Follow by Email

lunedì 24 aprile 2017

La Francia è Lucca??

Alle elezioni in Francia, vince il candidato senza partito, Macron che va primo al ballottaggio con la leader dell'ultra destra barricadiera Le Pen, battendo i candidati autorevoli dei partiti Gollisti, Socialisti e Comunisti.
Una situazione che si potrebbe ripetere anche a Lucca.
Macron, un ex Ministro che uscito dal suo Partito ha costituito in pochi mesi un Movimento fuori dai Partiti tradizionali, l'unico veramente europeista e di centro, che ha preso più voti dei candidati dei partiti tradizionali della destra e della sinistra francese.
Ha rotto il tradizionale duopolio destra-sinistra, senza passare per l'estremismo anti-europeo e razzista.
La Francia è sempre stata precursore delle grandi svolte popolari e politiche, basta pensare al '68, e adesso ha dato un segnale forte all'Europa: i movimenti populisti, estremisti, sovranisti anti europei, possono essere battuti da candidati nuovi, che hanno esperienza di governo, ma che hanno ripudiato i vecchi tradizionali partiti, per porsi come cittadini europei al servizio della nazione, con un rapporto diretto con il popolo.
In piccolo anche alle elezioni di Lucca può ripetersi questo risultato: i candidati, forti sulla carta, del PD da una parte e di FI, Lega e Fratelli d'Italia dall'altra possono essere battuti da un candidato nuovo, ma di grande esperienza amministrativa, che si candida fuori e contro le logiche dai vecchi partiti, chiedendo la fiducia direttamente ai cittadini lucchesi.
E' questa una possibilità che giorno dopo giorno sembra sempre più possibile, se coloro che vogliono cambiare, in tranquillità e senza estremismi, prendono coscienza che si può fare, semplicemente con la scheda elettorale.
In Francia lo hanno fatto, ora proviamoci anche a Lucca.