Follow by Email

martedì 28 febbraio 2017

Le accuse di Piero Angelini

Non sono un esperto di Urbanistica, non ho letto il nuovo Piano Strutturale presentato dalla Giunta Tambellini, le miei competenze sono in altri settori, non sono e non amo i tuttologi.
Ciò premesso vorrei dire qualcosa su questo nuovo Piano Strutturale: conosco Piero Angelini da circa quarant'anni, abbiamo fatto politica insieme nella prima repubblica, prima come avversari, poi come alleati nel centro sinistra e ho sempre apprezzato in lui doti di lealtà e amore della verità.
Lo ritengo uno dei massimi esperti a Lucca nel campo dell'Urbanistica e nell'applicazione delle leggi che regolano la Pubblica Amministrazione, docente universitario anche di Diritto dell'Ambiente.
Uno può averlo simpatico o no, ma se Piero, da mesi, continua ad affermare che questo Piano Strutturale, trasforma in costruibili importanti zone a verde e se ribadisce che il Sindaco e assessori della sua Giunta, avranno dei benefici diretti o indiretti dall'applicazione di questo Piano, compromettendo anche il Parco dello storico acquedotto del Nottolini, qualcosa di vero e fondato ci deve essere.
Non credo che continuerebbe ad insistere mese dopo mese, se fossero solo illazioni non comprovate da specifiche notizie e competenze.
Quello che è strano è che nessun altro chieda chiarimenti e riflessioni su queste precise denunce fatte, per scritto sui giornali e in consiglio comunale, dove assume la veste di Pubblico Ufficiale
Il Sindaco e alcuni suoi assessori incassano da mesi queste accuse che una volta erano infamanti e fanno finta di nulla: nessuna querela e si che il Tambellini di querele su altre cose ne ha già date ad Angelini.
Mi chiedo se i Renziani che si apprestano a ingollare la ricandidatura Tambellini non hanno nulla da dire. Chi tace.....acconsente.
Anche le forze di opposizione ed i giornali, su questo argomento, sono molto soft e in parte si può spiegare con la vastità del territorio toccato da questo Piano e tutti sembrano "avere famiglia".
Manca una posizione chiara per chiedere verità e trasparenza. Chissà che ne pensano i vari aspiranti candidati a Sindaco, dato che forse potrebbe toccare a loro gestire poi, questo pasticciaccio.

francesco colucci