Follow by Email

mercoledì 11 ottobre 2017

San Concordio: sull'orlo del baratro


Che l’apertura del sottopasso di via Ingrellini avrebbe causato molti gravi problemi al quartiere di San Concordio era prevedibile ma con faciloneria ignorato. Via Consani e via della Formica attraversano un quartiere di migliaia di abitanti, separando buona parte di San Concordio dalla Stazione, dalle Mura e dal centro. Le due vie sono divenute la circonvallazione sud, incanalando tutto il traffico che dalla piana vuole andare a Pisa, Viareggio, Autostrada e ai quartieri sud ovest della città. A questo si aggiunge il traffico pesante dei Tir che transitano dalla zona artigianale di Mugnano verso l’autostrada. Urgono soluzioni a breve, medio e lungo termine per risolvere il problema prima che eventi disastrosi ci piombino addosso. Una valida soluzione a lungo periodo la Giunta Tambellini l’ha prospettata: un nuovo casello autostradale a Mugnano, con transito libero fino ai caselli i Lucca, per abbattere il traffico pesante e salvaguardare l’acquedotto del Nottolini. In attesa che il nuovo casello vada avanti occorre un intervento tampone, apponendo sulle due vie di scorrimento cartelli stradali di velocità 30 e di controllo velocità, più un paio di semafori a chiamata per rallentare la velocità dei mezzi e consentire l’attraversamento dei residenti.. Su via Squaglia è indispensabile realizzare il proseguimento della Pista Ciclabile e pedonale di via Ingrellini, ristrutturando anche quella di via Consani e via della Formica. Per via Nottolini si deve prevedere un intervento per preservare l’utilizzo del sottopasso ferroviario a bici e pedoni, indispensabile scorciatoia per la città dei Sanconcordini.