Follow by Email

domenica 21 febbraio 2010

SPOON RIVER

Per godermi in pace la vittoria della Juve, dopo aver goduto ieri sera la faccia di Mou, mi sono chiuso nello studio a rileggere i libri della mia gioventù, non avendo voglia di lavorare anche di domenica.
Sfogliando le candide rime di Egdar Lee Masters, che immagina di sentire i defunti suoi concittadini, sepolti
sulla collina vicino a Spoon River, recitare il proprio epitaffio tombale, ho ritrovato questa:
Il Giudice distrettuale:
Notate, viandanti, le profonde erosioni
che il vento e la pioggia mi hanno impresso sulla lapide-
come se una Nemesi o un odio intangibili
mi segnassero contro dei punti,
per distruggere, non per salvare, la mia memoria.
Ero in vita il Giudice distrettuale, uno che incideva tacche,
decidendo i casi sui punti, che gli avvocati segnavano,
e non sulla giustizia del fatto.
O vento, o pioggia, lasciate in pace la mia lapide!
Perché peggio dell'ira di chi ha subito il torto,
peggio delle maledizioni dei poveri,
fu il giacermene senza parola, e vedere ben chiaro
che anche Hod Putt l'assassino,
impiccato per mia sentenza,
era, in confronto a me, un innocente.