Follow by Email

domenica 29 gennaio 2017

La Gattina frettolosa fece gattini cechi

Marcello Pera ha affermato più volte che è prematuro fare nomi per Candidati a Sindaco se prima non si è discusso e definito che cosa vogliamo proporre alla città, se non stabiliamo un programma chiaro, che consenta di aggregare, su quello, le forze vive della società civile, verificare chi intende impegnarsi per realizzarlo e solo dopo possiamo definire insieme la squadra e il Candidato Sindaco, alternativo al PD e a Tambellini.
Fare il contrario, candidarsi senza una condivisione sulle cose da fare, senza consensi sul programma, vuol dire continuare nell'errore più volte fatto in questa seconda repubblica, dell'uomo solo al comando valido per tutte le stagioni, con tutti i fallimenti che questo ha portato.
Questo errore noi di Libera Lucca non lo vogliamo più fare.
Prima si devono definire le cose da fare, cosa ci differenzia da Tambellini, come lo vogliamo fare, poi vediamo chi ci sta e chi candidiamo.
Esiste poi un'altro motivo ugualmente valido che richiede di andare avanti senza furie e fughe in avanti, che non hanno giustificazioni oggettive, se non di personali..
La situazione politica è in forte movimento: D'Alema ha annunciato la costituzioni di gruppi separati nel PD, per prepararsi alla scissione, la minoranza PD, non la esclude più come faceva prima, a destra Salvini e Meloni con un gruppo di forzisti dissidenti vuole costringere Berlusconi ad un accordo vincolante ma anche qui si potrebbe consumare uno violento strappo e liste separate.
Qualcuno pensa onestamente che si ci sarà la scissione nel PD, la situazione di Tambellini non cambierà?
Ed ugualmente se Salvini e la Meloni andranno per conto loro, non ci saranno ripercussioni ne centro-destra?
E' pensabile che un candidato proposto oggi, in una situazione politica completamente diversa a sinistra come a destra, possa andar bene anche dopo?
C'è qualcuno con l'anello al naso che possa crede a questo?
Usando termini calcistici, un Candidato di oggi, chiunque sia, cambiando il quadro politico, non arriverebbe a mangiare la colomba pasquale.



venerdì 27 gennaio 2017

Summer Festival: Follia Tambelliniana.

L'utilizzo degli spalti e/o dei baluardi delle Mura per i concerti del Summer è cosa giusta, ma nel momento che si decide di "sacrificare" per  valide opportunità economiche e turistiche, luoghi sacri per Lucca come le Mura e gli Spalti, ci deve essere la restituzione alla città di Piazza Napoleone.
Non si può accettare di compromettere Mura e Spalti e di continuare l'occupazione per oltre due mesi dell'intera piazza, dividendo in due la città e sacrificando, per tante settimane, le attività economiche vicine.
Bene quindi il Summer sulle Mura e sugli Spalti ma in cambio recupero di Piazza Napoleone.
Se vi è la necessità di collocare nel centro storico, eventi musicali che richiedano una presenza ridotta di pubblico e più "intimità", si realizzi velocemente l'Anfiteatro in erba, lanciato da Alessandro Sesti, a Piazzale San Donato, dove questi concerti troverebbero la giusta collocazione, una location affascinante, parcheggi vicini e dove non turberebbero la vita cittadina, come lo è l'occupazione per due mesi del centro storico.

francesco colucci


venerdì 20 gennaio 2017

Francesco Colucci: il mio Blog.... ove si scrive di tutto in libertà: Una partita a due: Libera Lucca contro Tambellini

Francesco Colucci: il mio Blog.... ove si scrive di tutto in libertà: Una partita a due: Libera Lucca contro Tambellini: Dobbiamo prendere atto del vergognoso appattumamento fra gli invasati catto-comunisti di Tambellini e i pavidi Renziani del Colle, complice...

Una partita a due: Libera Lucca contro Tambellini

Dobbiamo prendere atto del vergognoso appattumamento fra gli invasati catto-comunisti di Tambellini e i pavidi Renziani del Colle, complice anche l'eterno "Amleto" della politica lucchese, perpetrato dopo mesi di guerriglia per bande, al solo scopo di mantenere al potere il PD a Lucca, anche a costo di altri cinque anni di "macerie e nullismo" e di una nuova colonizzazione fiorentina e regionale di Lucca.
La scelta del PD di Firenze e del Presidente Rossi, l'ultimo comunista come lui stesso si definisce, di puntare nuovamente su un estremista di sinistra rafforza la proposta politica di Libera Lucca.
Si apre una prateria al centro, che il PD renziano in parte aveva occupato, con posizioni di governo moderate e che potranno ora trovare nel movimenti guidato da Marcello Pera, le ragioni per un Risorgimento di Lucca e di quella centralità moderata e riformatrice che ha sempre caratterizzato la società lucchese.
L'Appello che Marcello Pera lancerà per chiamare a raccolta tutti coloro che hanno a cuore le sorti di una Lucca, stragiata da cinque anni di distruzioni tambelliniane, e che vogliano scendere in campo per contribuire a costruire nuova bellezza e nuovo lavoro per la città.
Il centro-destra si deve liberare da posizioni stupide di estremismo verbale pseudo razzista dando la colpa del degrado di Lucca all'immigrazione clandestina e non.
Il degrado di Lucca è dovuto alla Giunta Tambellini per le mancate scelte sul centro-storico ma ancor più su i paesi e le frazioni, lasciate al completo abbandono. L'immigrazione selvaggia consentita da Tambellini è una parte del problema, ha aggravato una situazione che è frutto delle sue non scelte, della sua scarsa attenzione dei problemi della città e dei cittadini.
Sbagliano i Leghisti che si richiamano a Salvini a voler impostare una campagna elettorale sull'immigrazione che sarebbe perdente in una città che ha tradizioni cattoliche e di accoglienza secolari.
Molto più condivisibile la politica sulla legalità degli ex-fratelli d'Italia, di Santi Guerrieri, che hanno messo la faccia in un duro lavoro di denuncia sulle mancanze Tambelliniane e Prefettizie, verso la sicurezza del cittadino, sulla violazione sistematica della legalità, che non ha colore di pelle o di provenienza.
Sicurezza e Legalità sono valori da ritrovare e da garantire a tutti i cittadini lucchesi, senza se e senza ma.
Ma no a crociate xenofobe. Semplificare su questi temi è perdente, andare al centro degli stessi, proporre soluzioni efficaci per risolverli è quello che deve essere fatto. E sarà fatto.
La proposta politica di Libera Lucca di Marcello Pera vuole riportare le classi moderate e riformatrici a ricostruire una Lucca, regina della cultura e del diritto, della bellezza e della sicurezza, del sorriso e del liberismo, una Lucca che si opponga alle rapine che Tambellini ha consentito a Rossi e a Firenze, sull'acqua, sui trasporti, sulla viabilità, sulla cultura e torni ad essere centrale nell'economia toscana.


martedì 17 gennaio 2017

Riflessioni sul voto a Lucca

C'è un grande movimento in queste settimane per le candidature a Sindaco nelle prossime elezioni di Lucca.
Programmi, schieramenti, strategie tutto in secondo piano, l'unica cosa che interessa è il nome del Candidato.
Perché? Per il semplice fatto che i contenitori che canalizzavano i consensi una volta sono in crisi. 
I voti non passano più dalle indicazioni dei vecchi Partiti e dei Sindacati entrambi in crisi di identità, di iscritti, di consensi. Non passano più dalle Categorie economiche, anch'esse divise, nè dalla Chiesa, che pare finalmente disinteressarsi alla politica e neppure dalle Massonerie, Rotary, Lions, che non sono in più in grado di convogliare consensi univoci. 
Sta prevalendo nella nostra società l'individualismo, il rifiuto di ogni parola d'ordine, la scelta di appartenenza. Per cui  è il pedigree dell'aspirante Sindaco che spesso determina il successo di una parte sull'altra. E' questo un errore profondo e Roma insegna..
Libera Lucca non è d'accordo a seguire questa deriva al peggio che sta contagiando anche Lucca.
Il PD ha un Sindaco uscente Tambellini, che ha scontentato gran parte della città. Ottuso, chiuso, comunista dentro.Il PD renziano vorrebbe sostituirlo con un Baccelli considerato più "vincente".
Nel centro destra, i vecchi partiti, alla ricerca solo di sopravvivere, hanno individuato, nelle segrete stanze, un nome gradito allo establishment di destra e sinistra e quindi di possibile "consenso", facendolo poi "passare" come il candidato dei movimenti e delle liste civiche lucchesi. Bluff scoperto e affondato..
Noi di Libera Lucca pensiamo diversamente: 
A questa città, più che un Candidato, utile solo a vincere, occorre prima un grande Progetto che sappia risvegliare l'orgoglio sopito, interrompere la lenta agonia, chiamare a raccolta tutte le forze vive, senza se e senza ma, disposte ad un disegno condiviso di "Risorgimento di Lucca" nella cultura, nelle attività turistico-commerciali e industriali, nel lavoro, nella cura dei paesi e del centro. 
Un disegno ambizioso per ritrovare lo spirito di appartenenza di una città che nei secoli e nel mondo ha saputo emergere per le sue idee, per il suo lavoro. 
Per questo molti hanno accolto con entusiasmo la proposta di uno dei concittadini più illustri, che in vecchiaia è tornato alla base, Marcello Pera, disponibile a mettere la sua faccia, il suo carisma, i sui rapporti con il Mondo e a guidare come, Padre Nobile, il tentativo di ricostruire una Lucca migliore, rinnovando, con progetti che sappiano volare alto.
Marcello Pera lancerà il suo appello per la rinascita di Lucca e ci auguriamo che continuino numerose le adesioni a questo disegno di Libera Lucca, per mettere insieme forze ed idee, per questo Risorgimento.
Solo dopo verrà la scelta del Candidato Sindaco migliore per realizzare questo disegno e che noi vorremmo fare insieme a tutti coloro che credono in questa possibile rinascita, al di là delle loro appartenenze.
Abbiamo cinque candidati possibili, giovani rampanti ma anche meno giovani disponibili a mettere la faccia per guidare questo cambiamento, ma nessuno di noi vuole oggi imporre nulla, siamo disponibili a discutere alla pari, i nostri candidati e i candidati degli altri, con l'unica discriminante che condividano il Progetto per un "Risorgimento di Lucca". 
Libera Lucca, vuole rovesciare il tavolo della inerzia e del già visto: non un Candidato solo per vincere, ma un Candidato per realizzare questo grande Progetto e che sappia coagulare su questo, le forze più vive della società lucchese.
Partiti e movimenti dicano con chiarezza chi è d'accordo su questo disegno per ricostruire Lucca e la lucchesità: con chi ci sta sceglieremo insieme, con calma e ponderatezza, il Candidato e la squadra migliore per realizzarlo.

martedì 10 gennaio 2017

Libera Lucca: Volare alto!!

Il Progetto politico "Libera Lucca", nasce dal ritorno a casa di un lucchese che negli anni, si è fatto onore nel campo della Cultura e delle Istituzioni, in Italia e nel Mondo. 
Marcello Pera, professore universitario, filosofo e scrittore, mentore di Karl Popper e della Cristianità, Presidente emerito del Senato, ha deciso di tornare, più che settantenne, nella sua amata Lucca e ha accettato di fare il "Padre Nobile", assolutamente disinteressato, ad un grande Progetto per il "Risorgimento di Lucca". 
Le disastrate condizioni in cui cinque anni di Sindaco Tambellini ha ridotto Lucca sono state la molla che ha fatto convertire Pera, dall'ultima esperienza nazionale del Si, ad occuparsi in prima persona, della disperata situazione lucchese.
Sotto la guida di Marcello Pera, si sta lavorando alacremente ad un Progetto culturale a 360 gradi di rilancio della città, delle sue tradizioni, della sua storia, dei settori economici tutti ma particolarmente del commercio e turismo, che da sempre hanno costituito la spina dorsale della comunità lucchese. 
Un Progetto che vuole volare alto, dare e trovare soluzioni ai problemi esistenti, utilizzando e valorizzando tutte le esperienze umane disponibili, senza ricerca di pedigree "ante marcia", per poi confrontarsi con la società civile lucchese, per lanciare una nuova classe dirigente impegnata nel lavoro e nel sociale, per il ricambio di una buona parte di una classe politica ormai logorata da tanti anni di esposizione.
Questa linea va avanti velocemente: Si sta lavorando al Progetto, al Programma, al Simbolo, alla sede, a dare una struttura informale ma molto partecipativa, elastica ma organizzata a tutto il Movimento; ad avvicinare le migliori intelligenze della città con il Motto: il Risorgimento di Lucca innanzi a tutto.
Giovedì sera nella riunione allargata del provvisorio gruppo dirigente, si ufficializzeranno tutte queste decisioni e si darà il via alla ultima non semplice fase: l'inizio della valutazione delle numerose candidature innovative che sono state e che continuano ad essere proposte dalla società civile, da approfondire insieme a tutti coloro, partiti, movimenti civici e cittadini, che sono interessati a questo grande Progetto di rinnovamento di Programmi e di Uomini.
Tutto questo nostro attivismo innovativo sta disturbando la "Trimurti" ovvero le vecchie e vuote sigle dei partiti locali, che si sono resi conto che "Libera Lucca" finirà per unire tutte le forze vive del centro-destra e non solo. 
Per questo stanno tentando un ultimo colpo di coda "vecchia maniera", cercando di dare pubblicità ad un candidato dei vecchi partiti, scelto nelle segrete stanze, per cercare di "bruciare il nuovo" che si sta costruendo. 
Ai vecchi partiti locali rispondiamo che "Libera Lucca" andrà avanti con i tempi e con il Progetto illustrati e che, ogni candidatura, qualunque sia, pubblicata al di fuori di un contesto e un iter condiviso con la società civile lucchese, sarà considerata ostile.
Se i tre Commissari NON lucchesi che reggono quel che rimane dei vecchi partiti, non sospenderanno questi vecchi riti e comportamenti e si dichiareranno pubblicamente disponibili a costruire, con calma e  insieme, il nuovo Progetto di Marcello Pera, si assumeranno la grave responsabilità della rottura formale del centro-destra. 
Formale, perché crediamo che pochi disperati seguiranno la Trimurti in questa sciagurata operazione di "vecchio partitismo" e solita "bassa cucina" e che la maggior parte dei simpatizzanti moderati non li seguiranno mai, preferendo la proposta nuova e unitaria di "Libera Lucca".
Andremo avanti puntando ad aggregare tutti i Moderati lucchesi per andare al Ballottaggio per il Sindaco, con il nostro Candidato e le nostre Liste e quelle dei nostri graditi compagni di viaggio. 
A posizioni vecchie, isteriche, antistoriche, liberticide, perdenti rispondiamo di NO, ora e sempre. 
La società civile lucchese e i suoi movimenti civici saranno i compagni di viaggio del Progetto "Libera Lucca". 

francesco colucci