Follow by Email

sabato 27 maggio 2017

Goetterdaemmerung e le frenesie da campagne elettorali

In ogni campagna elettorale, vi è un punto ove alcuni candidati a Sindaco si accorgono di non avere più alcuna possibilità di vincere e peggio ancora di non essere neppure determinanti a far vincere qualche altro.
E’ un dramma: uno si è impegnato, ha speso energie, soldi e i suoi sforzi sono stati vani, nessuno se lo fila e ancor peggio si accorge di essere divenuto marginale. Quando succede, questi candidati in odore di trombatura, scalciano come muli impazziti, in ogni direzione, sia per sfogare la loro frustrazione, che per cercare di distruggere ogni cosa…cancellare gli avversari…nell’illusione di mettere indietro l’orologio del tempo e poter ricominciare.
Sta succedendo a Garzella e all’ascaro mandato, tardi e male, in soccorso: nel momento in cui si sono resi conto di aver fatto un buco nell’acqua e di non aver alcun futuro politico sono divenuti rottamatori di tutto e di tutti. Tambellini, il PD, Santini, i partiti, Buonriposi, Fondazione CRLucca, IMT, Lattanzi, Marcucci, Remaschi, Baccelli e altri ancora. Tutti sono divenuti il male, il diavolo da evocare.
Profusione di offese gratuite a tutti, nessuna idea, nessuna proposta, solo odio.
Il trauma finale è stato rendersi conto che la partita per Sindaco è ormai una corsa a tre, Tambellini, Santini, Buonriposi.
Gli altri candidati giocheranno ruoli importanti, raccoglieranno voti di gruppo e di fede, salvo Garzella che la fede l’ha ripudiata e i voti che raccatterà andranno nel nulla, ne per il Sindaco ne per un futuro disegno politico, che non esiste.
Tambellini, Santini e Buonriposi, si contenderanno i voti utili, con una piccola certezza a mio parere: se la Buonriposi ce la farà ad andare al ballottaggio contro chiunque essa sarà, per la sua centralità e per il suo civismo, vincerà facile e diventerà la prima donna Sindaco di Lucca.


Francesco colucci  


sabato 20 maggio 2017

Un epistolario semi pubblico e semi serio con Samuele

Ho avuto nei giorno scorsi uno scambio di mail con l'amico Samuele Cosentino, uno scambio formalmente amichevole, ma tosto, duro.....ho deciso di pubblicarlo sul mio Blog personale perché emblematico di questi  semi giovani che si affacciano tardi alla politica ma "convinti" di essere già pronti, già "i meglio" non accettano critiche ne suggerimenti....loro sanno già tutto, sono il "nuovo" e gli altri..... i vecchi rincoglioniti.

Credo che sia la paura di dover accettare per la prima volta un giudizio nel segreto nelle urne, come la democrazia impone.
Allora si maschera il timore con l'arroganza.....è un classico di alcuni giovani che cercano ora fortuna nella politica....per questo ho deciso la pubblicazione.
A Samuele voglio bene, ma se questi sono i nuovi che si propongono per amministrare Lucca....preferisco i vecchi.
Lucca non ha bisogno di arroganza ma di scelte, di amministratori competenti che si pongano con umiltà al servizio della popolazione per risollevare Lucca dal declino in cui è oggi.


Uno come Vittorio Sgarbi, con tutti i suoi difetti e turpiloqui, noti da tempo, può certamente essere utile alla città per il suo Rinascimento, con le sue competenze, conoscenze, con la sua capacità di promozione, di attrazione di investimenti e quindi di lavoro. Si può non condividere, legittimo, ma sbeffeggiarlo preventivamente solo per acquisire visibilità e qualche medaglia santiniana è profondamente sbagliato.
Per questo questi mezzi giovani come Santini e Cosentino, persone adorabili invero, non possono amministrare una città come Lucca.
Non possiamo avere amministratori principianti e arroganti, facile preda di vecchi poteri e di vecchi partiti.


Caro Samuele,
 
lo sai che ti considero un amico, un ottimo pizzaiolo, un ottimo cuoco, un ottimo ristoratore. Tu, come molti giovani, insoddisfatti di emergere solo nella loro professione stai smanacciando da alcuni anni per avere un ruolo diverso nella tua città. Una legittima aspettativa.
Hai provato nella Associazione di Categoria, prima in una poi nell'altra, poi ancora nella prima, ma con poca soddisfazione.
Hai provato nel sociale con buoni risultati nel campo della comunicazione, non posso dare giudizi sul resto perché non ho cognizione.
Vuoi provare ora con la politica...ne ha certamente diritto, non so se ne hai le capacità, ma sei simpatico, brillante, a volte basta per sfondare in politica...anche se non se ne hanno capacità.
Tutto bene e allora quale è il problema? e che nell'ansia di fare un risultato ti agiti scompostamente per fare audience, avere visibilità, mischiando il sacro e il profano e questo non andrebbe fatto da uno che sta al pubblico per fare commercio. Mi spiace per te.
Fai la sua legittima campagna elettorale, fai le tue proposte, lascia le polemiche stupide ai professionisti della politica di cui le liste che sostengono il tuo candidato sindaco sono piene zeppe.
Facciamo un campagna elettorale serena, costruttiva, guardando ai tanti problemi di Lucca fra cui quello del lavoro è il più drammatico. Tu lo ha risolto in famiglia e dovresti già considerarti fortunato....

Tuo francesco colucci


Il 16/05/2017  ore 13:03, Ristorante "Gli Orti di Via Elisa" ha scritto:

caro Francesco

lo sai che anch'io provo per te un simpatico affetto, di quelli che si provano per i nonni altrui, e negli aultimi anni in cui la tua seggiolona dell'APT è venuta a mancare questo affetto è cresciuto perchè ho visto in questo "bretellato" uomo in seconda giovinezza, una solitudine alla quale ancora non c'è rassegnazione.
E' vero, io sono un uomo che non si accontenta: sono il primo critico di me stesso, eternamente alla ricerca di un traguardo da raggiungere che sia sempre un po' oltre ciò che è facile raggiungere.
L'ambizione non è un difetto,la curiosità non lo è. Sono un uomo che ha degli ideali, che conosce il significato della parola etica e che da prima di raggiungere la maggiore età già alzavo ed abbassavo la saracinesca dei vari luoghi in cui ho lavorato.
Nelle associazioni di categoria, caro Francesco ho avuto molta soddisfazione ed ancora ne ho,non c'è obiettivo che mi sono posto che non abbia raggiunto, nel sociale i risultati che tu definisci buoni io li penso invece ottimi e nella comunicazione per fortuna hai riconosciuto di nonpoter dare giudizi: hai risparmiato a me di dobertelo ricordare.
Adesso ho deciso di provare con la politica, proponendomi con la mia personalità, il mio carattere difficile, la mia competenza, la mia serietà, la mia onestà. NOn so se basta, lo decideranno gli elettori, ma io, ho voluto metterci la faccia. Comunque vada questra esperienza mi lascerà qualcosa dentro. Parlare conle persone, ascoltare, stringere mani, far parte di un gruppo di persone e con loro condividere un progetto. Tutto ciò nonsi cancellerà mai. Non lo cancellerai certo tu , con il tuo umorismo o la tua ironia, enon lo cancellerà nemmeno il risultato elettorale. Questa esperienza riumarraà nel mio cuore per tutta la vita.
Ma tutta questa tua rabbia goffamente celata dall'ironia da cosa deriva? Il tema che ho voluto sollevare è molto semplice e te lo riepilogo ripulito da foto, o concetti che possono averti distratto: è opportuno che un provveditore agli studi siua anche candidato sindaco? Tutto ciò nel mese di maggio e giugno a poco tempo dagli esami di maturità e dalla fine della scuola. E' opportuno che intervenga pubblicamente nella doppia veste di provveditore e candidata? E' opportuno che alcuni insegnanti siano coinvolti in questa esperienza?
Si è già dimessa e non lo sappiamo?
Tutto qua. Domada compicata? Arrogante? Maleducata?
Sono un cretino o un regredito culturale perchè ho posto questo tema? Tu sai cosa mi ha detto la Buonriposi poche settimane fa al Palazzetto dello sport (erano presenti altre persone)? Sono sereno perchè so cosa pensa la prof.ssa di me, ed infatti sarebbe bastato un suo intervento stamani in cui sostanzialemete diceva due cose:
mi dissocio dalle offese gratuite del prof. Sgarbi al candidato Cosentino (poi poteva raccontare cosa pensa relamente)
misono dimessa, eco le prove. Da questo momento i miei interventi saranno solo da candidata.
Invece lei non parla e tu mandi la tua lettera.

samuele


Il 16/05/2017  ore14:19, francesco colucci ha scritto:

Caro Samuele

prendo atto con piacere del tuo entusiasmo e della tua giusta ambizione....ma al tempo....solo per la precisione....io ti ho scritto non in relazione alle tue polemiche con il candidato Sindaco che fanno parte dei tuoi diritti...ma per quelle gratuite con Sgarbi.......che te ne cale....cerchi rogne gratuite...su temi che non sono i tuoi...poi ognuno fa come vuole per carità nessuna censura solo un amichevole rimprovero al nipote coglioncello....forse tutti davanti ti diranno come sei stato ganzo....per dire dietro come sei coglione....e rimarrà così....Cosentino quello a cui Sgarbi ha dato del cretino....cmq felice te...festa per tutti.....ti faccio i miei migliori auguri per un tuo personale successo....ma niente auguri alla lista e a The Mask.......baci

francesco


Caro Francesco

sei uno dei pochi che si fila Sgarbi, in ambito politico, dopotutto non ti è rimasto altro dove aggrapparti.
Comprendo che il critico nazionale non ha tempo e voglia di leggere, ma se tu avessi letto con attenzione avresti compreso che il mio commento è sull’utilizzo che si fa di immagini o persone: davvero credi che la politica seria si faccia utilizzando immagini osè o sfruttando, per un proprio tornaconto, l’immagine di personaggi famosi? Suvvia.
Accetto con simpatia il tuo rimprovero ... con la tenerezza del nipote che guarda al nonno ormai rincoglionito.
Buona campagna elettorale ... che son certo terminerai come la precedente.
Con grande simpatia ci si sente il 12 giugno

samu