Follow by Email

lunedì 15 novembre 2010

DIRITTI E.....STORTI: facciamo..... una rivoluzione.......pacifica!

Voglio affrontare un tema scomodissimo ma di grande attualità.
Un argomento che molti danno per scontato ma che per me non lo è ed il solo affrontarlo sono certo mi procurerà rampogne e derisione.
Mi sono sempre imposto nel mio Blog di dire quello che penso, al di là di quanto pensi la "gente comune" o faccia parte del "vivere in tranquillità"....di chi dice... non voglio rogne e ... mi limito a.... vegetare.
Voglio provare a fare una rivoluzione.....pacifica, una rivoluzione di ....idee innovative.... uscendo da banale e dallo scontato.
La questio: Diritti dei cittadini tutti del Comune di Lucca, in tema di centro storico e di parcheggio ovvero gli pseudo "diritti" di chi risiede nel centro storico e gli "storti" di chi risiede in periferia.
Da molte parti si afferma che i residenti del centro-storico hanno diritto ad avere stalli di parcheggio riservato, sotto casa, per le loro auto, per quelle dei parenti e presto anche per quelle dei loro ospiti. Come se tutto il centro storico sia solo loro, per diritto di.... acquisto di una casa.
Due i risultati negativi di questa concezione:
1-Le vie e le piazze del bellissimo centro storico di Lucca, sempre intasate di auto di giorno e di notte.
2-I residenti della periferia per entrare nel centro storico debbono parcheggiare lontani e essere tassati da pagamenti a ore.
E' questo dei residenti un diritto o uno storto??
Innanzi tutto i numeri: i residenti non arrivano a 10.000 gli altri....i derelitti della periferia.... a oltre 70.000, nel Comune di Lucca e tutti i cittadini sono, anzi dovrebbero, essere uguali nei diritti e nei doveri.
Il centro storico è (sempre meno a causa di questa situazione) il punto di incontro culturale, economico, finanziario, mercantile di una città, di tutta la sua popolazione.
L'antico Foro Romano, il mercato medievale e rinascimentale, il luogo delle Fiere e degli spettacoli, della vita associativa, del passeggio a Lucca detto "struscio".
Nel passato si andava in centro a Lucca per fare una "vasca o due" che voleva dire un passeggio per le vie ed una visita alle vetrine del centro.
Negli anni sessanta sono state decise giustamente le principali pedonalizzazioni delle strade del centro (quasi le stesse da oltre un trentennio, non ci sono più stati ampliamenti significativi) sono state liberate dal traffico e dalla sosta alcune delle più belle vie del centro (Fillungo, Roma, S.Croce, Cenami, Buia, S.Lucia) e piazze (S.Michele, S.Giusto, S.Frediano anche se la più eclatante pedonalizzazione è stata fatta di recente, Piazza Grande, Fazzi docet).
Tutte le altre piazze e le vie di grande valore artistico continuano invece ad essere ingombre di strisce gialle e di auto di residenti.
E' giusto?? Io che abito in periferia, che già ho dovuto affrontare il problema del parcheggio dell'auto nella mia zona di residenza, che leggi vigenti vorrebbero risolto in fase di edificazione, non solo non posso entrare in città neppure dopo le 19,30 per parcheggiare un paio d'ore, per andare al ristorante o al cinema, e devo anche continuare a subire l'oltraggio al bellissimo centro storico, per parcheggi sotto casa dei residenti.
Perchè deve esistere un diritto ad avere il parcheggio sotto casa gratuito e riservato, 24 ore su 24, per una minoranza che ha acquistato volontariamente una appartamento nel centro storico, a spese del decoro della città, dell'ingresso al centro dei residenti della periferia, dell'utilizzo del centro commerciale naturale più antico del Comune, da parte della straganze maggioranza dei cittadini lucchesi.
Facciamo una rivoluzione pacifica, rovesciamo la questione: diamo ai residenti del centro, il posto auto nei parcheggi esterni alle Mura, con posto riservato e ad abbonamento annuale (creando se occorre altri parcheggi sotterranei come quello di via dei Bacchettoni, che pressochè rimane vuoto la notte).
In questa maniera si potrebbe:
1) Pedonalizzare alcune delle più belle Piazze: Antelminelli, Bernardini, Carmine ed alcuna delle Vie più storiche, liberandole da parcheggi ed auto.
2) Mettere a pagamento i parcheggi nella parte marginale del centro storico, fuori dal perimetro delle antiche mura romane, ora dipinti in giallo, per consentire l'ingresso a ore nel centro storico, favorendo l'introduzione di una carta Gratta e Sosta, in parte sponsorizzata dai Commercianti del Centro.
3)Affittare in alta stagione, parte di questi stalli a alberghi e B & B per i loro clienti.
4) Liberalizzare l'accesso ed il parcheggio, in questa area marginale del Centro Storico per tutti dalle 18,30 in avanti, per favorire le attività dell'enogastronomia e della cultura nel centro.
Una rivoluzione.....pacifica, ma una rivoluzione.... popolare che quardi agli interessi legittimi della maggioranza dei cittadini di Lucca (oltre settantamila) che hanno diritto a fare commercio, cultura, passeggio, insomma a vivere il centro storico ora appaltato ad una minoranza, certamente di ceto medio alto, visti i costi degli appartamenti in centro.
Otterremmo anche l'effetto secondario, ma interessante di far diminuire i costi degli appartamenti in centro avendo tolto un privilegio gabellato per "diritto".
E' una ipotesi fantasiosa? rivoluzionaria certamente, ma fondata su i diritti di tanti che sono divenuti "Storti" per salvaguardiare pseudo diritti di pochi eletti e è giusto porvi rimedio.
Certo che una rivoluzione come questa sarebbe un punto qualificante per un programma elettorale innovativo, che mi porterebbe ad appoggiare con passione e senza steccati, il candidato Sindaco che la facesse propria.
Fantasia?? Forse........