Follow by Email

domenica 31 gennaio 2016

Sicurezza, accattoni, clandestini, nomadi. Scheda n. 5 Parte prima

Parlare di questi problemi oggi in Italia non è facile anzi è scontato che qualsiasi ragionamento, pur pacato venga fatto, porta ad essere trattati da Razzisti, Schiavisti e Fascisti, da una setta culturale catto-comunista che ricerca la salvezza eterna dal peccato originale dell'Inquisizione, altra dottrina "redentrice" praticata a piene mani dai cattolici integralisti di allora.
Per questo, come Riformisti e laici che da sempre non facciamo mai discriminazioni in base alla razza, al censo o alla religione, vogliamo far precedere le nostre proposte su questi temi, di grande attualità, da una analisi storico-economica dei fenomeni dell'emigrazione dei popoli su questa terra. 

Questo per far capire che le nostre proposte non vengono dalla "pancia" ma dalla nostra "testa" a seguito di riflessioni, che si possono condividere o meno, ma che si fondono su studi e approfondimenti, culturali, economici e sociali.

Divideremo quindi questa Scheda n.5 in due parti.

Nella parte prima la valutazione dei flussi emigratori nel Mondo, la loro profonda diversità a secondo delle epoche e delle motivazioni, che stanno determinando i gravi problemi dell'oggi.

Nella seconda parte, le proposte concrete per affrontare a Lucca i problemi della Sicurezza aumentati a dismisura in questi ultimi anni e in buona parte dovuti ad un immigrazione non controllata.

Nella storia del Mondo molti sono stati i fenomeni emigratori di interi popoli.
Lasciamo da parte quelli lontanissimi che si perdono nella notte dei tempi e anche quelli legati alla caduta dell'Impero Romano e all'istallarsi in Europa di popoli dell'est e del nord, che si sovrapposero e in grande parte si integrarono all'elemento romano.
Parliamo dei due grandi fenomeni di emigrazione più recenti, quelle legati alle grandi scoperte di nuove terre in America e Asia, alle conseguenti guerre di conquista, con una emigrazione europea che non cercò l'integrazione, economica, culturale e sociale con i Nativi, che anzi allontanò prima dalle terre più fertili e poi decimò in guerre di genocidio. 
Non solo gli Indiani dell'America del Nord le cui sconfitte hanno trovato esaltazione nell'epopea del Far West, ma anche quelle meno conosciute e più brutali dell'America del Sud e delle Isole Australi.
In questi casi gli immigrati europei devastarono con ferocia le culture esistenti, con stragi di interi popoli, per imporre con la forza bruta, le tradizioni e la cultura dei paesi da cui provenivano: i Paesi della civilissima Europa.

L'altra grande emigrazione, fine ottocento metà novecento, l'ultima...anzi... la penultima, è legata alla crisi in Europa dell'economia agricola, al nascere dell'era industriale accoppiata alle grandi carestie legate a guerre e pestilenze. Grandi masse di disoccupati dei paesi poveri Europei, Irlandesi, Scozzesi, Italiani, ma anche popoli dell'est europei, si spostarono nelle Americhe e in Australia, a cercare lavoro, richiamando poi intere famiglie a seguirli.

Quali le differenze fra queste due ultime grandi emigrazioni? Ovvia la risposta:

La prima, legata alla conquista di nuovi territori appena scoperti, porta al sovrapporsi violento dei nuovi venuti alle tradizioni dei Nativi, non ricercando alcuna integrazione, ma puntando a sottomettere i popoli originari di cui disprezzano le tradizioni religiose e sociali.
La seconda è una emigrazione che si incontra con società esistenti e strutturate dei colonizzatori non dissimili dai paesi di origine. Allora negli Usa, Canada, Argentina, Australia, la cultura europea e soprattutto Inglese si era affermata e poche erano le differenze religiose, culturali, economiche e sociali fra i nuovi popoli sorti sulla distruzione dei Nativi, con i milioni di nuovi emigranti provenienti dalla vecchia Europa. 
Normale anche se non certo senza problemi, è stata l'integrazione fra colonizzatori e emigrati. 
Stesse tradizioni, stessi popoli, desiderio degli emigranti di sentirsi integrati. 
E' noto l'ambizione degli Italiani emigrati negli Stati Uniti di sentirsi prima Americani e poi Italiani, e così anche per tutti gli altri. 
Essere integrati, riconosciuti era il massimo obiettivo di ogni emigrante.

Proviamo a valutare l'odierna ultimissima grande emigrazione ora in atto: chi sono, da dove vengono, perché?
Gli emigranti dell'oggi provengono in massima parte dall'Africa e dal Medio Oriente, fuggono da guerre e carestie, cercano lavoro e sopravvivenza.
Si dirà: è la stessa emigrazione che gli europei fecero fine ottocento primi del novecento. 
Le motivazioni sono le solite, diverso però è l'approccio sociale e la disponibilità a integrarsi.
La maggior parte di questi nuovi emigranti sono di religione musulmana, spesso legati alle confessioni più estremiste di questa religione, che viene interpretata da molte sette, come una religione da imporre agli altri anche con la violenza, difendendo contenuti arcaici nei rapporti sociali, da non mescolare con le tendenze moderniste e laiche delle società occidentali.
In questo le somiglianze sono maggiori con l'immigrazione cinquecentesca, nei nuovi paesi appena scoperti, che portò gli emigranti che arrivavano ad imporre la loro religione cristiana ai Nativi, con la forza e l'Inquisizione, imponendo con la violenza bruta le tradizioni culturali europee.

Purtroppo le somiglianze con l'immigrazione colonialistica non finiscono con il problema religioso, ma sono anche culturali e sociali, in maniera preoccupante. 
Le tradizioni, i rapporti familiari, le usanze e l'organizzazione sociale di questi nuovi emigranti di oggi, contrastano in maniera dirompente con la nostra società e noi ci difendiamo facendo finta che non esistano: La poligamia, la sottomissione della donna all'uomo che ha diritto di vita e di morte su di lei e sui figli, la profonda diversità dei costumi, delle relazioni sociali, sta rendendo estremamente difficoltosa ogni integrazione, che tra l'altro è spesso sdegnosamente rifiutata da una buona parte di questi immigrati, perché blasfema e pericolosa. Anzi come i colonizzatori di allora questi immigrati dell'oggi, ritengono la nostra civiltà "moralmente malata" da combattere e sopraffare.
Una integrazione che non viene quasi mai cercata anzi spesso rifiutata sdegnosamente creando isole cultuali e sociali all'interno dei paesi europei, che spesso portano al massimalismo culturale e poi alla ribellione violenta e al terrorismo. I quartieri periferici musulmani di Brussels e di Parigi, divenuti famosi in questi ultimi mesi per le stragi, sono emblematici di questa situazione.

Dove sbagliamo noi europei? A nostro parere, nell'aver fatto finta che non esistesse il problema, accettando che gli immigrati mantenessero e espandessero le loro tradizioni, anche quelle che sono in contrasto con le nostre Leggi. Non quelle in contrasto con la nostra cultura e le nostre tradizioni, che non è certo giusto imporre, ma quelle contro le nostre leggi e la nostra organizzazione sociale.
Le nostre Leggi devono essere accettate e rispettate da chi vuole vivere nei nostri Paesi, senza se e senza ma. 
Non è concepibile che si continui a far finta di ignorare che immigrati che vivono e lavorano in Europa, mantengano l'harem consentito dalla loro religione, con più mogli trattate da schiave e seppellite in casa, donne infibulate e sottomesse con la forza, funzioni religiose in cui predica la violenza, l'abbattimento dei nostri valori cristiani, la sopraffazione dei nostri popoli predicando le guerre sante per liberare i paesi europei degli "infedeli"  e imporre la sharia islamica, come forma di organizzazione sociale e di governo.

Chi arriva da noi può non volersi integrare, ma deve rispettare le nostre leggi e le nostre tradizioni, non il contrario come propugnano gli utili idioti che chiedono di "cambiare" le nostre tradizioni per non "urtare" gli immigrati. 
Folle e stupido. E' una bieca prostituzione culturale quella professata da questi catto-comunisti d'accatto che va dalla copertura delle opere d'arte, a togliere il crocifisso, oscurare il Presepe, voltarsi dall'altra parte verso le donne perseguitate e infibulate in Italia.

I recenti episodi di Colonia e non solo, sono campanelli di allarme che non possono essere ignorati.

Chiarite queste riflessioni, nella Parte Seconda di questa Scheda n, 5, che pubblicheremo come sempre, fra una settimana, parleremo delle proposte dei Riformisti a Lucca, per la Sicurezza: Proposte forti, dirompenti, innovative, ma in perfette linea con le leggi italiane vigenti.

francesco colucci per riformisti lucca.




domenica 24 gennaio 2016

Lucca,una Capitale: Lavoro e occupazione - Scheda n.4 -

Le politiche per lavoro e occupazione sono in genere compito dei governi nazionali o regionali che sia, non molto possono fare i Comuni, ma qualcosa si, utilizzando al meglio e soprattutto con fantasia, le leggi e gli strumenti amministrativi, che ci sono e i relativi finanziamenti.
Quindi per lavoro e occupazione, occorre da parte di un Sindaco, impegno, fantasia e innovazione, per creare opportunità e dare certezze e aiuti a chi vuole impegnarsi in nuove attività.


POLO TECNOLOGICO LUCCHESE

I Riformisti propongono un rapporto stretto fra Comune di Lucca e Polo Tecnologico lucchese, gestito dalla Camera di Commercio, per far nascere e aiutare a svilupparsi a nuove imprese, legate allo sviluppo tecnologico, sia per le nuove opportunità che si creano con nuovi imprenditori che per i nuovi posti di lavoro che si creano. Nuove sia pur piccole aziende, vuol dire più ricchezza e più lavoro.
Il Polo ha già dato positivi risultati in questi pochi anni di vita e se fosse supportato in maniera forte dal Comune di Lucca, ne potrebbe dare molti di più. Le nuove tecnologie e i giovani sono due veicoli di impresa moderni e positivi, sia per le Start Up che per la crescita di micro imprese esistenti. 

L'altra possibilità di intervento sul mercato dell'imprese e del lavoro in mano ad un Sindaco con un po' di coraggio e fantasia è quella di operare sugli incentivi, legati a risparmi su le tasse comunali.
Queste le proposte, che andranno poi modulate secondo le variazioni legislative in corso.


INCENTIVI PER NUOVE IMPRESE

Imprese artigiane: I Riformisti propongono per le nuove imprese artigiane che si insediano per la prima volta del Comune di Lucca, una sostanziale riduzione della Imposta Unica Comunale pari al 70% dell'imposta dovuta, per il primo anno, del 40% per per il secondo anno, e del il 20% per il terzo anno.
Impresa industriale: Per nuove imprese che si insedino nel territorio comunale con almeno due dipendenti neo assunti a titolo non temporaneo, una detrazione pari al 70% dell'Imposta Unica Comunale per il primo anno, che sale al 90% se l'impresa ha cinque o più nuovi assunti non temporanei. Al secondo anno la detrazione scende rispettivamente al 40%  e al 60%. Al terzo al 20% e al 40%.
Impresa Commerciali e Turistiche: Alla nuova impresa commerciale o turistica che si insedia nel Comune di Lucca una esenzione dall'Imposta Unica Comunale pari al 70% nel primo anno, il 40% nel secondo e il 20% nel terzo, se sono imprese a gestione familiare. Ove la nuova impresa commerciale o turistica assuma nell'anno due dipendenti a tempo non determinato, le esenzioni salgono al 90%, 60% e 40% dal primo al terzo anno.


 INCENTIVI PER NUOVE ASSUNZIONI NON TEMPORANEE

Per le imprese di qualsiasi tipo già esistenti sul territorio comunale che a assumano nell'anno dipendenti non a tempo determinato una riduzione pari al 10% dell'Imposta Unica Comunale di quell'anno per ogni dipendente assunto, fino ad un massimo di 10 dipendenti.


INCENTIVI PER LA CREAZIONE DI NUOVE COOPERATIVE DI LAVORO

La Costituzione di Cooperative di Produzione e Lavoro, Agricole, Sociali, nel Comune di Lucca, con soci che per il 50% sia residenti nel Comune, sono incentivate con l'abbattimento del 90% dell'Imposta Unica Comunale per il primo anno, del 60% il secondo e del 40% per il terzo.


 


La prossima scheda: Sicurezza, Accattoni, Clandestini, Nomadi. 

domenica 17 gennaio 2016

Lucca, una Capitale: La riqualificazione dei paesi, delle frazioni e dei quartieri. Scheda n.3

La riqualificazione dei paesi, delle frazioni e dei quartieri è una esigenza prioritaria perchè sono stati abbandonati a se stessi da quattro anni, come ammesso dallo stesso Sindaco Tambellini.
Anche l'abolizione dei Consigli di Circoscrizione ha portato danni, pur essendo diventati negli ultimi anni prevalentemente dei piccoli consessi politici.
Cosa propongono i Riformisti lucchesi, per ribaltare questa situazione di degrado?
I Referenti del Territorio: Il nuovo Sindaco, che contribuiremo ad eleggere, dovrà nominare per ogni paese, frazioni e quartiere, un suo Referente.
Una persona di sua fiducia, che sia i suoi orecchi e i suoi occhi su quel territorio. Una figura conosciuta che voglia svolgere questa sua funzione di Referente del Sindaco, a titolo completamente gratuito, per solo spirito di servizio al suo territorio e ai suoi concittadini.
I Referenti del Territorio, si rapporteranno al Sindaco, ma anche agli Assessori per segnalare i problemi più urgenti, le mancanze del proprio territorio, mantenendo rapporti costanti con i propri concittadini. Essere Referente di un territorio dovrà essere un titolo di merito e di rispetto.
La Scheda delle necessità.  Per ogni paese, frazione e quartiere, dovrà essere compilata ogni anno, con l'aiuto dei Referenti e delle Associazioni locali, una Scheda dei problemi aperti e delle cose da fare su quel territorio. Questa Scheda dovrà essere approvata ogni anno da una assemblea degli abitanti interessati che potrà anche proporre le priorità più urgenti.
Associazionismo: Prioritario sarà intervenire a sostegno di quelle Associazioni e Comitati che già agiscono nelle frazioni o nei paesi per la propria collettività o in quelli che si costituiranno. Dare un sostegno a queste attività di volontariato con persone che conoscono bene i problemi e le soluzioni per migliorare il proprio territorio vuol dire spendere meno e agire più velocemente per la soluzione. Pensiamo al Comitato paesano di Aquilea, del Piaggione e molti altri, al Comitato del Castello di Nozzano, ai Gruppi Frates dei donatori di sangue, al Comitato del Quartiere Giardino e di altri.
Parrocchie: da Laici come siamo riteniamo che la funzione sociale e di sensibilizzazione dei problemi del territorio trovino riscontro e possibilità di intervento anche nelle Parrocchie del territorio, sopratutto quelle dei paesi. Rapportarsi con queste vuol dire approfondire e conoscere meglio le reali esigenze del territorio ed un aiuto ad intervenire per risolvere i problemi.
I Paesi e le frazioni lontane dal centro storico: tanti i problemi da affrontare, vogliamo solo qui ricordare il maggior problema comune a tutti che è la mobilità verso il centro storico e gli altri comuni del circondario, per andare a lavoro. Nel recente passato abbiamo distrutto un collegamento veloce ed economico che i nostri avi avevano faticosamente realizzato: Le linee tranviarie che collegavano le frazioni più lontane alla città e fra loro. I tram erano una grande soluzione del problema, che ormai tutti i grandi centri urbani italiani ed europei stanno nuovamente valorizzando e ricostruendo. Credo che in questa direzione, assai difficile invero, dovremo ritornare, gradualmente, se non vogliamo condannare i nostri concittadini a passare buona parte del proprio tempo su Bus e Navette bloccate nel traffico o continuare a costruire strade sempre più grandi. Credo che potremmo iniziare dalla direttrice Lucca-Ponte a Moriano utilizzando i binari poco frequentati della Lucca Aulla per un servizio di tranvia veloce che tocchi le stazioni di Piaggione, Ponte a Moriano, San Pietro a Vico, adeguando i parcheggi auto limitrofi..
I Grandi Quartieri, vicini alla città: Sant'Anna, San Donato, San Concordio, Giannotti, San Marco, San Vito, San Filippo, Arancio. I problemi di questi enormi dormitori sono certamente più complicati da affrontare, anche qui ne indichiamo uno urgente: completare un sistema di viabilità ciclabile protetta, che consenta un collegamento veloce e sicuro con un mezzo, la bici, che fa parte della nostra tradizione, ma che deve essere ripresa senza rischiare di essere travolti da Tir e auto. Ogni quartiere a suoi problemi che andranno affrontati singolarmente con priorità che possono essere diverse.

francesco colucci x riformisti lucca 




giovedì 14 gennaio 2016

Lucca, una Capitale: Centro-storico Scheda n.2 -terza parte-

Oltre ad essere Impeccabile e Raggiungibile, come descritto nella Scheda n.2 -parte prima e parte seconda, un Centro-storico, per essere motore dell'economia del territorio, deve essere:


Godibile

avere una serie di strutture, eventi, manifestazioni, che facciano del centro-storico lucchese una cosa pregevole, interessante, da vivere ogni giorno e ogni sera.

Eventi già esistenti

Gli eventi "internazionali" già presenti sul territorio: Comics, Summer Festival, Puccini e la sua Lucca, vanno sostenuti ed agevolati per espandere la loro attività anche in altre stagionalità. 
I Comics vanno radicati in tutto il centro-storico puntando a realizzare tre nuove iniziative nell'anno: una legata ai Comics, una ai Games, una ai Cosplay, tre iniziative tematiche nel corso dell'anno che trovino sintesi nell'evento totale a fine ottobre di ogni anno. 
Summer Festival  va sostenuto ed agevolato non solo per il consolidare del favoloso evento estivo, ma anche per rilanciare il Winter Festival. Va sfruttata la genialità di Mimmo D'Alessandro nell'organizzare professionalmente gli eventi, per nuove iniziative: pregevole la proposta dell'ultimo dell'anno sulle Mura, con un evento musicale internazionale.
Puccini e la sua Lucca, riconoscimento a Andrea Colombini di quanto di pregevole fatto ogni anno a Lucca e fuori Lucca, con le musiche di Giacomo Puccini e non solo. La sua preparazione nelle Musiche Pucciniane e nella Musica classisa in genere devo portare il Comune a impostare un discorso organico permanente con Colombini sulle musiche di Puccini e non solo, per tutto l'anno.
Lucca deve diventare in concreto e visibilmente la Città della Musica.

Eventi da consolidare o creare nuovi

Il Centro-storico dovrà essere sempre palcoscenico di eventi e manifestazioni in ogni stagione dell'anno e per far questo il Comune deve trovare accordi e sostenere le associazioni culturali, ricreative e sportive del territorio.
L'Associazione Musicale Lucchese e le altre associazioni musicali vanno sostenute per realizzare eventi musicali in Teatro ma anche all'aperto, in centro ma anche nei paesi.
L'Associazionismo culturale è una risorsa importante per Lucca e non può essere abbandonata a se stessa, ma va aiutata con tutti i mezzi possibili nelle loro attività, in cambio di piccoli eventi di musica, teatro, intrattenimento, nel città.
Le Associazioni del Balestrieri e del Terziere di San Paolino ed altre sorte nel genere devono essere esentate dal pagamento dell'affitto delle Casermette sulle Mura in cambio di piccoli eventi, cortei, sbandieramenti, in città nei week end.
Palazzo Ducale, con le predette associazioni va organizzata il Cambio della Guardia a Palazzo Ducale tutti le domeniche a mezzogiorno, quando sulle Mura si udirà il colpo di Cannone che l'Associazione Historica Lucense dovrà organizzare per scandire le ore 12 della Domenica.
Fondazione Puccini, da aprire ai privati non solo alle Fondazioni Bancarie ma anche alle Associazioni Musicali Lucchesi, a Puccini e la sua Lucca, per farne lo strumento di promozione pucciniana del mondo e per rilanciare le attività museali della provincia di Lucca, trovando una sinergia vera fra i vari Musei e luoghi pucciniani di Lucca, Pescaglia, Viareggio.

Musei e strutture culturali esistenti da valorizzare

La Casa Natale di Puccini deve divenire un luogo di eventi e di incontri per tutti. La gestione del Museo, deve essere viva e partecipata, in accordo con le altre Case Museo del Maestro.
Caffè di Simo: intollerabile la situazione attuale e l'inerzia di Tambellini forse per compiacere un consigliere che dovrebbe essere di opposizione. Si impone l'immediato esproprio per valide motivazione di conservazione di un bene culturale importante per la città. Il restauro e l'affidamento ad un affitto "ragionevole" ad un consorzio volontario fra i principali commercianti cittadini del settore, per riaprire e far funzionare il locale, come deve esserlo un antico caffè di una città storica.
Musei pubblici di Palazzo Manzi e Villa Guinigi:  si deve operare una contrattazione con il Ministero dei Beni culturali per avere una razionalizzazione delle aperture e sopratutto l'incentivo a realizzare Mostre di Beni culturali di grande valore sepolti nei forzieri delle Soprintendenze toscane.
Musei privati: da incoraggiare e sostenere nella realizzazione di Mostre ed eventi.
Museo della Città a Palazzo Guinigi, integrando la sua visita con la Torre Guinigi, a cui accedere dal Palazzo, con l'ascensore già in funzione  e completando, per la Torre, l'ascesa dell'ultimo tratto, con un ascensore come quello realizzato all'interno di una delle Torri medievali di Palazzo Madama a Torino.
Il Museo della Città, va riaperto e potenziato anche con una sezione dedicata alle origini di Lucca, portando al suo interno tutti i ritrovamenti romani etruschi e liguri raccolti nelle ottime campagne di scavi realizzate sul nostro territorio per farne una Esposizione Archeologica permanente.
Museo del Fumetto da riaprire e rilanciare dandolo in gestione ai Comics, per farlo integrare con la loro attività.
Orto Botanico: sviluppare l'opera di ricerca e salvaguardia delle specie botaniche più importanti del nostro territorio, implementare le specie presenti, e, in estate, far rivivere le Serre vuote con eventi e manifestazioni culturali e non, integrandolo ancor più nella valorizzazione degli stupendi eventi di Verdemura e Murabilia, da con fermare e sostenere.
L'Orto Botanico dovrà gestire anche tutto il Verde Pubblico, recentemente passato al Comune, sotto la gestione dell'Opera delle Mura.
Mercato del Fiore e delle Piante: Con l'assistenza dell'Orto Botanico e con il fattivo concorso dei privati organizzare la Domenica nel centro storico, un Mercato del Fiore ma anche dell'artigianato e dei prodotti tipici lucchesi, inseguendo in piccolo lo stupendo Mercato di Cours Saleya nella Nizza antica.
Teatro del Giglio: proseguendo nel rilancio con eventi legati alla musica e alla prosa, rendendolo anche maggiormente fruibile da associazioni e privati, abbassando drasticamente i costi di affitto: è un vero peccato vederlo chiuso la maggior parte dei giorni dell'anno.
Torre delle Ore: Ripristino dell'orologio storico sulla Torre, che torni a scandire il tempo come una volta.
Opera delle Mura: trasformazione in Fondazione, aperta alla Fondazioni Bancarie, per gestire la conservazione e valorizzazione delle Mura, dell'Acquedotto del Nottolini, dei Palazzi Comunali, dei Musei Comunali e dell'Orto Botanico, con tutte le Fontane Monumentali, il Verde Pubblico, i Fossi della Città Murata.

Nuovi realizzazioni per la cultura

Per rendere possibili eventi importanti sia in alta che in bassa stagione a Lucca occorre realizzare due nuove strutture e assumere, su alcuni spazi esistenti, decisioni coraggiose.
Teatro all'aperto: da realizzarsi come nelle previsioni originali del PSIUS creando una piccola arena scavata davanti alla vecchia Porta S.Donato per eventi estivi.
Teatro Pucciniano, da 1.500 posti, da realizzare coprendo e modificando l'attuale Mercato Ortofrutticolo dietro l'Hotel Celide, per eventi in bassa stagione e spostando la parte ormai residuale del Mercato ortofrutticolo delle poche Ditte rimaste, in altra zona in uno dei capannoni dismessi della periferia, rilanciando invece i Mercatini Contadini, con presenze differenziate per giorni in città o nelle frazioni e nei paesi. 
Campo Balilla: deve divenire lo spazio permanente per i grandi eventi cittadini. Il fondo erboso, il cui ripristino costa moltissimo tutti gli anni, deve essere modificato creando un sub strato sotterraneo pavimentato a blocchetti traforati in cui far crescere l'erba perché lo spalto sia sempre a verde, quando non ci sono eventi, ma sia utilizzabile per i grandi eventi senza che diventi un pantano come dopo lo smontaggio dei padiglioni dei Comics. la bricchettatura sotterranea eviterà la spargere della ghiaia che è la fonte principale dell'inquinamento e della distruzione del prato.
Baluardo e Casa del Boia: Realizzazione nel sotterraneo, con i privati, di una enoteca-degustazione, per la valorizzazione dell'Olio, dei Vini e dei Prodotti Tipici della lucchesia, ma anche con la presenza dei Oli e Vini toscani e italiani. Nelle stanze della Casa del Boia Mostra permanente dei lavori dei grandi artisti lucchesi, scultori e pittori con una stanza dedicata a Mostre periodiche.
Il Baluardo e la Casa del Boia devono diventare, anziché un altro Museo per pochi, una mostra viva delle Eccellenze di Lucca, prodotti dall'uomo.   
Casermetta del Cane: recentemente restaurata, da adibire a sostegno delle attività sportive sulle Mura Urbane, con spogliatoi docce e gabinetti, ma anche con il ritorno degli Amici del Cuore per gli intervento di urgenza e i controlli medici.

La prossima scheda sarà la n.3 e tratterà:
"La riqualificazione dei paesi, delle frazioni e dei quartieri: esigenza primaria"

Nel blog: www.luccaunacapitale.blogspot.com troverete tutte le schede già pubblicate fino ad oggi e successivamente anche tutte altre Schede ma man saranno pubblicate.



domenica 10 gennaio 2016

Lucca: Il Centro-storico. Scheda n. 2 - parte seconda

Oltre ad essere Impeccabile, come descritto nella Scheda n.2 -parte prima- un Centro-storico, per essere motore dell'economia del territorio, deve essere:
  • Raggiungibile: con facilità di accesso e con parcheggi vicini e poco costosi, mobilità dedicata.
  • Godibile: ricco di offerte artistico culturali, di eventi e locali di accoglienza.
RAGGIUNGIBILE

Viabilità interna alle Mura, di quella esterna ne parlerò alla Scheda n. 10, "Mobilità e Viabilità", accenno solo che va abolito il traffico pesante intorno alle Mura Urbane.

VIABILITA' INTERNA ALLE MURA: 

L'Isola pedonale dovrà essere divisa in due parti:
Una zona Rossa, grosso modo il quadrilatero romano con alcuni aggiustamenti.
Una zona Bianca, anche estendendo in alcuni tratti l'attuale isola pedonale.
Zona Rossa: Vietato qualsiasi transito veicolare, compreso motorini e biciclette. L'accesso a questa zona va protetto da piloncini a scomparsa, come quello ora in Via Carrara, per i mezzi di soccorso. Non vi saranno stalli per alcun tipo di parcheggio, escluso quelli per Invalidi residenti nella zona Rossa. L'approvvigionamento dei negozi dovrà avvenire solo con piccoli mezzi elettrici e ad ore fissate e controllate.
Zona Bianca: In alcuni casi si estenderà anche oltre gli attuali perimetri dell'Isola pedonale. In questa zona sarà consentito l'ingresso a motorini e biciclette e il traffico veicolare e il parcheggio sarà consentito dalle 18 alle 23, adeguando le telecamere di sorveglianza. In questa zona vi potranno essere solo parcheggi a pagamento orario e transitare le navette del trasporto pubblico. Per alcuni eventi importanti la zona Bianca potrà avere eccezionalmente modifiche nell'orario di accesso dei veicoli.

PARCHEGGI

Parcheggi: All'interno delle Mura, vi saranno solo parcheggi blu a pagamento orario, salvo nella zona Rossa, dove non vi saranno parcheggi, come sopra detto. I parcheggi a pagamento orario avranno tariffe più basse dell'attuali fino a due ore di sosta e più alte dopo le due ore, a crescere.
Nella Manifattura Tabacchi sarà realizzato un parcheggio di oltre 1.000 posti, in parte dedicati al parcheggio orario, in parte a quello di lunga sosta, in parte per i Residenti.
Il parcheggio coperto di via dei Bacchettoni e i Parcheggi della Circonvallazione avranno la stessa suddivisione nei gestione dei posti disponibili.
Nuovi parcheggi: la zona Cimiteriale, sgombrata da abusivi accampamenti Rom e Sinti, sarà riportata a parcheggio per Bus e Camper, per lunga sosta, liberando posti per auto al Palatucci.
Sotto la rotonda davanti a Porta S. Maria e sotto il Monumento equestre davanti a Porta S. Pietro, saranno realizzati parcheggi coperti ad un solo piano sotterraneo, quindi a costi limitati e senza interessare la falda, così come realizzato nel centro di Pisa all'inizio di Corso Italia. 
Anche questi parcheggi avranno il solito regime: ad ore, per lunga sosta, per i Residenti. 
Sulla Circonvallazione, saranno realizzati gradualmente, analoghi parcheggi ad un solo piano sotterraneo, togliendo tutti i parcheggi a raso dal lato delle Mura che deturpano la visione del Monumento simbolo di Lucca. Un intervento eccezionale di questo tipo è stata realizzato dal Comune di Riccione, che ha tolto tutte le auto dalla passeggiata a mare creando un unico grande parcheggio ad un solo piano sotterraneo, lungomare.
L'obiettivo è realizzare subito parcheggi per 2.000 posti auto e nei cinque anni altre 4.000, per arrivare a 6.000 nuovi posti auto coperti per risolvere la crisi del centro-storico e anche dare un parcheggio coperto ai Residenti.
Pagamento del parcheggio orario nel centro storico: abolizione delle colonnine biglietteria, costose e brutte, sostituzione con "telepass" ricaricabile o con Gratta e Vinci acquistabile nei negozi o omaggio dei negozianti del centro. Prime due ore, 0,50 centesimi a ora, poi due euro l'ora per quelle successive. Nei parcheggi coperti e in quelli sulla circonvallazione possibilità di tariffe forfettarie per 3, 6, 12 e 24 ore.
Parcheggi per Invalidi residenti nel centro storico saranno numerati e realizzati nelle vicinanze delle loro abitazioni. I possessori di permessi per Invalidi non residenti nel centro storico avranno a disposizione posti riservati nei vari parcheggi del centro.

RESIDENTI

Residenti: Alle famiglie dei Residenti sarà rilasciato, un gratuitamente un Permesso di Residenza per una auto, di proprietà familiare.

Questo Permesso darà diritto ad avere:
  1. La sosta permanente e numerata in uno dei Parcheggi non a tariffa oraria, che avranno una percentuale di posti riservati per loro. Posti auto che saranno nominativi e protetti nei parcheggi: Bacchettoni, Manifattura, Carducci, Palatucci e nei nuovi parcheggi sotterranei da realizzare, davanti alle Porte S.Maria e San Pietro e lungo la circonvallazione.
  2. La possibilità di parcheggiare gratuitamente nei parcheggi a pagamento orario (strisce blu) ininterrottamente dalle 23 alle 9 di ogni giorno feriale e dalle 23 alle 15 di quelli festivi.
  3. La possibilità di parcheggiare gratuitamente nei parcheggi a pagamento orario per due ore con esposizione di disco orario.
  4. Sarà possibile, come ora, acquistare permessi ulteriori per famiglie Residenti in possesso di più auto. L'acquisto a tariffe eque, darà diritto alle stesse condizioni sopra indicate per il permesso gratuito, compreso l'assegnazione numerata di un posto fisso in uno dei parcheggi non a tempo. 
  5. La possibilità di scarico e scarico sia nella zona Rossa che in quella Bianca, per i residenti delle singole zone.
  6. Saranno aboliti i parcheggi a strisce gialle riservati ai Residenti.
 MOBILITA' PUBBLICA

Servizio pubblico: Il Comune, da solo o in accordo con la società che gestisce il servizio pubblico, provvederà a collegare i Parcheggi esterni alle Mura con piccoli trenini elettrici "Le petit train di Avignone" (Normati dal Decreto 15 marzo 2007, n. 55, del Ministero dei Trasporti) che faranno la spola, fra i parcheggi e la Zona Bianca del centro, transitando su percorsi dedicati, entrando nella cerchia urbana anche con accessi riservati sotto e sopra alle Mura.
Questo tipo di collegamento è visibile e ben funzionante nel Centro storico e nei Palazzi dei Papi dell'antica città murata di Avignone in Francia, con ottimi risultati.
Il trasporto sarà compreso nel costo del parcheggio e quindi gratuito.
I costi di questo servizio saranno abbassati con la pubblicità sui trenini.
Carrelli Porta Spesa: Il Comune dovrà istituire nei parcheggi più grandi all'interno delle Mura un servizio di carrelli tipo supermarket, ma di dimensioni minori, con moneta, per favorire l'acquisto di beni all'interno delle Mura.
Questo servizio potrebbe anche essere affidato ai privati che ospitano e affittano le biciclette, per un servizio integrato.

GODIBILE 

questa ultima parte sul Centro-storico, sarà consultabile nella terza parte della Scheda n. 2 che uscirà fra pochi giorni.

PER VEDERE INTERAMENTE LE SCHEDE GIA' PUBBLICATE BASTA CONSULTARE UN NUOVO BLOG APPOSITAMENTE CREATO DOVE SONO RIPORTATE LE SCHEDE VIA VIA PUBBLICATE E DOVE AL TERMINE SI POTRA' CONSULTATE IL DOCUMENTO PROGRAMMATICO COMPLETO.

Per leggere questo nuovo Blog: www.luccaunacapitale.blogspot.com


Le petit train di Avignone

mercoledì 6 gennaio 2016

Lucca: Il Centro-storico. Scheda n. 2 - prima parte.

"Il Centro Storico: motore della vita culturale, economica e sociale del Comune". Scheda n. 2 prima parte 

Nello scrivere le mie proposte per il Centro Storico mi sono reso contro che molte erano le cose da dire e pertanto ho deciso di dividere questa seconda scheda programmatica in più parti. Pubblico oggi la prima parte, nei prossimi giorni le altre.


QUALE SVILUPPO PER LUCCA?

Alla base di ogni programma per un territorio deve esservi la risposta a due domande: quale sviluppo sostenibile è più opportuno per il nostro Comune e il suo territorio?
Quale la risposta dare alla domanda di lavoro e di benessere dei suoi abitanti?
Alla luce degli anni trascorsi non è difficile rispondere, per chi non indottrinato in dogmi catto-comunisti. Lucca nei secoli è stata vocata sempre al commercio, all'artigianato, all'agricoltura, alla sua capacità di acquisire e rivendere merci. Sempre debole è stata la vocazione industriale di questo territorio, data anche l'esiguità dello stesso. La stessa Seta che per alcuni secoli ha costituito l'asse portante dell'economia, aveva alla base una coltivazione agricola, il Gelso e uno sviluppo artigianale, aiutato dalla ricchezza di acque del nostro territorio. Proprio questa ricchezza di acqua ha favorito nell'ultimo secolo lo svilupparsi da un lato di un industria manifatturiera del Cucirino a basso costo lavorativo, ben presto dispersa in paesi lontani dal minor costo lavoro e dall'altro da un industria della Carta, all'inizio molto inquinante per il territorio. Con il tempo l'industria cartaria ha fatto passi da gigante nelle tecnologie produttive, per la salvaguardia dell'inquinamento e del consumo delle acque ed oggi il vero comparto industriale di Lucca è questo della Carta, che si è trascinato, a supporto, quello altrettanto importante, della Meccanica di precisione, con le macchine di produzione della Carta.
Un comparto industriale questo della Carta e della Meccanica tecnicamente di buon livello e alta automazione, con minor impiego di manodopera rispetto al Cucirino. Ma anche queste produzioni si sono spostate nel tempo, nei Comuni della Piana Lucchese e della media Valle del Serchio, con solo qualche lodevole eccezione. La scomparsa del comparto industriale manifatturiero, legato al Cucirino, il trasferimento della Manifattura Tabacchi, con l'eccezione del Sigaro Toscano, lo spostamento delle industrie Cartarie nei comuni limitrofi, ha fatto si che le zone comunali dedicate all'industria e all'artigianato nel Comune di Lucca, hanno sempre avuto scarso sviluppo e le attuali zone di Mugnano e l'Acqua Calda siano molto deboli, da difendere, ma mal servite dalla viabilità e con scarse possibilità di ulteriori sviluppi, con scelte a livello comunale. Apprezzabili e importanti sono le isole industriali legate alle produzioni alimentari e alle nuove tecnologie elettroniche e meccaniche, ma non dirimenti il problema dell'occupazione e del lavoro, sopratutto giovanile.
L'economia lucchese ha sempre avuto alla base un forte sviluppo commerciale-artigianale, che negli ultimi venticinque anni si è consolidato con l'espandersi di un progressivo Turismo di massa.
Oggi si può affermare che il Turismo è in buona parte, il motore del lavoro e del benessere del territorio del Comune di Lucca.
In uno studio del 2002  sull’impatto del Turismo nell’economia della provincia di Lucca e dei suoi territori, promosso dalla Provincia di Lucca e dall'IRPET, si affermava:
"....Da molti anni oramai il settore turistico risulta capace di raggiungere tassi di crescita che, al netto di oscillazioni congiunturali legate a fenomeni straordinari, appaiono costantemente superiori a quelli del comparto manifatturiero, giungendo talvolta a rappresentare, all’interno di determinate realtà locali, il vero volano dell’economia (in termini di quota di valore aggiunto attivato)......."
Lo sviluppo del turismo, del commercio e dell'artigianato ha la sua punta di diamante nella città "murata" all'interno della cinta cinquecentesca.
Il centro storico di Lucca è il vero motore delle sviluppo del Turismo e del Commercio e quindi a lui dobbiamo dedicare le migliori attenzioni.
Come difendere, tutelare, ma anche sviluppare le attività del Centro storico?
Un centro storico appetibile al Turismo e al Commercio deve essere:

  1. Impeccabile: ovvero curato nell'Arredo, Pulito e Sicuro.
  2. Raggiungibile: con facilità di accesso e con parcheggi vicini e poco costosi, mobilità dedicata.
  3. Godibile: ricco di offerte artistico culturali, di eventi e locali di accoglienza. 


PER UN CENTRO-STORICO "IMPECCABILE"

Iniziamo dall'Arredo Urbano che, trascurato totalmente in questi anni tambelliniani, deve essere posto prioritariamente al centro di scelte di conservazione, ma anche innovazione. Queste le miei proposte:
  • Arredo Urbano di competenza pubblica: Le piazze e le vie nello storico quadrilatero romano della città vanno liberate da auto e parcheggi e restituite totalmente alla fruizione dei cittadini.   In tutto il centro storico occorre intervenire per il ripristino nella pavimentazione e nell'arredo di complemento, dell'illuminazione, del rifacimento delle facciate degli edifici pubblici, nella pulizia e restauro di Fontane, Fontanelle, Giardini e Verde Pubblico.                                   Come nel passato occorre istituire un servizio comunale di piccola manutenzione di emergenza, con un numero attivo gratuito per le segnalazioni di interventi urgenti, da fare subito, risparmiando e dando una immagine di grande cura della città.                                             Deve essere realizzato dal Comune, nelle vie principali dello "struscio" ma anche sui Baluardi più frequentati, un sistema di filodiffusione di musiche Pucciniane e degli altri grandi compositori lucchesi, ovviamente a basso volume, già attuato in maniera egregia dal Comune di Riccione nelle vie principali della famosa cittadina turistica, sia pure con musiche moderne.
  • Arredo Privato permanente: definire alcune tipologie nel materiale di arredi esterni minori: Campanelli, Citofoni, Cassette per lettere, Targhe e Insegne, che devono essere sostituite dai proprietari, in maniera da dare un immagine storico-compatibile a tutto il centro storico.             Rifacimento delle facciate lesionate dei palazzi del centro, ricercando un accordo con le banche locali per la concessione di finanziamenti poliennali a tasso zero, ai proprietari per questi rifacimenti. Analoga misura fu già attuata a fine anni '70 proprio su una mia proposta. L'intervento sulle facciate deve portare anche togliere e a risistemare altrove le intrusioni non autorizzate di motori esterni per l'aria condizionata, stendi biancheria, fili dismessi di elettricità e telefono, pluralità di antenne e parabole televisive, che andranno raggruppate anche con un intervento di sostegno da parte del Comune. Un investimento pubblico che aiuti i residenti a razionalizzare la selva di antenne singole che deturpano i tetti del centro, ricercando accorpamenti di più palazzi, è ampliamento giustificato.                                                             Si deve arrivare, nelle strade più vocate al commercio, a sostituire le anacronistiche e antiestetiche serrande chiuse, con sistemi di protezione che lascino visibili in tutto o in parte le botteghe di Lucca.
  • Arredo privato temporaneo: Gazebo, Ombrelloni, Tavolini e Sedie, per gli esercizi commerciali, sono da accettare per rendere vivibile la città, ma devono essere di materiali compatibili con il centro storico e con colori adeguati. La concessione potrà anche essere poliennale, anche decennale, ma da "revisionare" ogni tre anni, (come le auto) per valutare il degrado e la funzionalità del manufatto. Il costo del suolo pubblico dovrà essere inversamente proporzionale al numero delle sedute esterne realizzate. (In uno stesso spazio esterno se inserisco 20 posti a sedere pagherò di più di chi ne metterà dieci, perchè così do una migliore accoglienza e creo un minor impatto visivo.)
La scarsa pulizia della Centro-storico e delle Mura è una delle colpe gravi di questa Giunta.
  • Pulizia: Rifiuti Urbani,l'attuale sistema di raccolta dei rifiuti nel centro-storico da un immagine alla città, di trascuratezza, sporcizia, disordine che deve essere modificato. L'istituzione delle Isole ecologiche interrate, iniziate dalla Giunta Favilla, è stato un fatto positivo ancora in fase di rodaggio. Da valutate attentamente il rapporto costi-benefici nel proporre nuove isole ecologiche: forse nel quadrilatero romano, sarebbe opportuno trovare qualche fondo adibito a magazzino ove raccogliere la differenziata, con apertura della porta con scheda magnetica, come per le isole ecologiche, da svuotare ogni giorno con mezzi a trazione elettrica.                   La pulizia delle strade e delle piazze, anche con lavaggi estivi ad acqua, deve essere intensificata, con l'immissione di nuovi cestini e della sorveglianza dei Vigili Urbani a punire chi sporca per le strade, con cartacce o con escrementi di cani, non raccolti. Analogamente devono essere controllati i parchi cittadini, le panchine, i muri dei palazzi.                               Mozziconi di Sigarette e Gomme da masticare: Vanno introdotte gradualmente nel tempo dei raccogli cicche uniti ai cestini rifiuti, nelle strade del centro-storico, proibendo l'abbandono in terra di questi rifiuti, con una campagna di informazione lunga e comunicata anche agli alunni delle scuole e negli uffici, per poi passare, dopo un anno di sperimentazione, ad istituire una multa per i trasgressori, come avviene a Singapore.                                                                       Le scritte sui muri vanno immediatamente cancellate con la squadra piccola manutenzione e i muri dei palazzi storici difesi da telecamere, inasprendo le multe per i trasgressori.                     Le Mura urbane e i baluardi devono avere una pulizia e un servizio di controllo continuo. Insieme al centro storico sono la "faccia" della città e tutto deve essere sempre al 100%. 
La più grande "cazzata"della Giunta Tambellini è sulla politica della Sicurezza, nel centro-storico e in tutto il territorio comunale. Una politica dell'accoglienza, senza limiti e controlli, fuori anche dagli schemi dell'Unione Europea, ha generato un completo abbandono della città e del territorio a se stesso, preda di accattonaggi molesti, furti di biciclette e motorini, scassi di bancomat, intrusioni nelle abitazioni, facendo di Lucca una delle peggiori città in Italia in tema di sicurezza.
Queste le miei proposte per arginare questa situazione quasi disperata.
  • Sicurezza: Profughi, va risolto energicamente, con un Prefetto troppo buonista, il problema dei profughi che debbono rispondere ai requisiti stabiliti dalla Comunità Europea. Quindi accoglienza temporanea solo a persone identificate e documentate, provenienti da Paesi ove vi siano fatti di guerra, rivoluzione, epidemie. Ogni altro tipo di profugo va rifiutato con fermezza, sopratutto quelli non si fanno identificare. Rom e Sinti: vanno identificate e censite con certezza le famiglie che hanno deciso da tempo di rimanere permanentemente a Lucca e continuare con loro un'opera di integrazione, con l'obbligo scolastico per i figli. Per tutti gli altri nomadi che giungano a Lucca deve essere allestito un apposito nuovo separato accampamento di transito, dove la loro presenza deve essere temporanea e controllata, salvo che non sia espressamente richiesto di essere integrati nella nostra società con obblighi scolastici e di abitazione confacenti e solo allora trasferiti nei campi stabili. Tutte le loro abitazioni non in regola con le norme comunali debbono essere abbattute e le aree della Golena del Serchio e del Cimitero, riportate alla loro destinazione regolare. Nuovi campi provvisori per i residenti debbono essere realizzati, piccoli e sparsi nel territorio, per nuclei familiari, da controllare periodicamente, in attesa di una collocazione in edifici stabili. Accattonaggio molesto: vanno fatte rispettare le norme che già esistono in materia. I controlli devono essere costanti, anche istituendo un numero verde gratuito, di richiesta di intervento da parte dei cittadini. Il Comune deve richiedere con forza al Prefetto la presenza delle forze dell'ordine, Polizia, Carabinieri, Finanza, sul territorio comunale affiancando la Polizia Municipale nei compiti di controllo e prevenzione dell'accattonaggio.

Fine della prima parte della Scheda n. 2.
La seconda parte della Scheda n. 2, sarà pubblicata fra qualche giorno ed inizierà a trattare da
Un Centro-storico Raggiungibile e Godibile: Isola pedonale, viabilità, parcheggi, eventi e residenti......

francesco colucci x riformisti italiani Lucca

PS. Ricordo le Schede in cui si articolerà il mio Progetto Lucca, una Capitale
  1. Come e Perché "Lucca: una Capitale" (già pubblicata)
  2. Il Centro-storico motore della vita culturale, economica e sociale del Comune 
  3. La riqualificazione dei paesi, delle frazioni e dei quartieri: esigenza primaria
  4. Lavoro e occupazione: impegno, fantasia e innovazione, per creare opportunità.
  5. Sicurezza, accattoni, clandestini, nomadi: leviamo la testa da sotto la sabbia
  6. Una politica dirompente per l'Ambiente e il Territorio
  7. Cultura: uscire dal "Club dei pochi" per aprire la città e stimolare le potenzialità presenti.
  8. Commercio e Turismo: fattori primari di sviluppo per la città
  9. Artigianato e P.M.I.: salvaguardare l'esistente ed incentivare nuove opportunità
  10. Mobilità e Viabilità: basta con i tatticismi del passato, ora nuove scelte coraggiose.
  11. L'associazionismo: torni ad essere motore di sviluppo economico e sociale.
  12. Il Sociale: una rivoluzione di scelte e metodi.