Follow by Email

lunedì 28 marzo 2011

Più 50 per cento - Lucca Capitale del Verde

Anche la pioggia all’ultimo ha voluto esserci a VerdeMura. Non invitata, ha “benedetto” l’ultima ora di apertura della manifestazione.


Questa quarta edizione ha visto la presenza complessiva di oltre 15.000 visitatori. Solo nella giornata odierna, per quanto con la minaccia di pioggia, si è visto un afflusso di quasi 8.500 persone.

Alla soddisfazione degli espositori si è aggiunta quella dell’organizzazione.

Anche grazie a questo successo - ricercato con un’organizzazione puntuale e motivata - Lucca si candida a tutti gli effetti a diventare la capitale italiana del giardinaggio. Tra VerdeMura e Murabilia in autunno, infatti, il “movimento verde” italiano porta a Lucca circa quarantaduemila presenze all’anno. Una forma di turismo intelligente e di cultura specialistica con la città al centro dell’attenzione e capace di muovere una piccola ma sostanziosa economia. Dopo i dati di affluenza di questa quarta edizione di VerdeMura, si chiederà a Lucca una maggiore attenzione e una più calorosa accoglienza di chi sceglie la città per il primo fine settimana di primavera.

“La BBC ha appena affermato che Lucca è la più bella città europea da visitare a inizio primavera - ha detto visibilmente soddisfatto l’assessore Bruni - è questa è la riprova che si può valorizzare ancora di più questo patrimonio speciale con il verde e la presenza di visitatori da tutta Italia.”

L’impegno, ora, è conservare i risultati ottenuti e lavorare a consolidarli nelle prossime edizioni.
La quinta edizione di VerdeMura si svolgerà nei giorni 30, 31 marzo e 1 aprile 2012.

Questo il Comunicato Ufficiale, ora le mie considerazioni:

L'impegno dell'Opera delle Mura per questo evento è stato eccezionale, devo ringraziare il Direttore Ing.Giannini,  tutti i dipendenti e tutti i collaboratori per la dedizione e l'impegno dato, ma anche per la bravura e la competenza dimostrata.
Raramente nelle mia lunga esperienza di amministratore e dirigente ho visto tanta dedizione alla "causa" come in questa occasione.
Questo grande successo (50% in più di visitatori, da 10 mila dell'anno passato agli oltre 15 mila di
quest'anno) deve farci impegnare ancor più per Murabilia del prossimo settembre e per far crescere e migliorare  ancor più il Parco delle Mura di Lucca, per farla consacrare  la più importante realtà Italiana del Verde.

sabato 26 marzo 2011

Più 30 per cento....... chi ben comincia è a metà dell'Opera.

Sono aumentati del 30 per cento i visitatori paganti a VerdeMura 2011 sulla edizione del 2010.
Un buon inizio....speriamo nel seguito e speriamo nell'aiuto......del tempo.
Si preannuncia una bella edizione di VerdeMura, quasi tutti gli espositori iscritti sono arrivati solo una o due (vedremo oggi) le defezioni e su circa 150 espositori è già un record.
Molto bello il colpo d'occhio su questa edizione di VerdeMura, interessanti le Mostre all'interno del sotterraneo e del castello di Porta S.Maria, bello il Bar, punto di ristoro, molto belli e interessanti gli Stand del Verde ed anche gli altri, quelli del salame e della salsiccia, tutti amici, dal Bellandi dell'Antica Norcineria al Triglia di Gombitelli al Coletti della Garfagnana.
Acquistare piante, fiori, bulbi, trattorini, arredo giardino, vestiario da campagna, prodotti tipici e quant'altro, vivendo all'aria aperto è piacevole e gratificante.
Tutto bene? Si anche se si può fare meglio e di più..... come sempre nella vita..... Ma accontentiamoci.
Ci sono i soliti ipercritici, quelli che scrivono per alcuni "blogghetti" di periferia a cui non va mai bene nulla e vivono solo di basse polemicucce, insomma una specie di "processo della domenica sportiva" di alcuni anni fa.....e poi si scoprì...dopo anni di grandi polemiche......che era tutta una...sòla.....un falso....
A questi ....è inutile rispondere....ci marciano.......per raccattare qualche "cliccata in più" .....per mettere insieme il pranzo con la cena.......lasciamoli stare....tutti ....tengono famiglia......e chi si accontenta...gode.....
Oggi sabato dunque tutti a VerdeMura per passare una bella giornata all'aria aperta, acquistando il meglio della produzione del  Verde e non solo, da qualificati espositori.

giovedì 24 marzo 2011

MIMMA.....DA...... I NUMERI.......

 Si inaugura domani sulle mura di Lucca la quarta edizione di VerdeMura - Mostra Mercato del giardinaggio e dei prodotti tipici.

Qui di seguito alcuni dati ad uso della stampa, invitata a visitare la manifestazione e a promuoverla come evento del fine settimana a Lucca.

- 140 gli espositori con una partecipazione superiore al 20% rispetto all’anno scorso. L’organizzazione interpreta questo dato come segno di interesse per la qualità di questa manifestazione e della “sorella grande” autunnalke, Murabilia.

- oltre 18.000 metri quadrati, dunque quasi 2 ettari, la superficie complessiva delle due aree interessate a Verdemura 2011 con tre biglietterie di accesso. L’area principale occupa l’intero Baluardo di San Martino.

- 12.000 le persone che hanno visitato VerdeMura 2010. Con i favori del clima l’organizzazione si dice certa di un significativo incremento, anche grazie alla fama raggiunta in Italia da questa manifestazione.

- 500.000 anni è la considerevole età dei primi muschi comparsi sulla terra e classificati tra i resti fossili dell’Ordoviciano. I muschi contano oggi 15.000 specie diverse, spesso ancora nel ruolo di piante pioniere che aprono la strada alla colonizzazione di nuovi territori da parte delle piante “superiori”. Benemeriti in natura, quest’anno i muschi cercano l’attenzione dei visitatori di VerdeMura: è la prima volta che compaiono come piante ornamentali in una manifestazione. Sono in tutto “solo” 10 specie diverse proposte in mostra anche per l’acquisto, ma aprono la strada ad un modo diverso di praticare il giardinaggio e di considerare le piante.

- 1090 sono i chilometri percorsi dall’espositore con sede più lontana da Lucca. Si chiama Limara e viene da Novara di Sicilia (Me) con un carico di agrumi da collezione e piante esotiche. Non è l’unico siciliano: Fabio Maio del vivaio Piantetropicali viene da Barcellona Pozzo di Gotto (Me): i chilometri sono 1064. In entrambi i casi nel conteggio chilometrico dell’ACI sono esclusi i chilometri del braccio di mare che divide l’isola dalla terraferma... Sembrano quasi pochi in confronto gli 825 chilometri del Vivaio Santo Stefano di Monopoli (Ba), specializzato in succulente sudafricane da fiore.

- 600 le specie diverse di piante rare e speciali coltivate dal vivaio Corazza. Non saranno tutte in mostra ma, per i visitatori della Lucchesia, sono facili da raggiungere comunque: la sede del vivaio è infatti a Pietrasanta.

- 1867 è l’anno in cui comparve nel catalogo di Stefano Pagliai la camelia ‘Stella di Compito’ ottenuta in quell’epoca dal cavalier Cesare Fraschetti, collezionista di camelie e ospite abituale del Compitese. Più o meno coeva dell’Unità d’Italia di cui festeggiamo quest’anno il centocinquantesimo, questa magnifica camelia a fiore doppio, rosa chiaro listato di rosa carico, viene presentata in fiore a VerdeMura da Andrea Antongiovanni del vivaio Rhododendron di San Ginese di Compito. Un modo per fare gli onori di casa e dimostrare la lunga tradizione di piante del territorio lucchese.

L’Opera delle Mura, che profonde impegno e risorse nell’organizzazione di VerdeMura, confida nel contributo della stampa locale per la divulgazione dell’iniziativa che valorizza le straordinarie peculiarità delle mura monumentali della Città.

- VerdeMura - Mostra Mercato del Giardinaggio e del Vivere all’aria aperta, quarta edizione

- Lucca, mura urbane su Baluardo San Martino, cortina, casermetta, sotterraneo, cannoniere, spalti e spazi adiacenti.

- da venerdì 25 marzo 2011 alle ore 12 a domenica 27 marzo alle ore 19.00 (vendita biglietti sino ad un’ora prima della chiusura)


 Mimma Pallavicini, mimma.pallavicini@gmail.com

mercoledì 23 marzo 2011

RISCOPRIAMO L'ORTO BOTANICO DI LUCCA


“PrimaVera” all’Orto Botanico

Giovedì 24 marzo alle ore 12

Il Sindaco Prof. Mauro Favilla  inaugurerà la stagione 2011 dell’Orto:

“Nuove Collezioni, nuove Piante, nuovo look”

Saranno inaugurate le nuove aiole con rare specie botaniche di Camelie, Azalee e Rododendri.
Sara messa a dimora una nuova rara essenza Australiana
Sarà visibile il restauro della storica insegna dell'Orto
Guide botaniche, vi guideranno alla scoperta de “I Segreti dell’Orto Botanico di Lucca”
L’ADIPA distribuirà ai primi 100 visitatori alcuni Semi di Fiori e Piante Selezionate

Ingresso libero fino alle ore 17 e nel pomeriggio Visite guidate free.
e nei giorni di VerdeMura, 25,26 e 27 marzo ingresso libero con il biglietto di VerdeMura
Una anteprima di VerdeMura e l’occasione per vivere insieme una giornata di Primavera alla riscoperta di una delle “Perle” rare e poco note di Lucca.

La realizzazione delle nuove aiuole è stata possibile anche grazie alla compartecipazione della Fondazione Banca del Monte di Lucca e della coop Uomini Terra e Ambiente.













lunedì 21 marzo 2011

IL VERDE VALORIZZA........IL VERDE

Sono in dirittura d’arrivo i preparativi per VerdeMura, la mostra di giardinaggio italiana che per prima onora con piante e fiori l’arrivo della primavera astronomica. Lucca festeggia così la nuova stagione, invitando cittadini e turisti a frequentare uno dei luoghi più verdi e suggestivi della cinta muraria cinquecentesca, che rappresenta nel suo insieme un singolare e amatissimo parco urbano: un abbraccio verde di antica origine che corona per intero la sommità delle mura con alberi monumentali e la loro base con un tappeto d’erba mantenuta sempre perfettamente tosata. Mai servite allo scopo difensivo per cui furono costruite, un paio di secoli dopo le mura lucchesi furono destinate allo svago dei cittadini e a creare un sistema di verde attorno all’antico reticolo urbano che, per la sua conformazione, non poteva contenerne che minuscoli scampoli privati. Oggi la cinta muraria lucchese con i suoi 96 ettari a verde totalmente pedonale rappresenta una realtà specialissima nel panorama del verde pubblico italiano. L’estensione a parco è più che doppia rispetto a parchi italiani che sembrano assai vasti perché calibrati su misure metropolitane, per esempio Parco Sempione a Milano (che misura 38,6 ettari) e Parco del Valentino a Torino (42 ettari), e comunque maggiore di Villa Borghese a Roma (80 ettari). Ma la singolarità risiede anche nel fatto che quello di Lucca è un parco unitario conformato ad anello, raggiungibile in tutte le direzioni da chi si muove dal qualsiasi punto della città verso l’esterno. Poche altre realtà urbane possono vantare altrettanto: pur considerata una piccola città-salotto, Lucca dispone in questo modo di una passeggiata alberata di 4.4 chilometri di lunghezza, moltissimo se rapportata ai 6 km del ring di una grande capitale come Vienna...
In questo contesto, nel tratto nord-est delle mura, su Baluardo di San Martino e zone limitrofe, da venerdì 25 marzo a domenica 27 marzo Lucca accoglierà VerdeMura con oltre 100 espositori provenienti da tutta Italia e, confidando nella clemenza del tempo, offrirà l’aspetto più fresco e gioioso della natura risorta. Gli alberi monumentali delle antiche mura lucchesi forniranno una cupola di tenero verde primaverile alle novità del 2011 per allestire giardini, balconi, orti e frutteti confermando ciò che ormai sanno i visitatori delle tre edizioni precedenti di “VerdeMura” e delle dieci edizioni della sorella autunnale “Murabilia”: il verde valorizza il verde e a guadagnarci è la qualità della vita di tutti.

Appuntamento dunque a Lucca, sulle Mura, il prossimo fine settimana.

sabato 19 marzo 2011

Domenica sulle Mura con la PRO.CIV

La protezione civile ha organizzato ad Orbicciano un grande raduno nazionale, con ben 74 esercitazioni in tre giorni.
Sono stato a visitare il campo ad Orbicciano ed è stato veramente uno spettacolo impressionante per organizzazione, ma anche per le moltissime presenze di ProCiv da tutta Italia.
Sono andato per un invito ad un collegamento TV in diretta di TeleGranducato, per parlare di Mura.
Infatti la Protezione Civile di Lucca, sotto la guida dell'esperto Luchi ha organizzato anche esercitazioni sulle Mura, che inizieranno oggi, sabato, per chiudere in bellezza Domenica.
Squadre si caleranno dal Baluardo San Martino, con corde, per ripulire la cortina dalle erbacce e per far vedere le doti acrobatiche degli equipaggi.
Ma molti altri saranno gli interventi sulle Mura, financo la pulizia del fosso esterno del Baluardo Santa Maria, quello del Caffè delle Mura, fossato che non viene pulito da anni, perchè non ha padri: è infatti rinnegato da tutti, Bacino del Serchio, Comune, Provincia e così nessuno lo puliva: oggi e domani ci pensa la ProCiv ed è una bella cosa, un bel modo di ringraziare la città di Lucca, della accoglienza.
Sabato e domenica quindi tutte sulle Mura ad applaudire i ragazzi del Volontariato, che sono bravi, generosi e quanto mai necessari. 

lunedì 14 marzo 2011

Piove.......e ci avviciniamo a VerdeMura 2011

E' domenica e ha piovuto fortemente tutto il giorno.......
Siamo quasi a primavera....e continua a piovere.....alla faccia di quelli che pochi anni fa parlavano di disertificazione.......
Vedendo piovere stamani pensiamo agli amici della Camelia e di Carneval Marlia.
Questi ultimi hanno finito di soffrire.....anche l'ultimo corso è finito sotto la pioggia.....che peccato.....
Ho tanti amici al Carneval Marlia, so quanto lavorano tutte le notti dell'anno, rubando al sonno, nei bei capannoni del Carnevale, a realizzare maschere e carri per la gioia dei bambini ...e delle ...mamme.
Quest'anno un grande lavoro, tanti sacrifici.....per nulla......ha quasi sempre piovuto, alla faccia di un carnevale... "Basso" e quindi teoricamente con un clima migliore. Peccato.
Agli amici del Carneval Marlia, un grande saluto, con affetto e simpatia e una proposta: perchè non venite in una domenica di aprile, senza carnevale che siamo in quaresima, a far vedere i vostri bei carri, sfilando sulle Mura di Lucca.
Sarebbe una buona cosa per ripagare tutti gli artigiani del loro lavoro e per far apprezzare a tutti il lavoro fatto.
Camelia: penso agli organizzatori....tanto lavoro fatto e ...in premio....tanta pioggia e penso soprattutto che fra due week end ci saremo anche noi dell'Opera a soffrire per le previsione del tempo:
Un week end di Sole vuol dire successo....di acqua ...crisi nera......
Contiamo sul Sole....vogliamo il Sole....fortemente....aspettiamo il Sole....ci sarà il Sole......speriamo....
E vi aspettiamo tutti....anche con l'acqua....ma ci aspettiamo il.... Sole.....tanto Sole.....Sole......caldo......

mercoledì 9 marzo 2011

PRIMULE PER UN GIOIOSO ESORDIO DI PRIMAVERA

Prima manifestazione nazionale di giardinaggio in calendario dopo l’arrivo della primavera astronomica, VerdeMura 2011 porta a Lucca con i fiori una ventata di freschezza e colore e, con il loro linguaggio gentile e beneaugurale, apre le danze della nuova stagione in questa prestigiosa città toscana in cui si respirano atmosfere d’arte, storia, turismo internazionale di qualità. Che il debutto primaverile avvenga sotto il segno dei fiori è del tutto naturale: Lucca è nota anche per una tradizione di sensibilità botanica che si rinnova con forza nel presente.
Fiore simbolo di questa edizione di VerdeMura è la primula, scelta perché rappresentativa del periodo con i numerosi significati che racchiude. Per cominciare il suo nome, voluto da Linneo a metà Settecento, viene dal latino primus, precoce: sono primule i primi fiori che sbocciano nella nuova stagione, come VerdeMura - Mostra Mercato del vivere all’aria aperta - è la prima manifestazione a svolgersi in un nutrito calendario che prevede, in diverse località della penisola, appuntamenti ogni fine settimana sino a inizio giugno. Le precoci primule nel linguaggio dei fiori simboleggiano la giovinezza, come quella di Verdemura, giunta quest’anno alla sua quarta edizione sulla scia del successo ormai internazionale di Murabilia, che da dieci anni si svolge il primo fine settimana di settembre su un altro tratto della cinquecentesca, intatta cinta muraria di Lucca.
Tra le quasi 500 specie ascritte al genere Primula, la più precoce è Primula vulgaris, che si propone con esemplari virtù di freschezza e gentilezza giovanili. Illumina con il suo tenue giallo le prode dei fossi, i prati di campagna, il sottobosco non ancora ombreggiato dalle foglie degli alberi, il bordo dei ruscelli, dalla pianura alle medie quote di montagna in tutta Italia, proponendosi così nella sua veste di fiore che unisce gli italiani in un’esperienza comune: un rimando alla ricorrenza quest’anno del centocinquantenario dell’Unità d’Italia.
Nel suo ruolo di apripista delle manifestazioni primaverili di giardinaggio e di vita all’aria aperta, la quarta edizione di VerdeMura proporrà dal 25 al 27 marzo prossimo tante primule come ornamento dei giardini, dei balconi e della casa. Comprese nuovissime varietà doppie, persino con i petali blu delle porcellane cinesi che fanno dimenticare la forma naturale della comune primula, e altre inglesi dell’Ottocento recuperate per riportare in giardino e sui davanzali di casa il romanticismo del passato. Ma anche primule minuscoloe delle montagne per il giardino roccioso, altre rare e preziose per le collezioni in vaso e quelle estive di taglia maggiore per il bordo dei laghetti e per le aiuole miste. A raccontarle, e a insegnare come coltivarle con successo e soddisfazione, saranno i più quotati vivaisti di tutta Italia. In aumento rispetto alle scorse edizioni, sono oltre un centinaio gli espositori di piante con un corteggio di stand relativi a tutto ciò che riguarda il giardinaggio, l’allestimento delle terrazze, le idee creative per il bricolage, la vita all’aperto e la buona tavola con le eccellenze di svariati territori.
Insomma l’ultimo fine settimana di marzo, nonché primo di primavera, Lucca dà appuntamento sulle sue mura per festeggiare la resurrezione della natura. Quest’anno sul filo delle primule anche perché, per chi non lo sapesse, sin dal Medioevo sono considerate il miglior rimedio alla... malinconia!
Che rappresentino allora un augurio per tutti di un gioioso esordio della primavera 2011.

Info VerdeMura 2011
VerdeMura - Mostra Mercato del Giardinaggio e del Vivere all’aria aperta, quarta edizione

Lucca, mura urbane su Baluardo San Martino, cortina, casermetta, sotterraneo, cannoniere, spalti e spazi adiacenti.
da venerdì 25 marzo 2011 alle ore 12 a domenica 27 marzo alle ore 19.00 (vendita biglietti sino ad un’ora prima della chiusura)
Organizzazione e segreteria
Opera delle Mura di Lucca
Castello di Porta San Donato Nuova - 55100 Lucca
tel. 0583-583086 Fax 0583-56738
www.lemuradilucca.it
a cura di Mimma Pallavicini, mimma.pallavicini@gmail.com




sabato 5 marzo 2011

FONTANA O VETERO COMUNISMO?

Nel mese di gennaio ho scritto sul questo mio Blog una breve nota in commento ad un articolo di uno storico lucchese che evidenziava la scomparsa nel primo dopo guerra della Fontana edificata nel 1930 a Lucca, davanti Porta Elisa e inaugurata dal Capo del Governo di allora, Benito Mussolini.
Dopo due mesi su un Blog "concorrente" è apparso un articolaccio di un giornalista a tempo perso che in maniera violenta, bollava la mia "scoperta" con parole di fuoco che mi ricordano il linguaggio dei vecchi vetero comunisti di una volta (e di ora).
Il mio intervento era assolutamente casuale, in risposta ad un articolo di un giornalista, che catalogava la fontana, fra le opere d'arte scomparse,  e poneva un quesito: se era giusto tenere nascosta in un sotterraneo un'opera di uno scultore lucchese, che molte altre ne realizzate in Italia, anche presenti a Lucca, solo perchè era stata inaugurata da Mussolini.
Se dovessimo distruggere tutte le opere d'arte perchè inaugurate dal nostro Benito, distruggeremo mezza Italia...
Tra l'altro lo stato di abbandono da oltre cinquant'anni dei pezzi della Fontana in un sotterraneo delle Mura, non ci permette neppure di sapere se l'opera è sempre intatta, cioè se ci sono tutti i pezzi, visto che è smontata, (nel sopralluogo che ho fatto ultimamente in compagnia di operatori di una nota Tv nazionale, mi sembra che non siano più presenti i Fasci romani, che sembrano essere la pietra dello scandalo).
Alcuni "anziani" sembrano poi ricordare che i monumenti abbattuti e nascosti fossero due: la Fontana di Porta Elisa ed un altro monumento dell'epoca fascista, posto sul Baluardo San Paolino per cui i pezzi potrebbero essere di due monumenti.
Bisognerebbe ripulire la zona, fare delle verifiche, vedere che cosa manca della fontana, prima ovviamente di parlare di riposizionarla, come dicevo a gennaio a Porta Elisa o in altra Piazza.
Ho detto e dico ancora questo, non certo per una scelta politica, che c'entra come cavoli a merenda, ma perchè un'opera d'arte di un famoso scultore lucchese, dopo 66 anni dalla fine del fascismo, non può essere ancora "discriminata".
Un'opera d'arte è un opera d'arte: Ogni epoca è stata caratterizzata da interventi sulla città, che si sono sovrapposti e nessuno ha pensato di abbatterli perchè edificati da governi diversi e opposti.
Penso a Maria Luisa di Borbone, che non ha certo abbattuto le opere realizzate da Elisa Bonaparte e così via.
Posso capire che a fine guerra, in una Italia dilaniata dalla Guerra Civile, da morti e distruzioni, si possano abbattere i simboli più evidenti del fascismo, come liberazione da un incubo.
Dopo 66 anni, dopo che gli eredi di due estremismi, missini e comunisti, sono stati legittimati dal popolo a forza di governo, dare una valenza "politica" ad un fontana è veramente curioso.
E' da questa considerazione che nasce il commento che ho fatto all'inizio: si può discutere se la fontana è bella o brutta, se merita rimetterla in una piazza o no, ma farne un tema di violenta polemica politica è veramente un sussulto di vetero comunismo, di dittatura delle idee, che alcuni, sempre meno grazie a Dio, continuano a portare avanti, in maniera odiosa e anche pericolosa: è da questi modi violenti di imporre le proprie posizioni che sono nate le Brigate Rosse, una delle barbarie del nostro paese.


  

venerdì 4 marzo 2011

VERDEMURA - a Lucca il primo appuntamento con il giardinaggio.

VerdeMura Mostra Mercato del giardinaggio e dei prodotti tipici
Lucca - Mura Urbane - 25-27 marzo 2011 – quarta edizione
Baluardo San Martino e zone adiacenti.

A LUCCA IL PRIMO APPUNTAMENTO DEL GIARDINAGGIO DI PRIMAVERA

Torna a Lucca VerdeMura, quarta edizione della mostra di giardinaggio e dei prodotti tipici che nel calendario nazionale delle manifestazioni inaugura la nuova stagione in giardino e all’aperto. Le possenti mura cinquecentesche della famosa città d’arte toscana concedono uno scenario monumentale, verde e arioso, al primo evento di giardinaggio che segue l’equinozio. Così, nel primo week-end di primavera, VerdeMura si prepara ad offrire ai suoi visitatori un saggio appassionato delle piante e dei fiori di tendenza nel 2011 e un tour a 360 gradi tra oggettistica, arredi e quanto concorre alla vita all’aperto in modo piacevole e attuale. Oltre 100 gli espositori qualificati che l’organizzazione ha selezionato tra i migliori sul mercato italiano, con qualche raffinata incursione all’estero.
Fiori e piante per giardini all’ombra. Cresce e si diversifica sempre più la scelta di piante verdi e da fiore in grado di vivere con poca luce e in terreno fresco o umido. Protagonisti a VerdeMura 2011 non solo le violette e le primule, ma anche le Hosta, le felci e gli ellebori, questi ultimi presentati in una ricca collezione dal vivaio Mauro Zanelli di Montichiari (Bs).

Quando il verde è poesia. Ultima frontiera del giardinaggio: ripercorrere a ritroso la storia delle piante e scoprire che in un minuscolo cuscino di muschio c’è un universo che risale a 600 milioni di anni fa. E’ l’invito tra provocazione e poesia del vivaio Central Park di Saronno (Va) che, proprio a VerdeMura 2011, propone per la prima volta una collezione di muschi e licheni. Esulteranno gli intenditori: a margine avranno il diritto di vetrina otto tra specie e varietà del genere Selaginella, “anello di congiunzione” tra muschi e felci nella scala evolutiva delle piante. Storie di 200 milioni di anni fa che il vivaismo contemporaneo di qualità riporta all’ordine del giorno, monito a conoscere e a valorizzare patrimoni naturali di bellezza e capacità di sopravvivenza.
Voglia di esotico. VerdeMura recepisce e fa propria una tendenza in atto da qualche anno e che vede protagoniste atmosfere lontane, con colori e aromi intriganti. D’altra parte la Lucchesia esprime giardini e vivai che hanno antichi rapporti di passione con le piante esotiche, anche grazie al clima favorevole per la coltivazione di piante provenienti da climi assolutamente più caldi del nostro e grazie al prestigioso Orto Botanico di Lucca, che molto ha sperimentato in termini di acclimatazione. A VerdeMura 2011 esporranno vivai lucchesi famosi in tutta Italia, quali La casina di Lorenzo e Flamboyant. Ma, a riprova che il gusto di coltivare esotiche è nell’aria, i visitatori troveranno un filo sottile che lega allo stesso tema parecchi espositori di tutta Italia, tra tutti il vivaio Piantetropicali di Barcellona Pozzo di Gotto (Me) con collezioni di plumerie, palme, piante aromatiche, da spezia e da frutto. Tutte esotiche disposte a lasciarsi coltivare, con qualche accorgimento, anche in Italia..
Storie da un mondo globalizzato. Può il giardinaggio italiano mantenere una propria fisionomia, pur allargando la visuale al mondo intero? Con VerdeMura – sull’esempio di “Murabilia” a inizio settembre, manifestazione “sorella” di rilevanza ormai internazionale quest’anno alla undicesima edizione – Lucca insegna che sì, si può. Molti e gustosi gli assaggi di questa filosofia, che offre spazio a istruttive storie dal mondo, dai ragazzi francesi di Arrosoir et Persil che propongono oggetti e piccole sculture da giardino prodotti in Zimbabwe riciclando la lamiera delle auto e i barili per il petrolio, ai nidi in legno di un ornitologo svedese, creati per uso specifico di determinati uccelli e colorati con prodotti rigorosamente non tossici (importati da Emporio Botanico di Treviso).
Molto più di questo sarà in mostra in una passeggiata suggestiva che si snoda lungo la porzione più a nord della cinta muraria di Lucca, nel Baluardo di San Martino, sulla Cortina, nella Casermetta, nel sotterraneo e nelle Cannoniere.

Chi lo desidera, potrà anche visitare altre zone della città ed edifici storici come la Torre Guinigi, simbolo di Lucca, grazie ad un pacchetto turistico messo a punto per l’occasione.
A cura di Mimma Pallavicini

Info VerdeMura 2011
Opera delle Mura di Lucca
Castello di Porta San Donato Nuova - 55100 Lucca
tel. 0583-583086 Fax 0583-56738

www.murabilia.com e-mail murabilia@murabilia.com





martedì 1 marzo 2011

VERDEMURA SU FACEBOOK E SU TWITTER

La manifestaizone VerdeMura giunta alla sua quarta edizione si terrà sulle Mura Urbane, Baluardo San Martino e all'Orto Botanico da Venerdì 25 marzo a Domenica 27 marzo.
Da ieri VerdeMura è anche su facebook.
Chiedi di divenire "amico" e sarai informato di tutte le novità del programma 2011