedenti Grillini e Lega Nord, che alle regionali del 2015 era andata oltre il 20%.
Un flop la candidatura di Garzella, sia per le aspettative che per i vecchi maestri che aveva alla spalle, Piero Angelini e Marcello Pera che con la lista dei suoi fedelissimi non arriva all’1%.
La nostra candidata Donatella Buonrisposi, chiude sopra al 5%, senza infamia e senza lode, era il minimo a cui puntavamo, siamo contenti di averlo raggiunto, potevamo fare meglio, con più tempo e con più soldi, credo che siamo la lista che ha speso di meno, non per scelta ma per necessità. L’improvvisata Lista di Sgarbi raccoglie oltre 400 voti, puntavamo al 2% siamo sotto, seppur di poco.
Le Liste di Santini che ha speso un patrimonio in questa campagna elettorale, vedono un buon successo nelle liste civiche ma anche qui siamo ai minimi di quanto aspettato, nessun fuoco artificiale, se paragonato all’investimento economico fatto: il grosso delle buona percentuale raggiunta da Santini è ottenuta dai vecchi partiti che mettono insieme quasi il 20%, pareggiando il risultato del PD.  Nella normalità e nel previsto le rimanenti liste.
Adesso la partita è aperta, difficile da prevedere nel risultati finale, molto dipenderà anche dalle mosse che faranno i due candidati Sindaco, verso le Liste che sono rimaste fuori dal ballottaggio.  

Francesco colucci




venerdì 2 giugno 2017

Perché Caravaggio a Lucca con Vittorio Sgarbi

Vittorio Sgarbi torna a Lucca, venerdì 2 giugno alle ore 21 per parlare del Caravaggio a Lucca, ovvero del pittore lucchese Paolini.
Ci battiamo per Donatella Buonriposi Sindaco, con il simbolo elettorale che Sgarbi sta lanciando in Italia, perché crediamo che creare un rapporto di amicizia fra  uno dei maggiori critici d’arte del mondo e Lucca, potrà contribuire a realizzare un vero rinascimento della città.
Sgarbi può diventare l’ambasciatore in tutto il mondo de “Il bello e il buono” di Lucca, un patrimonio eccezionale, fino ad oggi, assai poco valorizzato.
Lucca è uno scrigno di molte bellezze d’arte, Sgarbi può aprire questo scrigno e farne il volano per lo sviluppo di quel turismo, culturale e sostenibile, che noi come “Rinascimento sia”, sosteniamo e che la maggioranza dei lucchesi vuole. Una cosa assai diversa dai Concerti Rock da 50.000 accampati sugli spalti delle Mura.
Per rendere chiaro tutto questo, Vittorio Sgarbi torna a Lucca venerdì sotto il Loggiato Pretorio, per “riscoprire” Caravaggio a Lucca, attraverso uno dei seguaci della sua scuola, famoso all’epoca e che, lucchese, molti dipinti ha lasciato nella sua città.  Pietro Paolini, detto anche Paolino nasce a Lucca, nel 1603  e vi muore nel 1681.
Dopo aver fatto esperienze in Roma e Venezia torna a Lucca dove fonda l’”Accademia del Naturale”.
Durante il soggiorno a Roma, dipinge tele di matrice caravaggesca come "La buona novella", "Marta che parla a Maria", "La Deposizione e "Il martirio di S. Bartolomeo".

Molte delle sue opere sono a Lucca, nel Museo di Villa Guinigi. “L’Adorazione dei pastori” è nelle sale della Fondazione CR Lucca, il quadro “Eccidio del Generale Wallenstein” è a Palazzo Orsetti, realizzato su richiesta del Conte Lelio Orsetti.


sabato 27 maggio 2017

Goetterdaemmerung e le frenesie da campagne elettorali

In ogni campagna elettorale, vi è un punto ove alcuni candidati a Sindaco si accorgono di non avere più alcuna possibilità di vincere e peggio ancora di non essere neppure determinanti a far vincere qualche altro.
E’ un dramma: uno si è impegnato, ha speso energie, soldi e i suoi sforzi sono stati vani, nessuno se lo fila e ancor peggio si accorge di essere divenuto marginale. Quando succede, questi candidati in odore di trombatura, scalciano come muli impazziti, in ogni direzione, sia per sfogare la loro frustrazione, che per cercare di distruggere ogni cosa…cancellare gli avversari…nell’illusione di mettere indietro l’orologio del tempo e poter ricominciare.
Sta succedendo a Garzella e all’ascaro mandato, tardi e male, in soccorso: nel momento in cui si sono resi conto di aver fatto un buco nell’acqua e di non aver alcun futuro politico sono divenuti rottamatori di tutto e di tutti. Tambellini, il PD, Santini, i partiti, Buonriposi, Fondazione CRLucca, IMT, Lattanzi, Marcucci, Remaschi, Baccelli e altri ancora. Tutti sono divenuti il male, il diavolo da evocare.
Profusione di offese gratuite a tutti, nessuna idea, nessuna proposta, solo odio.
Il trauma finale è stato rendersi conto che la partita per Sindaco è ormai una corsa a tre, Tambellini, Santini, Buonriposi.
Gli altri candidati giocheranno ruoli importanti, raccoglieranno voti di gruppo e di fede, salvo Garzella che la fede l’ha ripudiata e i voti che raccatterà andranno nel nulla, ne per il Sindaco ne per un futuro disegno politico, che non esiste.
Tambellini, Santini e Buonriposi, si contenderanno i voti utili, con una piccola certezza a mio parere: se la Buonriposi ce la farà ad andare al ballottaggio contro chiunque essa sarà, per la sua centralità e per il suo civismo, vincerà facile e diventerà la prima donna Sindaco di Lucca.


Francesco colucci  


sabato 20 maggio 2017

Un epistolario semi pubblico e semi serio con Samuele

Ho avuto nei giorno scorsi uno scambio di mail con l'amico Samuele Cosentino, uno scambio formalmente amichevole, ma tosto, duro.....ho deciso di pubblicarlo sul mio Blog personale perché emblematico di questi  semi giovani che si affacciano tardi alla politica ma "convinti" di essere già pronti, già "i meglio" non accettano critiche ne suggerimenti....loro sanno già tutto, sono il "nuovo" e gli altri..... i vecchi rincoglioniti.

Credo che sia la paura di dover accettare per la prima volta un giudizio nel segreto nelle urne, come la democrazia impone.
Allora si maschera il timore con l'arroganza.....è un classico di alcuni giovani che cercano ora fortuna nella politica....per questo ho deciso la pubblicazione.
A Samuele voglio bene, ma se questi sono i nuovi che si propongono per amministrare Lucca....preferisco i vecchi.
Lucca non ha bisogno di arroganza ma di scelte, di amministratori competenti che si pongano con umiltà al servizio della popolazione per risollevare Lucca dal declino in cui è oggi.


Uno come Vittorio Sgarbi, con tutti i suoi difetti e turpiloqui, noti da tempo, può certamente essere utile alla città per il suo Rinascimento, con le sue competenze, conoscenze, con la sua capacità di promozione, di attrazione di investimenti e quindi di lavoro. Si può non condividere, legittimo, ma sbeffeggiarlo preventivamente solo per acquisire visibilità e qualche medaglia santiniana è profondamente sbagliato.
Per questo questi mezzi giovani come Santini e Cosentino, persone adorabili invero, non possono amministrare una città come Lucca.
Non possiamo avere amministratori principianti e arroganti, facile preda di vecchi poteri e di vecchi partiti.


Caro Samuele,
 
lo sai che ti considero un amico, un ottimo pizzaiolo, un ottimo cuoco, un ottimo ristoratore. Tu, come molti giovani, insoddisfatti di emergere solo nella loro professione stai smanacciando da alcuni anni per avere un ruolo diverso nella tua città. Una legittima aspettativa.
Hai provato nella Associazione di Categoria, prima in una poi nell'altra, poi ancora nella prima, ma con poca soddisfazione.
Hai provato nel sociale con buoni risultati nel campo della comunicazione, non posso dare giudizi sul resto perché non ho cognizione.
Vuoi provare ora con la politica...ne ha certamente diritto, non so se ne hai le capacità, ma sei simpatico, brillante, a volte basta per sfondare in politica...anche se non se ne hanno capacità.
Tutto bene e allora quale è il problema? e che nell'ansia di fare un risultato ti agiti scompostamente per fare audience, avere visibilità, mischiando il sacro e il profano e questo non andrebbe fatto da uno che sta al pubblico per fare commercio. Mi spiace per te.
Fai la sua legittima campagna elettorale, fai le tue proposte, lascia le polemiche stupide ai professionisti della politica di cui le liste che sostengono il tuo candidato sindaco sono piene zeppe.
Facciamo un campagna elettorale serena, costruttiva, guardando ai tanti problemi di Lucca fra cui quello del lavoro è il più drammatico. Tu lo ha risolto in famiglia e dovresti già considerarti fortunato....

Tuo francesco colucci


Il 16/05/2017  ore 13:03, Ristorante "Gli Orti di Via Elisa" ha scritto:

caro Francesco

lo sai che anch'io provo per te un simpatico affetto, di quelli che si provano per i nonni altrui, e negli aultimi anni in cui la tua seggiolona dell'APT è venuta a mancare questo affetto è cresciuto perchè ho visto in questo "bretellato" uomo in seconda giovinezza, una solitudine alla quale ancora non c'è rassegnazione.
E' vero, io sono un uomo che non si accontenta: sono il primo critico di me stesso, eternamente alla ricerca di un traguardo da raggiungere che sia sempre un po' oltre ciò che è facile raggiungere.
L'ambizione non è un difetto,la curiosità non lo è. Sono un uomo che ha degli ideali, che conosce il significato della parola etica e che da prima di raggiungere la maggiore età già alzavo ed abbassavo la saracinesca dei vari luoghi in cui ho lavorato.
Nelle associazioni di categoria, caro Francesco ho avuto molta soddisfazione ed ancora ne ho,non c'è obiettivo che mi sono posto che non abbia raggiunto, nel sociale i risultati che tu definisci buoni io li penso invece ottimi e nella comunicazione per fortuna hai riconosciuto di nonpoter dare giudizi: hai risparmiato a me di dobertelo ricordare.
Adesso ho deciso di provare con la politica, proponendomi con la mia personalità, il mio carattere difficile, la mia competenza, la mia serietà, la mia onestà. NOn so se basta, lo decideranno gli elettori, ma io, ho voluto metterci la faccia. Comunque vada questra esperienza mi lascerà qualcosa dentro. Parlare conle persone, ascoltare, stringere mani, far parte di un gruppo di persone e con loro condividere un progetto. Tutto ciò nonsi cancellerà mai. Non lo cancellerai certo tu , con il tuo umorismo o la tua ironia, enon lo cancellerà nemmeno il risultato elettorale. Questa esperienza riumarraà nel mio cuore per tutta la vita.
Ma tutta questa tua rabbia goffamente celata dall'ironia da cosa deriva? Il tema che ho voluto sollevare è molto semplice e te lo riepilogo ripulito da foto, o concetti che possono averti distratto: è opportuno che un provveditore agli studi siua anche candidato sindaco? Tutto ciò nel mese di maggio e giugno a poco tempo dagli esami di maturità e dalla fine della scuola. E' opportuno che intervenga pubblicamente nella doppia veste di provveditore e candidata? E' opportuno che alcuni insegnanti siano coinvolti in questa esperienza?
Si è già dimessa e non lo sappiamo?
Tutto qua. Domada compicata? Arrogante? Maleducata?
Sono un cretino o un regredito culturale perchè ho posto questo tema? Tu sai cosa mi ha detto la Buonriposi poche settimane fa al Palazzetto dello sport (erano presenti altre persone)? Sono sereno perchè so cosa pensa la prof.ssa di me, ed infatti sarebbe bastato un suo intervento stamani in cui sostanzialemete diceva due cose:
mi dissocio dalle offese gratuite del prof. Sgarbi al candidato Cosentino (poi poteva raccontare cosa pensa relamente)
misono dimessa, eco le prove. Da questo momento i miei interventi saranno solo da candidata.
Invece lei non parla e tu mandi la tua lettera.

samuele


Il 16/05/2017  ore14:19, francesco colucci ha scritto:

Caro Samuele

prendo atto con piacere del tuo entusiasmo e della tua giusta ambizione....ma al tempo....solo per la precisione....io ti ho scritto non in relazione alle tue polemiche con il candidato Sindaco che fanno parte dei tuoi diritti...ma per quelle gratuite con Sgarbi.......che te ne cale....cerchi rogne gratuite...su temi che non sono i tuoi...poi ognuno fa come vuole per carità nessuna censura solo un amichevole rimprovero al nipote coglioncello....forse tutti davanti ti diranno come sei stato ganzo....per dire dietro come sei coglione....e rimarrà così....Cosentino quello a cui Sgarbi ha dato del cretino....cmq felice te...festa per tutti.....ti faccio i miei migliori auguri per un tuo personale successo....ma niente auguri alla lista e a The Mask.......baci

francesco


Caro Francesco

sei uno dei pochi che si fila Sgarbi, in ambito politico, dopotutto non ti è rimasto altro dove aggrapparti.
Comprendo che il critico nazionale non ha tempo e voglia di leggere, ma se tu avessi letto con attenzione avresti compreso che il mio commento è sull’utilizzo che si fa di immagini o persone: davvero credi che la politica seria si faccia utilizzando immagini osè o sfruttando, per un proprio tornaconto, l’immagine di personaggi famosi? Suvvia.
Accetto con simpatia il tuo rimprovero ... con la tenerezza del nipote che guarda al nonno ormai rincoglionito.
Buona campagna elettorale ... che son certo terminerai come la precedente.
Con grande simpatia ci si sente il 12 giugno

samu















domenica 30 aprile 2017

1° Maggio: da San Francesco a Sandro Pertini

Il Lavoro: è oggi il problema dei problemi a Lucca come in Italia, troppi ne sono senza, troppi giovani non hanno davanti a loro prospettive di lavoro serie.
Vorrei ricordare questo Primo maggio, con le parole di chi ha sempre considerato il diritto al lavoro, come la base per ogni convivenza civile, per la dignità di ogni donna e uomo.



Il 10 dicembre 1948, l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani che per il Lavoro fra l'altro così recitava:
Ogni individuo ha diritto al lavoro, alla libera scelta dell'impiego, a giuste e soddisfacenti condizioni di lavoro ed alla protezione contro la disoccupazione.
Ogni individuo, senza discriminazione, ha diritto ad eguale retribuzione per eguale lavoro.
Ogni individuo che lavora ha diritto ad una rimunerazione equa e soddisfacente che assicuri a lui stesso e alla sua famiglia una esistenza conforme alla dignità umana ed integrata, se necessario, da altri mezzi di protezione sociale.


Art. 4 della Costituzione Italiana:
La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto.
Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un'attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.


 Di San Francesco d'Assisi si ricorda una frase:
"Chi lavora con le sue mani è un lavoratore. Chi lavora con le sue mani e la sua testa è un artigiano. Chi lavora con le sue mani e la sua testa ed il suo cuore è un artista.”

Sandro Pertini, Presidente emerito della Repubblica e socialista per tutta la vita, si sempre battuto per il Lavoro, riporto alcune sue frasi, che è un piacere rileggere:
"Si può considerare veramente libero un uomo che ha fame, che è nella miseria, che non ha lavoro, che è umiliato perché non sa come mantenere i suoi figli e educarli? Questo non è un uomo libero.”
“Gli uomini, per essere liberi, è necessario prima di tutto che siano liberati dall’incubo del bisogno.”
“La libertà senza la giustizia sociale non è che una conquista fragile, che si risolve per molti nella libertà di morire di fame.”
“Gli affamati ed i disoccupati sono il materiale con il quale si edificano le dittature.”
“Bisogna fare in modo che ogni italiano trovi in Italia un posto di lavoro.”
“Io credo nel popolo italiano. È un popolo generoso, laborioso, non chiede che lavoro, una casa e di poter curare la salute dei suoi cari. Non chiede quindi il paradiso in terra. Chiede quello che dovrebbe avere ogni popolo.”
“Condizione essenziale di progresso è che all’interno della scuola, prima che altrove, maturi una nuova consapevolezza del valore ineliminabile del lavoro, delle responsabilità individuali, della solidarietà verso gli altri, quali che siano le loro idee, dell’integrità verso la cosa pubblica e nei rapporti privati.”


Oggi a Lucca è certo difficile qualche cosa per dare lavoro a chi non lo ha e nuove certezze ai giovani che escono dal mondo della scuola.
Ma ci dobbiamo provare e fare il possibile e l'impossibile per dare una risposta a queste legittime aspettative. 

Per questo Donatella Buonriposi, candidata a Sindaco di Lucca, ha posto al centro del suo Programma il Lavoro e la Famiglia,  
come cardini di ogni società civile, organizzata, solidale.

francesco colucci






 

martedì 25 aprile 2017

25 aprile una Ricorrenza da "ampliare"

Il 25 aprile è la festa che ricorda l’insurrezione armata di un popolo e la vittoriosa guerra di liberazione. E’ il fondamento su cui si basa la nostra Costituzione Repubblicana. 
Ciò premesso e dopo 70 anni da questi importanti fatti credo sia doveroso fare alcune considerazioni:
Come ogni guerra anche la Liberazione ha avuto aspetti tragici, stragi evitabili, episodi odiosi, che hanno colpito Italiani, da qualunque parte combattessero.
Come in ogni guerra si ricordano sole le stragi di chi ha perso e si mettono nell’oblio quelle dei vincitori. Chi vince, in ogni parte del Mondo, impone la sua “lettura” degli avvenimenti cruenti e così è successo anche in Italia.
Credo che oggi, dopo tutto questo tempo, sarebbe giusto ed opportuno che la Ricorrenza del 25 aprile, fosse “ampliata” anche a Festa della Riconciliazione Nazionale, in cui si celebra la grande lotta di popolo per la Liberazione ma anche il desiderio di moltissimi di ricordare tutti i morti, tutti Italiani al di la di dove combattessero.
I vivi hanno già chiuso da tempo queste atroci ferite, molti epigoni del fascismo, riciclati in partiti di estrema destra sono stati in questi anni Ministri della Repubblica e con il voto popolare, vi potranno anche tornare.
Allora, senza ipocrisie, non vedo perché non si debba ugualmente chiudere un dramma tutto italiano che riguarda tutti i nostri morti.
Il 25 aprile continui ad essere fausta ricorrenza della vittoriosa lotta di liberazione, ma diventi anche momento di riconciliazione e ricordo di tanti morti, tutti italiani.
Sia il 25 aprile, Festa della Liberazione e della Riconciliazione Nazionale.


Francesco colucci  


lunedì 24 aprile 2017

La Francia è Lucca??

Alle elezioni in Francia, vince il candidato senza partito, Macron che va primo al ballottaggio con la leader dell'ultra destra barricadiera Le Pen, battendo i candidati autorevoli dei partiti Gollisti, Socialisti e Comunisti.
Una situazione che si potrebbe ripetere anche a Lucca.
Macron, un ex Ministro che uscito dal suo Partito ha costituito in pochi mesi un Movimento fuori dai Partiti tradizionali, l'unico veramente europeista e di centro, che ha preso più voti dei candidati dei partiti tradizionali della destra e della sinistra francese.
Ha rotto il tradizionale duopolio destra-sinistra, senza passare per l'estremismo anti-europeo e razzista.
La Francia è sempre stata precursore delle grandi svolte popolari e politiche, basta pensare al '68, e adesso ha dato un segnale forte all'Europa: i movimenti populisti, estremisti, sovranisti anti europei, possono essere battuti da candidati nuovi, che hanno esperienza di governo, ma che hanno ripudiato i vecchi tradizionali partiti, per porsi come cittadini europei al servizio della nazione, con un rapporto diretto con il popolo.
In piccolo anche alle elezioni di Lucca può ripetersi questo risultato: i candidati, forti sulla carta, del PD da una parte e di FI, Lega e Fratelli d'Italia dall'altra possono essere battuti da un candidato nuovo, ma di grande esperienza amministrativa, che si candida fuori e contro le logiche dai vecchi partiti, chiedendo la fiducia direttamente ai cittadini lucchesi.
E' questa una possibilità che giorno dopo giorno sembra sempre più possibile, se coloro che vogliono cambiare, in tranquillità e senza estremismi, prendono coscienza che si può fare, semplicemente con la scheda elettorale.
In Francia lo hanno fatto, ora proviamoci anche a Lucca.


domenica 23 aprile 2017

I miei Blog

Alcuni mi dicono che scrivi a fare, tanto non ti legge nessuno.
A parte che a me piace scrivere, soprattutto fare satira, (assai difficile a Lucca dove la pubblicazione di due culi, che si vedono in ogni pubblicità, ha creato grande scandalo), credo che dopo un po’ di tempo di apprendistato in questa mia nuova veste di Blogger, qualche risultato in termini numerici si comincia a vedere.
I miei Blog sono stati ideati e prodotti in casa da me: Bruttini forse ma a costo zero.
Per gli amanti di San Tommaso faccio un riepilogo di alcuni dei miei Blog più mossi e quindi più seguiti: Asinone, Informatore Lucchese e il mio personale.
Pubblico anche le visualizzazioni dei singoli Post pubblicati su FB e Twitter (dati statistici loro), durante i primi 20 giorni di aprile 2017: venti giorni, in totale 6 post.

L’Asinone:
visualizzazioni Blog nel periodo: 1090
Su F.B persone raggiunte:
Post     Giornali on-line  - 1.505 
Post     The Mask           -  1,279 
Post     Fuffigni              -     959  il più recente in fase ancora di visualizzazione

L’Informatore Lucchese
Visualizzazioni Blog nel periodo: 259
Su F.B. persone raggiunte:
Post     Uovo di Pasqua    - 1.303
Post      12 aprile              - 1.090

Francesco Colucci blog
Visualizzazioni nel periodo: 929

Twitter: 90 visualizzazioni in media x ogni singolo post.

A questi numeri vanno aggiunte le persone raggiunte su F.B. dai miei Post, condivisi su altri Siti o Gruppi, creando una nuova vetrina non statisticamente valutabile.
In più questi miei post a volte sono gentilmente riprodotti e pubblicati su giornali on-line di Lucca e non, creando ulteriore visibilità, anche questa non statisticamente valutabile, ma certo di numeri non indifferenti, data la notorietà dei singoli Blog e Giornali on-line.
Senza contare che spesso questi Post sono pubblicati sulla mia news letter che va ad alcune migliaia di persone, secondo la notizia trattata.
Dai dati riportati sui numeratori dei miei Blog, colpisce infine un dato complessivo, non confrontabile, perché i miei Blog sono nati in periodi diversi e quindi hanno diversa anzianità: la visualizzazione certificata dal numeratore dei singoli blog porta a un totale di quasi 100.000 visualizzazioni dalla nascita.


Se qualcuno mi vuole dare una mano ed ha passione per lo scrivere lo può fare scrivendo e firmando suoi articoli ed inviandomeli, saranno pubblicati su l’Informatore Lucchese, che era nato proprio per questo.

Passata la campagna elettorale che assorbe ormai la totalità delle miei residue forze, riprenderanno le pubblicazioni dei Blog più di svago: Vivere Curiosando; Lucca Puccini e non solo; Lucca, una Capitale; Tourist House; Salviamo l’Acquedotto del Nottolini e gli altri tematici.






sabato 22 aprile 2017

In stato di abbandono il complesso sportivo di Sant'anna

Sono stato a visitare il complesso sportivo di Sant'Anna di proprietà comunale, costituito da un campo di pallacanestro-pallavolo e un campo di calcio, più spogliatoi e spazi comuni. Un disastro, tutto in stato evidente di abbandono: manto del campo di basket, pieno di buche e rattoppi mal eseguiti, campo di calcio mal tenuto, erba trionfante su tutti i lati, ma il peggio sono gli spogliatoi: porte e finestre rotte, servizi disastrati, suppellettili distrutte, sporcizia e rottami ogni dove. Forse di notte alloggio di persone sconosciute. Mi dicono che la gestione è del calcio femminile anche se l'impianto è utilizzato anche dallo storico GS Santanna, che tanto si impegno per la sua costruzione.
Difficile distinguere se le responsabilità sono solo del Comune o anche dei gestori del calcio femminile, certo che questa situazione non può essere ulteriormente tollerata e sta al Sindaco prendere le decisioni più urgenti ed opportune per risolvere la questione non più procrastinabile.

francesco colucci

sabato 15 aprile 2017

Cosa vorrei nell'uovo di Pasqua lucchese

Da ragazzi in un epoca in cui i nostri giochi erano le palline e la campana, aspettavamo con ansia di spaccare l'uovo di Pasqua per godere della sorpresa.
Da questa Pasqua di tanti anni dopo, mi aspetto di trovare altre cose nell'uovo della politica lucchese.
Innanzi tutto un candidato a Sindaco credibile, indipendente, che abbia dimostrato sul campo di avere doti di manager pubblico, di saper gestire migliaia e migliaia di giovani, strutture vecchie e nuove, con una gestione delle scarse risorse pubbliche oculata, responsabile, cercando di realizzare il massimo dalla situazione data.
Non vorrei trovare una conferma di posizioni statiche, bloccate da vetuste idee ideologiche superate, di schemi visti e rivisti, cari alla sinistra che di fatto bloccano, come hanno bloccato a Lucca, in questi ultimi anni ogni sviluppo legato alla libera iniziativa privata che deve essere al centro di ogni società democratica e civile.
Non vorrei altresì vedere premiata una concezione della politica solo immagine, cara ai tempi di vacche grasse, dove il Sindaco non si eleggeva per le sue capacità amministrative e di governo, per la sue qualità di leader, ma per la sua bravura nel "bucare lo schermo", nell'apparire, nel promettere tutto e tutti, nel sembrare il nuovo mentre in realtà era solo la faccia pulita di vecchi partiti e dei soliti gruppi di potere che, impresentabili, finanziano feste,  nani e ballerine per tornare all'agognato potere, per i loro esclusivi interessi.
Vorrei un Sindaco che si impegni per il Lavoro e la Famiglia con  la forza delle proprie idee e della propria testimonianza di vita, libero e senza vincoli di appartenenza, senza nessuno che gli possa tirare la giacca.




giovedì 13 aprile 2017

Avanti con i giovani!!!

Ieri sera dopo aver portato i miei migliori e sinceri auguri di Pasqua all'amico Marcello, mentre percorrevo viale Puccini, ho visto un grande assembramento di ragazze e ragazzi, che traboccavano dal Bar di Alessandro Dianda, dove ero diretto per gustare il solito aperitivo.
Mi sono ricordato solo allora che era previsto un incontro del Candidato a Sindaco Donatella Buonriposi con i giovani. La mia memoria comincia a farmi brutti scherzi.
Spiegatomi il motivo di tutti quei giovani gioiosamente riuniti, ho dovuto camminare molto per trovare posto all'auto e ho provato con difficoltà ad entrare nel Bar, che era stracolmo anche nel giardinetto, di ragazze e ragazzi che stavano discutendo con la Donatella.
Sgomitando sono riuscito a prendere il mio prosecco preferito, ma forzatamente troppo lontano per gustare il dibattito, mi sono dedicato a scrutare le facce dei tanti giovani presenti: facce interessate, serene ma prese dalla discussione, che è stata lunga e appassionata.
Vedere tanta gioventù interessata alla elezioni comunali mi ha riempito il cuore perché è su di loro che sono riposte le speranze per cambiare qualcosa anche qui a Lucca.
I vecchi partiti, la vecchia politica è giustamente al tramonto, occorre aria nuova, persone giuste, preparate, lontane da vecchi steccati e dalle logiche partitiche, dai soliti centri di potere ansiosi solo di riemergere.
E' stato una bella serata che ti mi ha riconciliato con me stesso e con il mondo.


lunedì 10 aprile 2017

Riformisti Lucchesi e le elezioni a Lucca

Qualcuno ha voluto leggere una giusta e opportuna dichiarazione di reciproca indipendenza intellettuale fra Donatella Buonriposi e Francesco Colucci,  come una offensiva equiparazione con Mario son sodo, per proseguire nella loro personale campagna di denigrazione della nostra comune scelta politica.
A questi devo dire che mi sento onorato ad essere apparentato a Mario, la persona più buona, simpatica, generosa e innocente che abbia conosciuto a Lucca.
Conosco Mario da tantissimi anni, quando giovanetto, con la radiolina all’orecchio, entrava nei negozi o fermava le persone in Fillungo per far sentire le canzonette che venivano radiotrasmesse, con un sorriso entusiasta che innamorava.
Un ragazzo pieno di voglia di vivere, così semplice e innocente nei rapporti con le persone, che faceva riflettere sulla vita e sulle diverse fortune dell’esistenza.
Voglio molto bene a Mario e considero un complimento essere accostato a lui, se serve a far capire  che portare avanti comuni scelte elettorali locali non vuol dire annullamento delle singole personalità, dei diversi interessi culturali, di ogni vivacità intellettuale. In particolare ho i miei Blog, da anni, di cui uno, L’Asinone, di irriverente Satira, che non ho intenzione di soffocare, ma che rappresenta solo le mie personali idee e di cui mi assumo, come sempre, da solo, le responsabilità gestionali.
I riformisti lucchesi a cui appartengo da sempre, dopo la cancellazione del PSI nel 1992, hanno fatto sempre scelte elettorali con Liste Civiche, privilegiando la validità del Programma e del Candidato, tenendo la barra al centro dello schieramento politico lucchese. Abbiamo sostenuto con successo le due Candidature a Presidente della Provincia, di Stefano Baccelli, quelle a Sindaco di Favilla, con Governare Lucca e l’ultima persa, di Mauro.
I Riformisti lucchesi oggi sono impegnati a presentare e sostenere insieme ad altri movimenti di centro, una lista a sostegno della Candidatura a Sindaco di Donatella Buonriposi, perché la riteniamo la migliore fra quelle presentate, perché è la più competente e la più preparata per recuperare il declino di Lucca, puntando sul Lavoro e sulla Famiglia.
E’ una scelta civica, su un programma amministrativo comune e concordato, che porteremo avanti insieme nella certezza di un successo per il bene di Lucca.

Per il resto noi rimaniamo Riformisti, come Testimonianza di idee che vengono da lontano, dalla tradizione riformista socialista di Craxi e Pertini, che avevano contribuito a costruire una Italia assai migliore di quella in cui viviamo oggi. 



sabato 1 aprile 2017

Ogni grande evento a Lucca, le solite litanie.

Tutti sono ormai convinti che il turismo sia divenuto una delle principali fonti di lavoro e ricchezza per la città. Ma appena 25 anni fa il turismo era considerato il "diavolo"...si accettava al massimo un turismo cosiddetto "elitario" che voleva dire quattro gatti di studiosi in spedizione archeologica salvo poi lamentarsi perché non spendevano. Vi erano allora sei affittacamere, pochi ristoranti, qualche Bar, chiuso rigorosamente in se stesso. Spiegare che la città si doveva aprire per accogliere i visitatori fu battaglia persa. Per rompere questa cintura di castità dovemmo fare l'inverso, andare a fare promozione all'estero e in Italia di una città meravigliosa, vergine sul mercato e far iniziare a venire migliaia di visitatori: allora il resto è venuto da se. Appena visto che il gioco economicamente valeva la candela, è stato facile far capire che la città doveva cambiare, mutarsi, per accogliere i nuovi pellegrini.
Quando si pose il problema che il turismo era maggiore nei fine settimana per cui i negozi, bar, ristoranti, dovevano essere aperti la domenica fu un dramma, ricordo che ad una riunione di commercianti mi volevano picchiare tanto erano inferociti, per osare proporre di turbare la loro vita familiare, per aprire ai turisti.
Non fu semplice allora e neppure semplice adesso, perché ad ogni nuovo grande evento che renda visibile Lucca nel mondo, la città si divide ferocemente in favorevoli e contrari a secondo dei propri esclusivi, immediati, concreti, personali interessi. Mai nessuno che volga lo sguardo alto e teso, in avanti.
I Comics in centro hanno portato da 40 a 250 mila i visitatori? Protestano i residenti, esultano i cosiddetti "bottegai". Summer Festival: gioiscono gli albergatori protestano commercianti e residenti. Si riesce a fare a Lucca il G7, l'evento internazionale istituzionale più importante al mondo, che vedrà centinaia di giornalisti di ogni dove, di radio e TV parlare di Lucca, con una pubblicità che farla a pagamento costerebbe tre punti di PIL? Protestano bottegai e residenti. Nessuno mai che pensi a quanto questi eventi, portino in dote a Lucca per gli anni a venire. Tutti concentrati sull'immediato, sul contingente.
Ricordo che a metà degli anni novanta quando il turismo cominciava a mutare la vita dei lucchesi, ero solito ricordare a chi si lamentava dei gruppi di visitatori che invadevano il Fillungo, che tutti vorrebbero sì, un grande aumento di turisti, perché portano ricchezza e lavoro, purché parcheggiassero l'auto sul Monte di Quiesa, camminassero solo sui tetti, acquistassero dai negozi per telefono, senza muoversi dalla camera, dove i ristoratori dovrebbero portare i pasti, così non si vedrebbe nessuno in giro a disturbare la quiete del centro storico.
La vita non è così, se vuoi qualcosa deve guadagnartela, prendendo il buono che c'è, ma anche accettando i disagi inevitabili che vi saranno.

francesco colucci




  

mercoledì 8 marzo 2017

8 marzo, festeggiamo una donna Sindaco di Lucca

Marcello Pera ha detto al Tirreno: "sogno una Lucca fiera amministrata da una donna", una grande aspirazione, una eccellente intuizione che io credo fermamente sia un sogno realizzabile: Un Sindaco di Lucca donna, come mai vi è stato.
Una candidatura donna, autorevole, di esperienza, manager comprovata, potrebbe veramente costituire il "nuovo" che in molti auspicano per il Comune di Lucca.
Facciamo che questo 8 marzo non sia solo il solito rituale asettico ma sia il trampolino di lancio per una candidatura donna a Sindaco di Lucca.
Sarebbe veramente un fatto eclatante nel panorama politico lucchese: spesso chiuso, bigotto, di casta.
Una soluzione donna potrebbe anche essere lo stemperamento della contrapposizione sterile fra estrema destra e estrema sinistra, per una conduzione che valorizzando le qualità femminili della temperanza e della concretezza, si ponga al centro dello schieramento politico lucchese, realizzando quel laboratorio più volte cercato altrove e ormai non più procrastinabile.
Potrebbe essere la chiosa dell'affermazione: "Le donne non sono il problema, ma la soluzione del problema"

Non tocca a me, uomo, alcune volte anche un po' maschilista invero, avere l'ultima parola, posso solo affermare che il destino delle donne è nelle loro mani, nella loro testa, non solo oggi, ma tutti i giorni.
Allora, giorno dopo giorno, si senta forte e convinta la loro voglia di affermazione..

francesco colucci