Follow by Email

sabato 1 aprile 2017

Ogni grande evento a Lucca, le solite litanie.

Tutti sono ormai convinti che il turismo sia divenuto una delle principali fonti di lavoro e ricchezza per la città. Ma appena 25 anni fa il turismo era considerato il "diavolo"...si accettava al massimo un turismo cosiddetto "elitario" che voleva dire quattro gatti di studiosi in spedizione archeologica salvo poi lamentarsi perché non spendevano. Vi erano allora sei affittacamere, pochi ristoranti, qualche Bar, chiuso rigorosamente in se stesso. Spiegare che la città si doveva aprire per accogliere i visitatori fu battaglia persa. Per rompere questa cintura di castità dovemmo fare l'inverso, andare a fare promozione all'estero e in Italia di una città meravigliosa, vergine sul mercato e far iniziare a venire migliaia di visitatori: allora il resto è venuto da se. Appena visto che il gioco economicamente valeva la candela, è stato facile far capire che la città doveva cambiare, mutarsi, per accogliere i nuovi pellegrini.
Quando si pose il problema che il turismo era maggiore nei fine settimana per cui i negozi, bar, ristoranti, dovevano essere aperti la domenica fu un dramma, ricordo che ad una riunione di commercianti mi volevano picchiare tanto erano inferociti, per osare proporre di turbare la loro vita familiare, per aprire ai turisti.
Non fu semplice allora e neppure semplice adesso, perché ad ogni nuovo grande evento che renda visibile Lucca nel mondo, la città si divide ferocemente in favorevoli e contrari a secondo dei propri esclusivi, immediati, concreti, personali interessi. Mai nessuno che volga lo sguardo alto e teso, in avanti.
I Comics in centro hanno portato da 40 a 250 mila i visitatori? Protestano i residenti, esultano i cosiddetti "bottegai". Summer Festival: gioiscono gli albergatori protestano commercianti e residenti. Si riesce a fare a Lucca il G7, l'evento internazionale istituzionale più importante al mondo, che vedrà centinaia di giornalisti di ogni dove, di radio e TV parlare di Lucca, con una pubblicità che farla a pagamento costerebbe tre punti di PIL? Protestano bottegai e residenti. Nessuno mai che pensi a quanto questi eventi, portino in dote a Lucca per gli anni a venire. Tutti concentrati sull'immediato, sul contingente.
Ricordo che a metà degli anni novanta quando il turismo cominciava a mutare la vita dei lucchesi, ero solito ricordare a chi si lamentava dei gruppi di visitatori che invadevano il Fillungo, che tutti vorrebbero sì, un grande aumento di turisti, perché portano ricchezza e lavoro, purché parcheggiassero l'auto sul Monte di Quiesa, camminassero solo sui tetti, acquistassero dai negozi per telefono, senza muoversi dalla camera, dove i ristoratori dovrebbero portare i pasti, così non si vedrebbe nessuno in giro a disturbare la quiete del centro storico.
La vita non è così, se vuoi qualcosa deve guadagnartela, prendendo il buono che c'è, ma anche accettando i disagi inevitabili che vi saranno.

francesco colucci